Come Riconoscere Il Barbus Plebejus

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il Barbus Plebejus o Barbo italico, è un pesce d'acqua dolce appartenente all'ordine Cyprioniformes. Diffuso nell'Italia settentrionale, è possibile trovarlo in quasi tutti i fiumi e torrenti, raramente nei laghi: predilige infatti le acque correnti e limpide, con fondi ghiaiosi. Come tutti i pesci della famiglia dei Ciprinidi ha il corpo affusolato, lungo di solito m 0,5 o poco più e pesa al massimo 5-6 kg. La livrea è verde sul dorso con puntini neri, gialla sui fianchi e di colore bianco sul ventre. Esso si nutre di invertebrati, alghe, larve e di pesci piccoli. Il Barbo quando si procura il cibo sta in fila indiana in corrente, cioè uno dietro l'altro, facendo ciò ne facilita la cattura al pescatore. Se seguirete la guida nei vari passaggi vi spiegherò in maniera dettagliata come riconoscere il Barbus Plebejus.

26

Nei maschi la maturità sessuale viene raggiunta a circa quattro anni d'età, mentre nelle femmine a circa cinque anni. I maschi in riproduzione presentano piccoli e numerosi tubercoli sul capo, sull'opercolo e al centro delle scaglie del dorso, specialmente nell'area tra il margine posteriore dell'osso occipitale e l'origine della pinna dorsale. Le uova vengono fissate alle pietre sommerse e si schiudono entro dieci, quindici giorni. Questo pesce vive in acque moderatamente profonde, con presenza di correnti e buona concentrazione di ossigeno. In inverno si rifugia in tane, o sotto i massi, nelle acque più profonde. Il barbo ha quattro barbigli che pendono, due per parte, ai lati della bocca, le cui mascelle sono prive di denti. La bocca si caratterizza con labbra carnose grosse e protrattili.

36

Gli occhi si presentano piccoli con iride giallo oro. I denti faringei sono disposti su ciascun lato, in tre serie ed in numero di nove, dieci per lato. La coda biloba è inserita su di un robusto peduncolo. Le squame sono di medie dimensioni e saldamente impiantate, sono quasi impercettibili al tatto. Il Balbo italico è specie gregaria, specialmente in giovane età; gli adulti di età superiore ai cinque, sei anni, possono sviluppare la tendenza a vivere isolati. Localmente può dividere l'habitat con altre specie ittiche, tra cui in particolare: l'alborella, la savetta, il vairone, la saguinerola, il cobite ed i ghiozzi. Occasionalmente può cibarsi anche di vertebrati morti. Tra gli insetti risultano predati: i tricotteri, plecotteri ed efemerotteri.

Continua la lettura
46

Questo pesce è presente in Europa: numerose specie simili, alcune delle quali si allevano negli acquari per i loro vivaci colori, sono variamente diffuse nel continente europeo, in Africa e in Asia. Le carni del Barbo non sono pregiate perché ricche di spine; le sue uova provocano nell'uomo fenomeni di avvelenamento e nell'antichità venivano usate per procurare il vomito.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

I principali pesci marini per acquario

Prendersi cura del proprio acquario potrebbe non essere affatto semplice. Ciò significa non solo eseguire la giusta manutenzione, ma informarsi al meglio anche sulla tipologia di pesci da poter inserire al suo interno. Infatti, integrare dei nuovi pesci...
Altri Mammiferi

Tutto sulle orche

L'orca è uno splendido esemplare appartenente al regno del mare. In questa guida conoscerete tutto ciò che c'è di più saliente da sapere sulle orche; oltre ad evidenziare le sue caratteristiche morfologiche, scopriremo le sue abitudini, e anche alcune...
Cani

Tutto sul Weimaraner

Il Weimaraner è un cane molto robusto, forte e resistente, che presenta una forma fondamentalmente arrotondata. Il carattere di questo cane è molto calmo però è molto astuto e abile. È considerato da tutti uno dei migliori cani da ferma presente...
Volatili

Tutto sul condor

Il condor è un grande rapace diurno appartenente alla famiglia Catartidi dell'ordine Falconiformi. Affine agli avvoltoi dell'Eurasia e dell'Africa è lungo oltre un metro e la sua apertura alare può superare i 3 metri. Il condor è diffuso sulla Cordigliera...
Cura dell'Animale

5 regole d'oro per la cura delle quaglie

Chi decide di allevare quaglie (attività alla quale è stato assegnato il nome di Coturnicoltura) lo fa solitamente per avere a disposizione le uova che, oltre ad avere un sapore invitante, presentano ottimi valori dal punto di vista alimentare. In particolare,...
Rettili e Anfibi

Come Riconoscere il ramarro

Con la seguente guida andremo a parlare di Ramarro. Nello specifico, come avrete compreso attraverso la lettura del titolo stesso, ora andremo a parlare, in modo particolare, di Come Riconoscere il ramarro.Il ramarro è una lucertola tipica delle regioni...
Pesci

Come trovare i notostraci

Conoscere la fauna marina non è cosa semplice poiché il loro habitat è praticamente completamente diverso dal nostro: gli ambienti marini, per quanto esistano attrezzature efficaci per poter raggiungere notevole profondità e quindi pressioni notevoli,...
Volatili

Come riconoscere il picchio rosso maggiore

Questa guida è interamente dedicata ad un simpaticissimo volatile molto amato anche dai bambini in quanto presentato anche in alcuni cartoni animati. Si tratta del picchio rosso maggiore, un abitante dei boschi da una livrea stupenda. Ecco nei prossimi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.