Come pulire gli occhi ad un cavallo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Gli occhi sono parti molto sensibili, per l'uomo, il cane, come per il cavallo. Pulire queste zone richiede estrema attenzione e delicatezza. Non vanno trascurate le palpebre né l'angolo oculare. Solitamente, questa operazione si associa alla pulizia generale. Tuttavia, può diventare "straordinaria" qualora il cavallo venga esposto per troppo tempo alla polvere o qualche altro fattore esterno. La tecnica potrebbe rivelarsi utile per prevenire serie patologie agli occhi.

27

Occorrente

  • spugnetta morbida
  • acqua fresca e pulita
  • Calma e sangue freddo
37

Prima di procedere con la pulizia, mantenersi estremamente calmi e decisi. Il cavallo è un animale sensibile e reagisce facilmente alle emozioni umane. Pulire gli occhi (peraltro molto delicati) con paura ed insicurezza, potrebbe innervosire il cavallo. La sua reazione è imprevedibile, anche violenta. Pertanto, se in preda all'agitazione, affidarsi a personale esperto per questa operazione. In particolare, consultare il veterinario di fiducia.

47

La pulizia ordinaria richiede una spugna morbida. Pertanto, immergerla nell'acqua semplice, fresca e passarla sugli occhi e le narici. Non premere eccessivamente sulle palpebre e le mucose, per non danneggiare la pelle delicata del cavallo. Insistere, ma con delicatezza, nell'angolo dell'occhio. Nel frattempo, osservare bene il globo oculare per verificare la corretta procedura. In tal senso, si potranno verificare eventuali problematiche e passare alla pulizia straordinaria. Osservare possibili occhi o palpebre arrossati, corpi estranei oppure muco. In questo caso, tranquillizzare il cavallo.

Continua la lettura
57

Con una presa ben salda ma non esagerata, prepararsi all'operazione. Per procedere senza intoppi, farsi aiutare da qualcuno. Quindi, armarsi di una soluzione salina (preferibilmente adatta ai cavalli) e di una spugnetta morbida. Avvicinarsi al cavallo, parlandogli dolcemente e con toni caldi ma decisi. Lui stesso consentirà la verifica degli occhi. Se ha della polvere o della sabbia sulle palpebre e attorno all'occhio, toglierla attentamente con la spugnetta umida oppure con le dita pulite, senza mai toccare direttamente la parte. Tenere l'occhio aperto e lavare con la soluzione salina tutta la superficie oculare. Abbondare con il liquido per disinfettare e lubrificare la zona. In questa maniera, anche altri corpi estranei verranno eliminati. Per eventuali graffi o riflessi sulla cornea rivolgersi immediatamente al veterinario di fiducia. Saprà sicuramente agire per il meglio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultare il medico veterinario di fiducia per eventuali preoccupanti disturbi agli occhi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come fare se il gatto ha l'occhio infiammato

Se stiamo decidendo di adottare un animale, la cosa più importante prima di procedere con l'adozione sarà quella di capire se saremo veramente in grado di prenderci sempre cura del nostro nuovo amico, garantendoli sempre tutte il cibo di cui ha bisogno...
Cani

Patologie oculari nei cani: cosa fare

Molte persone possiedono a casa propria un amico a quattro zampe e, potrebbe capitare che gli occhi del cane necessitino di cura, quindi bisogna fare molta attenzione ed essere in grado di capire se il proprio animale sta bene ancor prima di chiamare...
Gatti

Gatto: come fare quando ha la congiuntivite

Il vostro gatto vi accoglie appena tornate a casa da lavoro con coccole e fusa. Si struscia sui vostri piedi quando state cucinando. Vi si accoccola sulla pancia quando state male. Perciò se ora è il vostro piccolo micio a stare male, dovete icambiare...
Cani

Come mettere il collirio al cane

I motivi per cui mettere il collirio al cane sono molti e diversi tra loro. Si parte dalle patologie più frequenti e meno serie fino ad arrivare a quelle più rare ma molto più gravi per la salute del nostro cane. Di solito bisogna mettere il collirio...
Rettili e Anfibi

Principali malattie delle tartarughe acquatiche

Le tartarughe acquatiche si distinguono per la loro longevità e robustezza. In cattività, non vale lo stesso, infatti l'85% delle malattie è causato da un'alterazione dell'habitat naturale o da una cattiva alimentazione. È importante, per la prevenzione...
Cani

Come Fare Se Il Cane Ingoia Un Oggetto

In alcuni casi si tratta proprio di un comportamento convulsivo, per altri è solo un istinto innato, il cane ingoia di tutto, un po' come capita nei bambini molto piccoli che tendono a mettere tutto pericolosamente in bocca. È importante concentrarsi...
Cani

Come utilizzare la pipetta di antiparassitario sul cane

Con l'arrivo della bella stagione e dei primi caldi primaverili sempre più cani vengono infestati da pulci, zecche e pidocchi. In passato, debellare questi sgradevoli animaletti poteva mettere a rischio la salute del tuo amico a quattro zampe od apparire...
Cura dell'Animale

Cura del cane: l'igiene

Prendersi cura del cane non vuol dire solamente dargli da mangiare e da bere, ma significa tante altre cose. Fra queste un ruolo importante è quello dell'igiene, indispensabile non solo per il benessere e la salute di fido, ma anche per chi vive insieme...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.