Come pulire correttamente gli occhi del proprio gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se siamo degli amanti degli animali e ci piacerebbe adottarne uno, prima di prendere questa decisione dovremo capire se saremo in grado di prenderci sempre cura di loro garantendogli una corretta alimentazione e tutto il nostro affetto. Affinché il nostro amico peloso goda sempre di una salute perfetta, ci sono alcune particolari cure che dovremo necessariamente conoscere e che variamo dal tipo di animale che abbiamo deciso di adottare. Su internet potremo trovare moltissime guide che ci indicheranno tutte le operazioni che dovremo svolgere quotidianamente per riuscire a prenderci cura del nostro animale. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a pulire correttamente gli occhi del proprio gatto.

25

Occorrente

  • Cotone idrofilo, acqua o camomilla tiepida
35

Il primo aspetto da tenere sempre in considerazione è di cercare di abituare il proprio gatto alla pulizia quotidiana fin da piccolo. Così facendo, in caso di necessità l'operazione “umana” sarà più facile e si avrà la collaborazione dell'animale, che altrimenti potrebbe “ribellarsi”. Per l’igiene degli occhi è necessario utilizzare del cotone idrofilo strappandone un piccolo batuffolo. Questo dovrà essere poi essere leggermente inumidito con dell'acqua tiepida (quella del rubinetto andrà benissimo). In alternativa, nei casi di infiammazioni con arrossamenti, l’acqua può essere sostituita con della camomilla che ha un blando effetto antinfiammatorio.

45

Una volta bagnato il cotone, è ora indispensabile capire come poter “prendere” e “tenere” il gatto per non farlo agitare. La cosa più importante è che il micio non si spaventi rischiando di graffiare o mordere. Le sue unghie sono molto affilate e potrebbero causare brutte ferite. Utilizzare quindi molta delicatezza nell'avvicinarlo e nel toccarlo. Il modo migliore per tenerlo calmo è di accarezzarlo per un po’ di tempo (cinque minuti basteranno) soprattutto sulla testa e sotto il mento.

Continua la lettura
55

L’operazione di pulizia è molto semplice, basterà appoggiare con delicatezza il cotone bagnato sull'occhio, strofinandolo con molta leggerezza. Per una corretta pulizia bisogna partire dalla parte lacrimale dell'occhio e poi procedere verso il naso finché lo sporco non sarà completamente eliminato. In pratica deve essere fatto un movimento dall’interno verso l’esterno. Una volta che l’occhio sarà ripulito dai residui secretolitici, si potrà passare alla pulizia della parte esterna. Anche in questo caso sarà sufficiente passare delicatamente il cotone imbevuto di acqua tiepida sulle palpebre chiuse dell’animale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come prendersi cura di un Iceland Sheepdog

L'Iceland Sheepdog è un cane da pastore dalle origini molto antiche. La storia vuole che gli antenati di questa razza fossero stati portati in Islanda dai Vichinghi. Com'è facile intuire dal nome, si tratta di cane da pastore e da lavoro dalle qualità...
Cani

Come eliminare Le Pulci dai cani col piretro

Prendersi cura di una cane, sopratutto se è la prima volta che ne adottiamo uno, può risultare abbastanza complicato poiché dovremo sempre essere in grado di garantirgli una corretta alimentazione, le varie cure di cui ha bisogno e un po' del nostro...
Gatti

Come fare se il gatto ha l'occhio infiammato

Se stiamo decidendo di adottare un animale, la cosa più importante prima di procedere con l'adozione sarà quella di capire se saremo veramente in grado di prenderci sempre cura del nostro nuovo amico, garantendoli sempre tutte il cibo di cui ha bisogno...
Cani

Come riconoscere nel cane i sintomi della leishmaniosi

Si dice che il cane sia il miglior amico dell'uomo e proprio come l'uomo, anche il cane non è immune da malattie più o meno gravi. Una di queste è la leishmaniosi. La leishmaniosi è una malattia che colpisce i cani, ma non solo, molto grave e che...
Cani

Come curare un'infezione alla zampa del cane

Il momento in cui decidiamo di adottare un cucciolo dobbiamo essere ben consapevoli che questo non è un semplice "animale da compagnia", ma è anche un essere vivente che va rispettato e, di cui dobbiamo amorevolmente prenderci cura. A tal proposito,...
Volatili

Come alimentare un tucano

Quando si adotta un animale, è fondamentale sapersi prendere cura di lui in maniera perfetta, in modo da farlo crescere sempre in perfetta forma e non fargli mai mancare niente. Su internet potremo facilmente trovare delle guide che ci forniranno tutte...
Rettili e Anfibi

Come tenere un serpente in casa

Se siamo degli amanti degli animale e ci piacerebbe allevare un serpente in casa, per prima cosa dovremo essere sicuri di riuscire a prenderci sempre cura di lui, in modo da farlo crescere sempre in perfetta forma. Per riuscirci dovremo ricercare delle...
Cura dell'Animale

Come nutrire un pulcino

Durante una passeggiata per strada o nelle campagne può capitare di incontrare qualche pulcino. Questi piccoli volatili precipitano spesso dai nidi. Talvolta riportano ferite, anche mortali, e altre volte riescono a salvarsi. Può succedere che, per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.