Come riconoscere la nitticora

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Passeggiando per i boschi e osservando tutte le bellezze che la natura, silenziosa, ha da offrirci, possiamo notare il suono dolce e i voli liberi di molti volatili; talvolta però vorremmo imparare a conoscere e distinguere i vari animaletti che vediamo. Ecco che in questa semplicissima ed intuitiva guida, diamo qualche piccolo accorgimento sul come riconoscere la nitticora: un piccolo uccellino, che si trova un po in giro per il mondo (ad eccezione del continente dell'Oceania) e che conquista proprio tutti!

26

La nitticora è un uccello molto bello, particolare, intelligente e super affascinante. In inglese è definito "night heron," per la sua incredibile dote di saper cacciare abilmente le prede anche di notte.
Sappiamo che questo animaletto appartiene alla famiglia degli Ardeidi ed è una specie migratrice e gregaria. La femmina è in grado di deporre tre o cinque uova, che poi vengono covate da entrambi i genitori, per circa un mese. Dopo due settimane, i piccoli sono pronti per prendere il volo e nutrirsi in maniera del tutto indipendente.

36

Si tratta di un volatile di medie dimensioni, che colpisce per il colore bianco del suo piumaggio, intervallato dal grigio presente sul dorso e sul capo; le ali presentano un colorito leggermente più chiaro e striato. La sua principale e rilevante caratteristica, è che presenta un collo estremante corto. Un'altra seconda caratteristica che accomuna questo airone, sono le zampe piccole e molto corte dal colore giallastro. Spicca poi il colore intenso e rosso degli occhi e il becco piccolo e sottile che si presenta nero. Quindi guardando dall'esterno quest'uccello, si possono cogliere in maniera assoluta, piccoli particolari che permettono di classificarlo in maniera agevole e sicura; fate attenzione alla fase dell'osservazione.

Continua la lettura
46

Dobbiamo certamente precisare che la nitticora adulta, ha una dimensione pari a 65 cm di altezza e un peso corporeo che oscilla tra 727 1014 grammi. Se invece, avete la fortuna di incontrare l'uccello nello stadio "giovanile", noterete che il colore del corpo è sicuramente più uniforme, di un bellissimo colore marrone ambrato, adornato da qualche sprazzo di nero e bianco. Mentre l'occhio potrebbe risultare arancio-giallo. L'uccello, come abbiamo detto, si trova in quasi tutti i continenti e se volete dargli da mangiare è bene ricordare che l'alimentazione è costituita da piccoli pesci, girini, larve, insetti, vermi. È possibile vederlo in azione, alla ricerca di cibo, in acque poco profonde.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • osservate attentamente
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come allevare l'uccello "organetto" in voliera

L'organetto è un uccello, facente parte della stessa famiglia dei passeri, abbastanza diffuso in quasi tutti i continenti. Lo ritroviamo, infatti, molto facilmente in Europa, in Asia e nella parte settentrionale dell'America. È un animale di piccole...
Volatili

Come soccorrere un uccello ferito

A volte durante un'escursione in campagna oppure una passeggiata in città può succedere di vedere un uccello ferito o comunque che ha difficoltà a volare. Se si verifica questa situazione probabilmente non si è in grado di poter intervenire correttamente....
Volatili

I volatili più longevi al mondo

Tra i primati che si possono rilevare in natura uno dei più interessanti riguarda la longevità, argomento che affascina da sempre scienziati e filosofi. Questa volta ci soffermiamo sui volatili più longevi al mondo, tenendo conto che la media per queste...
Volatili

Come curare il piumaggio dei volatili in gabbia

Molte persone possiedono nelle loro abitazioni dei piccoli o medi animali domestici. C'è chi preferisce la compagnia di un gatto o di un cane, chi preferisce avere un piccolo acquario con dei pesci colorati di tutti i tipi per vivacizzare un po' l'ambiente...
Volatili

Diamante mandarino: caratteristiche e alimentazione

Il diamante mandarino è un uccello dalle origini esotiche comunemente conosciuto con il nome di diamantino, infatti la sua presenza è cosi comune da essere al secondo posto dopo il canarino. Prima di crescerne uno è bene sapere alcune cose su di esso....
Volatili

Curiosità sull'albatro

L'albatro (famiglia Diomedeidae) è un grande uccello marino dal piumaggio candido e il becco uncinato. Prima di svelarvi le principali curiosità sull'albatro, ve lo presento. La sua famiglia comprende 21 specie, che in totale popolano vaste aeree oceaniche...
Volatili

Come riconoscere un'upupa

L'upupa è un meraviglioso uccello di medie dimensioni, che presenta il becco lungo e sottile, ma ciò che lo caratterizza per poterlo riconoscere è il piumaggio formato da un ciuffo di penne sul capo. Il nome di questo animale rappresenta un'onomatopea...
Volatili

Come allevare una gazza ladra

La gazza ladra è un uccello di medie dimensioni, fa parte della famiglia dei corvidi e si riconosce con grande facilità poiché è caratterizzata da una colorazione bianca e nera con riflessi blu e verdi e da una lunga coda graduata. Quando si decide...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.