Come pulire la teca dei ragni

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Questa guida si rivolge a tutti quanti gli amanti degli animali in generale, in particolar modo agli appassionati dei ragni. Ovviamente, stiamo parlando di una passione un po' particolare. Tuttavia, al mondo non sono pochi coloro che hanno questo genere di interesse. Lo scopo di questo tutorial, infatti, è quello di mostrare in maniera coincisa ma esauriente, come eseguire un'operazione che potrebbe costituire non pochi grattacapi ai possessori di un ragno. Vedremo, pertanto, come pulire la teca dei ragni attraverso facili ed efficaci passaggi.

27

Occorrente

  • Panno pulito
  • Guanti in lattice
  • Acqua tiepida
  • Sapone
  • Candeggina diluita con acqua
37

Per pulire la teca dei ragni è necessario, prima di tutto, rimuovere il ragno dalla teca. Occorre prestare il massimo dell'attenzione a non farlo cadere o fargli del male. È possibile collocarlo in un'altra teca, oppure in un cartone. La cosa più importante è che il posto stabilito debba essere sicuro da probabili fughe, nonché arieggiato e sufficientemente fresco. L'operazione di pulizia della teca non si può eseguire, infatti, con il ragno ancora all'interno. Questo discorso è valido per una questione di praticità, ma prevalentemente per motivazioni di sicurezza riguardanti il ragno stesso. La pulizia della teca è un'operazione che richiede particolari attenzioni. È consigliato, ad esempio, rimuovere la corrente elettrica, oppure staccare le apparecchiature elettroniche situate all'interno della teca stessa, come le lampade, i riscaldatori e quant'altro. È necessario rimuoverli accuratamente, in modo da procedere alla loro pulizia in assoluta sicurezza. A seguire, occorre spostare anche gli altri elementi presenti all'interno della teca, specialmente se ricreano un po' l'habitat naturale del proprio ragno. In buona sostanza, è necessario svuotare completamente la propria teca.

47

A questo punto, è necessario premunirsi di tutto l'occorrente. Intanto, occorre indossare dei guanti in lattice, reperibili facilmente in qualsiasi negozio di ferramenta o in un supermercato. È buona regola eliminare tutte quante le sporcizie solide presenti all'interno della teca, come gli escrementi, che possono, con i loro germi e batteri, intaccare la preziosa salute del proprio ragno. L'utilizzo dei guanti è fondamentale, dal momento che gli escrementi possono essere dannosi anche all'uomo stesso. Prima di effettuare la pulizia vera e propria, è necessario dare, mentre si effettua questo lavoro, una controllata generale della solidità strutturale della teca. Per questo motivo è buona regola andare a controllare che non siano presenti delle crepe o dei fori, focalizzando la propria attenzione soprattutto agli angoli ed alla base della teca. Questo ha la finalità, infatti, di prevenire delle future fughe del piccolo amico ad otto zampe.

Continua la lettura
57

A questo punto, si può procedere con l'operazione di pulizia e di detersione della teca. Quindi, è necessario procurarsi un panno pulito e dell'acqua tiepida. Successivamente, occorre iniziare a pulire energicamente le pareti della teca, base compresa, con il panno umido. Una volta eseguito tutto questo, è bene concentrarsi sugli elementi che sono stati posti all'infuori della teca. È necessario pulirli accuratamente, per poi asciugarli. Al fine di migliorare il processo di lavaggio, è possibile avvalersi dell'utilizzo di sapone o di candeggina mischiata ad acqua. I comuni detergenti, infatti, contengono delle sostanze chimiche che possono minacciare la salute del proprio ragno. Una volta portata a termine questo genere di operazione di pulizia generale, occorre asciugare tutto quanto per bene. A questo punto, si possono sistemare tutti i componenti precedentemente rimossi, compresi quelli elettrici, all'interno della teca. Il proprio ragno è, dunque, pronto a tornare alla propria teca e ritrovare quello che era il suo habitat naturale.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestate attenzione alle eventuali fughe del vostro ragno durante il suo tralsoco momenteo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come tenere un pitone in casa

Come si sa: "de gustibus...". E in virtù di questo principio, ciascuno rivolge le proprie attenzioni verso tutto ciò che gli piace di più. Accade la stessa cosa nell'ambito della scelta di un animale da tenere in casa. Ultimamente si assiste ad un...
Rettili e Anfibi

Come addomesticare un'iguana

Fra i sauri, gruppo di rettili al quale appartengono le lucertole, l'iguana si presenta di dimensioni maggiori. La lunghezza varia da un minimo di 180/250 cm fino a raggiungere, in alcune specie, anche i sei metri. Dimensioni mai comunque raggiunte dall'iguana...
Invertebrati e Insetti

L'allevamento dell'insetto foglia

Al giorno d'oggi sempre più persone si dilettano ne l'allevamento di specie animali molto particolari. Da chi si limita ad avere i classici animali da compagnia, a chi preferisce avere in casa serpenti delle più svariate dimensioni e pericolosità....
Rettili e Anfibi

Come allevare un pitone

Il pitone è un grosso serpente che vive in Asia, Africa e Australia: spesso di lunghezza notevole (raggiunge anche i 10 metri), presenta denti molto sviluppati a forma di uncino con i quali assale mammiferi di media taglia. Nonostante la pericolosità,...
Rettili e Anfibi

Come allevare un serpente

Da qualche anno è possibile anche in Italia possedere ed allevare un serpente, ma le informazioni su come fare ad allevarlo e nutrirlo correttamente sono davvero poche. Con la presente guida vogliamo darvi delle indicazioni in merito, spiegandovi come...
Rettili e Anfibi

5 accessori per l'iguana

Sempre più persone decidono di avvalersi della compagnia di animali esotici, moltissime infatti sono le specie che albergano nelle nostre case. Ma per fare in maniera che questi animali si possano sentire a proprio agio, dobbiamo conoscere a fondo sia...
Rettili e Anfibi

Serpente domestico, come prendersene cura

Il serpente è un animale impegnativo da tenere in casa, sia per la cura sia per quanto riguarda la questione economica, più di quanto si possa immaginare. Importantissima è la scelta del serpente, perché non possono essere allevati tutti allo stesso...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di un geco leopardino

Quando si parla di animali domestici il pensiero corre subito a cani e gatti, seguiti da pappagalli, conigli e pesciolini. Esistono però tanti altri animali, che molti di noi non hanno neanche mai sentito nominare, che fanno parte dei così detti animali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.