Come riabilitare il cane dopo un'intossicazione alimentare

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per gli amanti degli animali e per chi possiede un cane deve sapere che possono succedere degli imprevisti ai nostri animali domestici, come un'intossicazione alimentare. Il nostro cane soffre molto per la sua salute e il suo benessere quando è in atto un'intossicazione alimentare. Esistono due tipologie di intossicazioni alimentari: intossicazione alimentare da sostanze liquide oppure intossicazione alimentare da sostanze solide. Un esempio di intossicazione alimentare da sostanze liquide è quando il nostro cane possa soffrire di disturbi gastrici e diarrea improvvisa dopo aver bevuto della semplice acqua di rubinetto. Un esempio di intossicazione alimentare da sostanze solide è quando sono causate dai cibi avariati o dalle sostanze chimiche presenti negli alimenti che diamo da mangiare all'animale. In questo articolo vi spiegherò come riabilitare il cane dopo un'intossicazione alimentare.

26

Occorrente

  • acqua
  • legumi
  • carne
36

Il primo consiglio da seguire è di portare il cane dal veterinario per verificare che si tratti solo di una semplice intossicazione alimentare oppure che siano presenti dei sintomi di malattie più gravi come ad esempio la leptospirosi. Il veterinario attraverso la visita può prescrivere la cura giusta e gli esami clinici necessari.

46

Il secondo consiglio da seguire riguarda i sintomi di una intossicazione alimentare. I sintomi di una intossicazione alimentare sono subito riconoscibili, e sono i principali il vomito, la diarrea e i dolori addominali, e anche a volte un'orticaria sviluppata in maniera eccessiva. In ogni caso questi sintomi non sono mai da sottovalutare ed è molto importante la visita dal veterinario.

Continua la lettura
56

Il terzo e ultimo consiglio da seguire riguarda il percorso riabilitativo. Il percorso riabilitativo del cane in caso di intossicazione alimentare è abbastanza semplice da programmare. Ogni 2 o 3 mesi si consiglia di introdurre qualche giorno di dieta mirata al ripristino dei corretti valori fisiologici del nostro cane. Un consiglio di trattamento riabilitativo è di iniziare con 2 o 3 giorni di dieta molto rigida, dove si somministra solo l'acqua e dei legumi in piccole quantità, e ciò con l'obbiettivo di ripristinare il corretto funzionamento dell'intestino del cane. Durante i 3 o 4 giorni successivi si possono introdurre progressivamente piccole quantità di carne, possibilmente senza sale o altre tipologie di spezie. Dopo una settimana il nostro cane potrà tornare ad una alimentazione normale.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • in caso di sintomi gravi e prolungati rivolgiti al veterinario

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Le piante velenose per i gatti

Se il vostro micio, oltre ad essere un pantofolaio che cerca posticini in cui dormire indisturbato, è un brillante e coraggioso esploratore ed entra in contatto con le piante del terrazzo o, addirittura, è libero di sgattaiolare nel giardino, prestate...
Gatti

I 10 cibi più pericolosi per i gatti

Tra gli animali d'appartamento più comuni ci sono i gatti,  i quali possiedono un resistentissimo sistema digerente. Essendo ottimi predatori, sono capaci di digerire carne cruda e detriti di ossa. Anche la formazione della dentatura è composta da...
Cani

Avvelenamento cani: cosa fare

Il cane è il migliore amico dell'uomo e ormai per ognuno di noi non è solo un animale di cui prendersi cura, ma rappresenta un vero e proprio membro della famiglia e, come tale, ha bisogno di tutte le attenzioni necessarie affinché sia in salute e...
Gatti

Consigli per riconoscere le piante tossiche per i gatti

I gatti sono degli animali estremamente resistenti, tuttavia anche per loro i pericoli sono sempre in agguato. Soprattutto perché sono estremamente curiosi e spesso assaggiano quello che trovano per casa e nel giardino. Per questo motivo è di fondamentale...
Gatti

Guida alle piante tossiche per il gatto

Qualunque persona abbia un gatto è ha conoscenza del fatto che questi simpatici animali sono molto attratti da alcune tipologie di erbe: quando hanno l'opportunità d'esplorare un giardino o anche semplicemente un ambiente domestico, essi si ritrovano...
Cura dell'Animale

Le piante più pericolose per cani e gatti

Spesso crediamo che i nostri amici a quattro zampe siano del tutto indifesi o sprovveduti nei confronti delle minacce che l'ambiente gli para davanti. Inutile dire che non è assolutamente così: anche cani e gatti hanno una propria intelligenza, propri...
Gatti

Come capire se il gatto ha le pulci

Se il gatto di casa trascorre molto tempo a grattarsi, non è da escludere che potrebbe avere addosso le pulci, sgradevoli parassiti che attaccano gli animali domestici, specialmente in primavera e in estate. Per capire se la fonte del prurito è dovuta...
Gatti

10 alimenti da non dare al proprio gatto

Ogni persona che possiede un gatto dovrebbe prestare attenzione alla sua alimentazione. Una corretta alimentazione è fondamentale per la salute del nostro micio. Al giorno d'oggi esiste molta disinformazione per quanto riguarda quest'argomento. Il mio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.