Come riconoscere il picchio rosso maggiore

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Questa guida è interamente dedicata ad un simpaticissimo volatile molto amato anche dai bambini in quanto presentato anche in alcuni cartoni animati. Si tratta del picchio rosso maggiore, un abitante dei boschi da una livrea stupenda. Ecco nei prossimi punti come riconoscere nel dettaglio questo volatile.

27

Occorrente

  • Spirito d'osservazione
  • Molta pazienza
37

Il picchio rosso maggiore, conosciuto anche secondo la scheda tecnica come dendrocopos major, è un uccello appartenente all'ordine dei Piciformes e alla famiglia dei Picidae.
Si tratta di un animale di piccole dimensioni in quanto la sua lunghezza non supera i 20 centimetri e di peso sfiora appena i 100 grammi.

47

La sua livrea è qualcosa di unico data la cromaticità che si diversifica per ogni parte del corpo: presenta il capo nero con una macchia rossa dietro, due piccole circonferenze attorno agli occhi di color marrone nocciola. Il dorso è nero con poca parte del piumaggio di colore bianco sulle ali, mentre il petto è marrone nocciola con la parte verso le zampe di color rosso.
Il becco è appuntito, robusto e resistente.

Continua la lettura
57

È diffuso in tutta Europa ma predilige le zone con buona percentuale di boschi di conifere e latifoglie.
Il suo verso è inconfondibile in quanto assomiglia ad un acuto "pic pic pic pic".
Scava il nascondiglio in tronchi vecchi dove la femmina depone poi le uova, fino a sei unità, che vengono covate per circa venti giorni.
Il picchio rosso si nutre principalmente di insetti, ma nel periodo invernale non si crea difficoltà ad avvicinarsi alle case alla ricerca di briciole, frutta secca o altro.

67

Approfondimenti e curiosità:
Le forme sono relativamente tozze, con grande testa arrotondata e forte becco a pugnale. Si presenta nero sul dorso, sulle ali e la coda con delle striature biancastre alle estremità. Il petto e il collare sono beige, mentre l’addome è rosso acceso. Il capo è nero con gola e guance bianche, separate da una sottile linea nera che parte dal becco. Il becco è nero, appuntito e ben robusto e le zampe sono conformate alla progressione su tronchi verticali che vengono risaliti a saltelli, aggrappandosi con i forti artigli e aiutandosi con la coda. I maschi si distinguono molto facilmente dalle femmine perché a differenza di queste ultime hanno una striscia rossa sulla nuca. I nidi presentano un ingresso circolare di diametro non superiore a 5 cm (lievemente inferiore a quello dei nidi del Picchio verde). Gli scavi alimentari sono di norma delle serie di piccoli fori poco profondi. Il nido viene costruito dalla coppia scavando una profonda apertura orizzontale a gomito nei tronchi d’albero (preferibilmente morti) a circa una decina di metri d’altezza. La femmina depone 4-6 uova all’anno che vengono covate per circa 15 giorni. I piccoli lasciano il nido dopo circa 20 giorni.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercarlo nel periodo dell'anno più consono
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

10 curiosità sugli animali

Le stranezze e i comportamenti bizzarri, non sono un'esclusiva umana! Il regno animale infatti, nasconde moltissime bizzarrie che spesso l'uomo ignora. Anche i nostri amici domestici spesso insospettabili, nascondono dei lati curiosi che non conosciamo....
Volatili

Tutto sulla civetta nana

La civetta nana appartiene alla famiglia degli Strigidae. È sicuramente il più piccolo rapace esistente sul suolo europeo. Infatti la sua lunghezza può variare dai 15 ai 17 centimetri. Mentre la sua apertura alare arriva al massimo a 35 centimetri.Il...
Altri Mammiferi

Guida alla fauna abruzzese

Per gli amanti della natura e degli animali selvatici il Parco Nazionale d'Abruzzo rappresenta un vero e proprio fiore all'occhiello per tutto il territorio nazionale. Nato diversi decenni fa per tutelare specie animali in estinzione, con un po di fortuna...
Volatili

Come riconoscere l'athene noctua

L'Athene noctua è il termine scientifico con cui si denomina la civetta, che è un piccolo rapace appartenente alla famiglia degli strigidi, uccelli diffusi nella maggior parte dei continenti. Il genere Athene si suddivide in tre specie principali: noctua,...
Volatili

Airone: le differenti specie

L'airone è un uccello della famiglia degli ardeidi dell'ordine dei Pelecaniformes. Il nome di questi uccelli, secondo la leggenda narrata da Ovidio, viene dalla cittadina di Ardea, dalla quale un airone spiccò il volo dopo che Enea la distrusse completamente....
Volatili

Come Riconoscere Il Tucano Toco

Il mondo animale è uno spazio che viene ammirato da bambini e adulti di ogni età ma non tutti sono in grado di dargli un nome e capire il loro habitat. Come riconoscere il Tucano Toco non è difficile per gli amanti della fauna, uomini esperti che non...
Volatili

Come Riconoscere L'Anatra Marzaiola

In questa guida come avrete letto dal titolo vi spiegherò in maniera semplice come riconoscere un esemplare di Anatra Marzaiola. Il suo nome italiano, deriva proprio da Marzo perché attraversa il nostro paese in questo periodo dell'anno. Appartiene...
Volatili

Come riconoscere la folaga

Gli uccelli sono una classe di vertebrati particolarmente adatti al volo, in conseguenza della trasformazione degli arti anteriori in ali. Essi sono sparsi in tutte le parti del globo, ma con aree di diffusione molto diverse da specie a specie. Alcuni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.