Come pulire le zampe al coniglio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I conigli sono animali che dedicano molto del loro tempo alla pulizia.
Non è necessario quindi fargli dei bagnetti per tenerli puliti.
Per alcune zone delicate è comunque necessario il tuo intervento, come per la pulizia delle zampe, della zona dei genitale, delle orecchie.
Le cause della necessità di un tuo intervento possono essere diverse: dall'età del coniglio (il coniglio anziano fatica a pulirsi in maniera ottimale), alla malattia, o semplicemente a cure periodiche particolari.
I conigli amano essere puliti, accuditi e curati nel miglior modo possibile.
Segui alcuni semplici consigli per pulire le zampe del tuo coniglio nel caso ne avesse necessità.

26

Occorrente

  • panno morbido e spugna naturale
  • tronchesino per gatti
36

Zampe posteriori

Devi sapere che il coniglio è portato a soffrire di dermatite nelle zampe posteriori.
Prima di procedere alla pulizia delle zampe controlla quindi bene che siano in ottima salute.
Se presente la dermatite, noterai alcune zone arrossate nascoste dal pelo nella parte posteriore della zampa, il garretto, o nella parte anteriore dalla zampa tra le dita.
Se noti questo problema non tagliare assolutamente il pelo che nasconde questi arrossamenti, ma porta semplicemente il coniglio dal veterinario. Non è nulla di grave, riuscirà a curarla rapidamente.
Qualora la zampa sia in perfetta salute, prendi un panno morbido o una spugna naturale.
Inumidiscila con acqua preferibilmente tiepida, e tampona delicatamente.
Se necessario asciuga successivamente, in modo che non resti umidità tra le dita della zampa.

46

Zampa anteriore

Dopo aver effettuato il controllo come per le zampe posteriore, passa alla pulizia in egual modo: con un panno morbido o una spugna naturale, inumidita con acqua tiepida.
Tampona dolcemente ed asciuga se necessario successivamente.
Questa pulizia è semplice ma efficace.
Il mio consiglio è di non utilizzare sapone o detergenti, ma di utilizzare semplicemente acqua.

Continua la lettura
56

Le unghie

Le unghie del coniglio se si allungano troppo, rischiano di spezzarsi alla base.
Questo provoca dolore e perdita di sangue al coniglio, e non meno importante può provocare infezioni.
Quando le unghie escono vistosamente dal pelo delle zampe devi tagliarle.
Per tagliarle utilizza un tronchesino per gatti.
Controlla mensilmente le unghie del tuo coniglio.
Tagliare le unghie è molto semplice, poni però attenzione a non tagliare i vasi sanguigni che passano in queste zone.
Sono ben visibili per le unghie bianche. Per quelle più scure è sufficiente osservarle contro luce.
Nel caso non ti sentissi sicuro, puoi farlo fare la prima volta al tuo veterinario, osservando bene la tecnica, per poi rifarlo tu a casa più serenamente i mesi successivi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • non utilizzare sapone o detergente

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come misurare la temperatura di un coniglio

Quella di avere un coniglio come animale domestico è ormai diventata una vera e propria moda. È necessario ricordarsi che un animale domestico rappresemta un essere vivente a tutti gli effetti. E in quanto tale necessita di una buona dose di impegno...
Cura dell'Animale

Come capire se il coniglio sta male

Negli ultimi anni, oltre ai cani e ai gatti, anche i conigli (in particolare quelli nani) si sono ritagliati uno spazio importante all'interno delle abitazioni di molti italiani. Sono i bambini ad innamorarsi di tali animali, grazie soprattutto alla morbidezza...
Cura dell'Animale

Cos'è la rogna del coniglio e come curarla

Il problema degli acari della pelle, più comunemente conosciuto come rogna, è la malattia più comune della pelle dei conigli. Invisibili agli occhi, gli acari tendono facilmente a diffondersi sul fieno e nella biancheria da letto e, mentre non costituiscono...
Animali da Compagnia

Come sapere se il coniglio ha la tigna

All'interno di questa guida, andremo a parlare di malattie infettive. Ci dedicheremo ad una malattia infettiva che molto spesso colpisce i conigli: la tigna. Proveremo a rispondere a quest'interrogativo ricorrente nel settore: come facciamo a sapere se...
Cura dell'Animale

Alimenti da non dare al coniglio

Tra gli animali domestici più in voga negli ultimi anni figurano sempre più spesso i conigli. Ne esistono di tantissime razze differenti, dai coniglietti nani, ai testa di leone e molti altri ancora. Sono animali molto affettuosi che possono far divertire...
Cura dell'Animale

Come prendersi cura di un coniglio anziano

Molte persone decidono di adottare un animale come proprio compagno, da tenere in casa e crescere. Diventano quindi parte integrante della famiglia e continuano a vivere con noi per molti anni, soprattutto se li curiamo come si deve. Gli animali da compagnia...
Animali da Compagnia

10 consigli per accudire un coniglio nano

I conigli nani sono degli animali molto vivaci, giocherelloni e da compagnia. Di solito si pensa al cane o al gatto come animale da compagnia, ma anche i conigli possono dare grandi soddisfazioni affettive. Un coniglio nano vive in media tra i 3 e i 5...
Animali da Compagnia

Cosa fare quando il coniglio non mangia

Il coniglio è un animale molto delicato, che bisogna tenere costantemente sotto controllo. Nel momento in cui esso non mangia, è meglio recarsi presso il proprio veterinario di fiducia. Non attendete una diagnosi veloce. Di fatti saranno necessarie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.