Come proteggersi dalle vipere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le vipere sono rettili pericolosi perché velenosissimi e si trovano prettamente nelle zone di collina e di montagna. È ben noto come il veleno di questo serpente, una volta entrato in circolo nel nostro sangue, se non si è rapidissimi nel rimediare, può divenirci anche fatale. Per tale motivo, è fondamentale premunirsi accuratamente, al fine di evitare di essere morsi, ed essere a conoscenza delle nozioni basilari di primo soccorso. In questa guida vengono indicati i metodi per evitare di imbattersi in una vipera, per proteggersi da essa, per riconoscerla e viene indicato altresì il primo soccorso da effettuare se sfortunatamente veniamo morsi dal suddetto rettile.

26

Occorrente

  • Seguire i consigli riportati nella guida.
36

Come evitare le vipere

Come fare per non incappare in una vipera? Esse, come la gran parte degli animali, sono rettili tendenzialmente non aggressivi, che attaccano l'uomo solo se messe in condizione di pericolo. Normalmente quindi il loro istinto di sopravvivenza le farà fuggire, per cui se ci ritroviamo a passeggiare per un sentiero, semplicemente provocando un forte rumore, come ad esempio battendo i piedi per terra, o anche servendoci di un bastone, otterremo la paura e la fuga del rettile.

46

Come riconoscere una vipera

La vipera è un rettile che può avere la lunghezza dai 35 agli 85 centimetri. È solitamente di colore giallo-rosso oppure marrone-grigiastro e reca una striscia sul dorso simile ad uno zig zag. Le sue pupille sono a fessura verticale ed ha la testa a forma di triangolo che risulta essere più grande del corpo.

Continua la lettura
56

Come proteggersi da un incontro con una vipera

Se essa assumerà un atteggiamento aggressivo, per esempio se accidentalmente l'abbiamo calpestata, dobbiamo subito cercare di fuggire, per evitare qualsiasi scontro. Infatti come abbiamo già detto in precedenza, le vipere tendenzialmente non sono aggressive e fuggendo ci si può mettere in salvo in tutta facilità.

66

Come comportarsi in caso di morso della vipera

Spremiamo la ferita istantaneamente dopo il morso, di modo da far uscire più veleno possibile.
Se il morso è stato provocato su un arto, stringiamo con un laccio oppure con una cintura a circa cinque centimetri più in alto rispetto al morso.
Se siamo muniti di coppette adatte all'aspirazione, le utilizzeremo per togliere il veleno; diversamente puliremo la ferita con acqua ossigenata oppure anche con acqua normale e un panno pulito, ma meglio ancora con una garza sterile.
Se la parte che è stata morsa è invece il tronco, la testa o il collo, comprimeremo con un laccio elastico intorno al morso, per evitare la diffusione del veleno.
Portiamo nel più breve tempo possibile il paziente presso il più vicino pronto soccorso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come intervenire in caso di morso di vipera

Non c'è nulla di più sgradevole del rimanere vittima di un morso di vipera mentre ci si accinge a raggiungere un bel rifugio di montagna o mentre si è accampati in un prato consumando la meritata colazione al sacco dopo una sgobbata su aspri sentieri....
Rettili e Anfibi

Come allontanare i serpenti da casa

I serpenti sono rettili da sempre temuti dall'uomo europeo, che spesso non ne sopporta nemmeno la vista. Per alcune religioni i serpenti sono animali sacri, per altre (come il cristianesimo) sono sempre associati a immagini di peccato o malvagità. Al...
Rettili e Anfibi

Come distinguere un orbettino da un serpente

L'orbettino è un piccolo rettile che ti sarà sicuramente capitato di incontrare durante una passeggiata in campagna e forse anche nel giardino di casa tua! Purtroppo, pur essendo un animale completamente innocuo per l'uomo, viene spesso confuso con...
Rettili e Anfibi

I principali rettili innocui

Una delle specie animali più interessanti è indubbiamente quella dei rettili che racchiude una varietà molto ampia di specie animali. Non si tratta di una cqtegoria particolarmente amata dalla maggior parte delle persone in quanto i rettili sono spesso...
Rettili e Anfibi

Cosa fare se si incontra una vipera

La vipera è un rettile che possiede due vistosi e appuntiti denti velenosi, una testa triangolare e a punta, un corpo molto tozzo e robusto, tendenzialmente più largo che lungo. Tuttavia in questa guida ci occupiamo di cosa fare se si incontra una...
Rettili e Anfibi

Come riconoscere una vipera e come comportarsi in caso di avvelenamento

I serpenti nella maggior parte dei casi sono velenosi e si possono suddividere in due principali grandi categorie, per cui imparare, a distinguerli e soprattutto a capire se ci troviamo in pericolo o meno, è importante sapere che ad esempio i colubri,...
Rettili e Anfibi

Come allevare un bitis gabonica

Più comunemente chiamata la Vipera del Gabon, questo tipo di serpente è molto diffuso in natura nelle zone della Tanzania, Uganda, Zambia e Mozambico. Fra le diverse vipere è forse la più grande in assoluto, ma possiede un carattere molto mansueto...
Rettili e Anfibi

Come comportarsi in caso di un morso della vipera

Durante avventurose escursioni lungo sentieri di montagna è possibile imbattersi in una vipera, temibile rettile reso riconoscibile dalla caratteristica testa larga e triangolare che, nascosta tra la fitta vegetazione, può improvvisamente mordere gli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.