Come riconoscere il sesso di un camaleonte

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il camaleonte è un rettile affascinante, ma sapere come allevarlo non è da tutti. Soprattutto per chi è alle prime armi, prendere in casa un camaleonte potrebbe rivelarsi molto più complicato del previsto: cibo, terrario correttamente ventilato e illuminato, cura e controlli veterinari richiedono conoscenze specifiche e attenzione. Un dubbio comune in chi si avvicina per la prima volta alla gestione di questo animale è il saper riconoscerne il sesso. Spesso, infatti, gli stessi venditori non hanno le idee perfettamente chiare e non trasmettono informazioni esatte. Vediamo dunque le linee guida per riconoscere il sesso del proprio camaleonte, prendendo in considerazione i camaleonti più comuni nel territorio italiano: il Chamaeleo calyptratus e il Furcifer pardalis.

24

Osservare le dimensioni e la lunghezza dell'animale

I criteri base per distinguere il sesso di un camaleonte richiedono dunque l'osservazione delle dimensioni e della lunghezza dell'animale, l'osservazione degli eventuali speroni sulle zampe, del casco e dell'attaccatura della coda e soprattutto l'analisi dei colori e delle striature: le femmine hanno tendenzialmente colori meno vivaci e accesi dei maschi. Se si tratta del Calyptratus, i maschi hanno colori accesi e striature che contrastano nettamente, mentre le femmine hanno punti e macchie tondeggianti al posto delle striature e non posseggono stacchi di colore così netti.

34

Fare attenzione ai colori sgargianti

Se si tratta dei Pardalis, attenzione ai colori sgargianti: sono identificativi della provenienza e appartengono dunque a un maschio, mentre le femmine hanno colori caldi e bande scure. Detto questo basterà solo un po' di pratica visiva per riconoscere la distinzione di sesso di questo fantastico animale esotico.

Continua la lettura
44

Fare attenzione allo sperone tibiale sugli arti posteriori

Per quanto riguarda il Chamaeleo calyptratus, il maschio ha una lunghezza media di 35-45 cm, ma in casi eccezionali può arrivare anche a 60 cm. La femmina è più piccola ed è lunga dai 30 ai 35 cm. Il maschio presenta uno sperone tibiale sugli arti posteriori e ha un casco (una protuberanza ossea sulla sommità del cranio) più pronunciato e di maggiori dimensioni rispetto a quello della femmina. La colorazione è per entrambi di intensità variabile, a seconda dello stato d'animo, ed ha come colore di base il verde; i maschi, però, hanno colori più accesi e sono caratterizzati da striature dorate, nere e con sfumature vivaci di verde. Le femmine, al contrario, presentano una colorazione di un verde meno brillante, con macchie e punti (e non striature, a differenza del maschio) di un giallo o verde più tenue.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Tutto sul camaleonte

Tra gli animali tropicali uno dei più affascinanti è sicuramente il camaleonte. Il termine deriva dal latino chamaeleon, che a sua volta deriva dal greco e significa “leone di terra". Si tratta di un rettile di piccole dimensioni squamato che appartiene...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un terrario all'aperto per camaleonti

In questo articolo ci dedicheremo la nostra attenzione ad un argomento molto particolare. Parleremo di un animale non proprio comune, ovvero, parleremo del camaleonte. Si tratta di un animale esotico, che cambia il colore della sua superficie in base...
Altri Mammiferi

I 10 animali più belli del mondo

Stabilire una realistica lista che comprenda i 10 animali più belli del mondo è virtualmente impossibile semplicemente perché la bellezza è sempre soggettiva. Ma ci si può provare. Ogni anno vengono scoperte circa 10.000 nuovi animali fra nuove specie...
Rettili e Anfibi

Come allestire una gabbia per camaleonti

Nelle abitazioni, oggi è possibile accudire animali esotici, spesso considerati pericolosi da molti. Non fa parte di questa categoria il camaleonte, rettile che riesce a mutare il proprio colore per mimetizzarsi con l'ambiente che lo circonda. Se avete...
Rettili e Anfibi

Come allestire una teca per camaleonti

I camaleonti sono degli animali che tendono quasi sempre ad essere sedentari ed inoperosi. La loro principale caratteristica è quella di riuscirsi a mimetizzarsi, cioè tendono a colore in base all'ambiente in cui si trovano. Noi, infatti, li conosciamo...
Altri Mammiferi

5 animali tipici del Madagascar

In Madagascar è possibile trovare una fauna molto variopinta e differente da quella presente in Africa, al contrario di come si potrebbe pensare. Quest'isola dell'Oceano Indiano è ricca di animali molto diversi dagli elefanti e dai leoni, proprio a...
Animali da Compagnia

Come riconoscere il sesso di un gerbillo

Se avete pensato e deciso di adottare un gerbillo, la scelta non è malvagia. Tali roditori piccoli, sono infatti delle creature che socializzano tanto con gli esseri umani, e che sono perciò degli animali domestici buoni che stanno con tutta la famiglia....
Animali da Compagnia

Come riconoscere il sesso di un coniglio

I conigli, grazie alla socievolezza e alla docilità che li contraddistinguono, sono ottimi animali da compagnia presenti da anni in numerose abitazioni. Qualora si decidesse di allevare uno di questi simpatici mammiferi, è particolarmente importante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.