Come Riconoscere La Nepa Cinerea

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Tra gli insetti che dominano nell'ambiente delle acque dolci, c'è la Nepa cinerea nota anche come scorpione d'acqua. Per individuarla, è necessario recarsi dunque presso le rive di stagni, laghi, o lungo fiumi a corso lento. La Nepa cinerea a dispetto del suo soprannome, non è un vero scorpione (animale che appartenente invece agli Aracnidi), si tratta bensì di un insetto emittero. Un lontano parente delle cimici che ha evoluto il suo modo di vivere in ambiente acquatico. Il nome comune di scorpione d'acqua gli è stato dato a causa della vaga somiglianza con gli scorpioni. In questa guida dunque, vedremo come fare per riuscire a riconoscere la Nepa cinerea.

26

La Nepa cinerea ha un corpo piuttosto piatto e largo delle dimensioni di circa 2 centimetri esclusa la coda. Le femmine risultano più grandi rispetto ai maschi. Il loro colore è bruno o marrone scuro, notarle risulta difficile a causa delle capacità mimetiche. Di norma si seppellisce infatti nel fango delle rive degli stagni, o sott'acqua, in attesa di una facile preda. La lunga coda è in realtà un sifone con cui l'insetto incamera aria sotto le ali, aria che gli serve per respirare sott'acqua. Tale sifone è il motivo principale dell'associazione di vaga somiglianza con gli scorpioni.

36

Le zampe anteriori sono trasformate in zampe raptatorie come quelle della mantide religiosa, e possono afferrare i piccoli animali di cui la Nepa cinerea si nutre. La testa è di dimensioni molto ridotte rispetto al resto del corpo ed è dotata di grandi occhi composti e di un lungo rostro sottile con cui la nepa sugge la linfa vitale delle proprie prede. Essa caccia altri insetti acquatici, crostacei, girini, anfibi e pesciolini. Il morso della nepa è molto doloroso anche se viene inflitto all'uomo, ma privo di conseguenze serie. Sono inoltre presenti due piccole antenne che durante il riposo dell'insetto vengono alloggiate all'interno di due fossette situate situate sotto gli occhi.

Continua la lettura
46

Dopo l'accoppiamento la femmina depone una ventina di uova nel fango delle rive. Queste sono dotate di 7 piccoli sifoni che le aiutano a respirare. I piccoli che nascono sono simili agli adulti ma senza ali e coda, e si accrescono fino all'inverno. In primavera diventano adulti e vivono ancora un anno e mezzo.

Tenendo a mente le semplici indicazioni riportate all'interno di questa guida, sarà semplice riuscire a riconosce la Nepa cinerea. A questo punto non resta che armarsi di pazienza, recarsi sulle sponde di qualche fiume o lago per provare ad individuare questo particolarissimo insetto. Un occhio di riguardo va sempre tenuto in funzione del rischio, seppure lieve, di subire un dolorso morso: meglio evitare la cattura a mani nude!

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione al morso

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Gli insetti più pericolosi del mondo

Generalmente alcuni insetti come lo scorpione incutono terrore solo a vederli in foto. Da sempre gli insetti sono protagonisti di film avventurosi e horror per due motivi. Il primo è che solitamente strisciano e sono silenziosi per cui sono temuti dall'essere...
Invertebrati e Insetti

La famiglia degli aracnidi: caratteristiche e suddivisione

Gli aracnidi sono una specie animale appartenente alla famiglia degli artropodi, che comprende esemplari tipo ragni, zecche, scorpioni e acari. Sulla terra ne esistono più di 60 mila, ed il nome è di origine greca che significa ragno, poiché questo...
Cani

Come fare in caso di puntura di scorpione

Tutti noi conosciamo più o meno gli scorpioni e sappiamo che quelli presenti nella Penisola Italiana, chiamati "Euscorpius Italicus", non sono letali. Bisogna comunque prestare quel minimo di attenzione, in quanto la loro puntura vi potrà causare degli...
Animali da Compagnia

I 10 animali più strani che puoi tenere a casa

Ancora oggi cani e gatti rappresentano gli animali da compagnia più amati dagli italiani, tanto che la loro presenza nelle case aumenta di anno in anno. Tuttavia, non sono pochi coloro che hanno deciso di fare scelte più "alternative", ospitando nella...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere il ragno Tegeneraria Agrestis

In questa semplice ed esauriente guida ci occuperemo di come identificare e riconoscere la Tegeneraria Agrestis, che rappresenta un tipo di ragno molto pericoloso. Esso è nativo dell'Europa occidentale, ma alcuni esemplari sono stati trovati anche negli...
Altri Mammiferi

Come reagire al morso di un riccio

Quanto possa essere carino un riccio può raccontarvelo solamente chi ha avuto la fortuna di incontrarlo nei boschi o chi ha abitato e/o abita nelle loro vicinanze. Ma ancor meglio può narrarlo chi ha deciso di sceglierlo come animale domestico. La natura...
Rettili e Anfibi

Come distinguere la natrice dai colubridi

In Italia vivono serpenti appartenenti a due sole famiglie, quelle dei colubridi e quella dei Viperidi. I Colubridi sono la famiglia di serpenti più vasta al mondo e sono diffusi in tutti i continenti tranne l'Antartide.I Colubridi, tranne i generi Macroprotodon,...
Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere Gli Amblipigi

Gli Aracnidi sono in genere animali piuttosto malvisti che provocano paura in molte persone. Gli amblipigi sono un gruppo di animali che sembra fatto apposta per aumentare a dismisura le paure di un aracnofobico; in realtà sono animali molto affascinanti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.