Come regolare l'anidride carbonica nell'acquario

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La passione per gli animali è una delle cose più comuni fra la gente. Tuttavia, questa passione spesso si scontra con esigenze logistiche davvero complicate, fra cui sicuramente la più importante è il luogo in cui si vive. Tutto ciò porta a dover evitare di prendere animali che siano troppo ingombranti come magari cani, preferendogli qualcosa di più comodo, come ad esempio pesci. Nonostante la nostra premessa possa farli passare come animali semplici da accudire, questi per poter vivere nell'acquario hanno bisogno che questo sia sottoposto ad una continua ed attenta manutenzione. Fra le varie cose da dover fare, vi è la necessità che venga mantenuto un consono livello di ossigeno e anidrite carbonica all'interno dell'acquario, per evitare che la fauna e la flora di questo ne subiscano tragiche conseguenze. Allora ecco a voi la nostra rapida guida su come regolare l'anidride carbonica nell'acquario!

26

Occorrente

  • Acquario completo, piante acquatiche, pesci da acquario.
36

Stare attenti alla fotosintesi delle piante acquatiche

In un acquario che dicasi perfettamente equilibrato dal punto di vista biologico, si dovrà garantire l’anidride carbonica necessaria tramite l’utilizzo di piante acquatiche a foglie verdi, le quali creano il naturale processo di fotosintesi clorofilliana. In tal modo però l'ossigenazione dell'acqua risulterà diminuita e si potrà verificare la morte dei pesci, delle stesse piante ed il proliferare dei batteri. Volendo aumentarne la quantità, non si riesce tuttavia a fronteggiare il problema dell'anidride carbonica, anche perché le piante, durante la fotosintesi, ne assorbono ancora di più. Si rivela dunque necessario aumentarne la produzione con strumenti aggiuntivi.

46

Acquistare la corretta strumentazione

Si può affrontare la questione senza grossi impegni economici, evitando l’acquisto di bombole di ossigeno usa e getta o ricaricabili. Infatti, con poca spesa, potremo collegare alla pompa del filtro (che dovrà essere in perfette condizioni di funzionamento) un tubicino che sia provvisto all’estremità di una o più pietre porose. Il motorino della pompa spingerà dunque l'aria attraverso il tubicino collegato alle pietre porose, e queste ultime genereranno delle bollicine in grado di eliminare le particelle di acqua stagnante e di ossigenare bene il tutto. In tal modo si ottimizzerà l’anidride carbonica necessaria per la sopravvivenza del ciclo biologico dell’acquario.

Continua la lettura
56

Stare attenti all'esposizione alla luce

assorbimento di anidride carbonica da parte delle piante. Senza però tralasciare il fatto che queste ultime sono di fondamentale importanza, in quanto indispensabili per il mantenimento del ciclo biologico e per la sopravvivenza dei pesci. Insomma, non grandissimi lavori vi attendono nell'andare a salvaguardare il vostro acquario, ma vi basterà essere attenti verso alcune accortezze. Allora non esitate e salvaguardate i vostri pesci. Buona fortuna!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Garantire una luce costante nell'acquario.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

La biochimica in acquario

Far funzionare un acquario e le sue singole parti non è semplice come si può pensare. Il primo ostacolo è sicuramente far funzionare un piccolo ecosistema, con mille parametri e diverse compatibilità. Una di queste è, forse la più importante, la...
Pesci

Come evitare la proliferazione delle alghe nell'acquario

Le alghe sono piante primitive che, attraverso la fotosintesi, uniscono l'acqua e l'anidride carbonica per formare gli zuccheri per la crescita. Le alghe producono ossigeno, un utile sottoprodotto, ma quando la luce solare non è disponibile durante la...
Pesci

Come aggiungere l'acqua all'acquario

Un acquario in casa è un colpo d'occhio davvero di grande impatto. Infatti i pesci colorati e il colore cristallino dell'acqua, danno un senso di armonia e di tranquillità. Allo stesso tempo, un acquario è simbolo di eleganza e classe. Curare un acquario...
Pesci

Come abbassare il pH in acquario

Il ph regola l'acidità o la basicità dell'acqua. Tra i vari interventi di manutenzione ordinaria, controlla periodicamente questo valore, per evitare danni a pesci e piante tropicali o marine. In genere, in un acquario d'acqua dolce l'acidità non deve...
Pesci

Guida alle piante dell'acquario

In questa guida verranno date informazioni sulle piante dell'acquario. La manutenzione e gestione di questo contenitore trasparente, con dentro acqua dolce, prevede delle regole ben precise che bisogna rispettare per consentire ai pesci di vivere e stare...
Pesci

Alga reale: i benefici per l'acquario

Le alghe sono organismi che nascono in ambienti acquatici, dove si nutrono di sostanze disciolte in acqua, riproducendosi velocemente ma mantenendo al contempo l'acqua pulita dalle scorie organiche. Le alghe sono delle specie infestanti, perché tendono...
Pesci

Come gestire al meglio il vostro acquario

Se in casa avete un acquario di tipo marino o tropicale, ed intendete curarlo seguendo delle specifiche linee guida in modo da non incorrere in problemi sia dal punto di vista strutturale che da quello riguardante la salute di pesci e piante, ecco allora...
Invertebrati e Insetti

Zanzare: 5 cose da sapere

Arriva il caldo umido e ritroviamo in agguato centinaia di zanzare pronte a succhiare il nostro sangue e infastidirci con i pruriti interminabili che solo loro sanno provocare. Ogni anno purtroppo bisogna fare i conti con questa realtà. I rimedi inventati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.