Come rimproverare il gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Avere un compagno peloso in casa, è una delle cose più belle che ci possa essere. I gatti, al contrario di ciò che si pensa, sono infatti dolcissimi, alla ricerca di coccole continue e di amore. Tuttavia, molto spesso sono anche testardi e viziati, ed è per questo che è necessario rimproverarli per fargli capire cosa è giusto e cosa non lo è. Prima di avere un gatto in casa quindi, è necessario imparare ad educarlo e a non lasciarlo andare in giro a far ciò che vuole. Come bisogna rimproverare un gatto? Quali sono le mosse giuste da fare e le parole giuste da dire? Vi chiederete. Non preoccupatevi, in questa guida vi spiegherò in breve come fare.

27

Occorrente

  • Pazienza
  • Bocconcini di carne o biscottini
  • giocattolino
37

Imparare il carattere del gatto

I gatti, anche se dimostrano dolcezza continua per il loro modo di fare e per i loro aspetto, dimostrano anche menefreghismo e testardaggine se non vengono rimproverati spesso e come si deve. Ogni gatto ha sempre voglia di fare quello che più gli aggrada. A differenza dei cani che sono leggermente più obbedienti, i gatti sono infatti più birichini e meno pazienti ad ascoltare le regole dei propri padroni. Se abbiamo da poco preso un micio molto piccolo, non c'è periodo migliore per fargli capire le buone maniere, e per farlo bisogna imparare il suo carattere di base.

47

Non assecondare il gatto

Se stiamo giocando con il nostro gatto e qualcosa comincia a non andarci bene, rimproveriamolo esclamando un bel "No" secco e con voce squillante. Oltre a dirgli di no, dobbiamo anche smettere di assecondarlo per fargli pesare l'errore commesso durante il gioco. Se il gatto sta fermo per dieci minuti ad osservarci, avrà sicuramente capito e captato il rimprovero e per continuare sulla buona strada, dovremo premiarlo con un pezzetto di cibo che gli piace molto. Se il nostro rimprovero non servirà a nulla, proviamo a battere fortissimo le mani quando il gatto comincia ad esagerare con atteggiamenti che non gradiamo.

Continua la lettura
57

Premiare il gatto con del cibo

Al nostro gatto servirà del tempo per capire questi nostri rimproveri, ma nonostante tutto, la riuscita del rimprovero, dipenderà anche dal carattere del gatto. Come precedentemente detto, se il nostro gatto ha un carattere insofferente, strafottente ed egoista, non gli farà sicuramente impressione o paura il nostro rimprovero. Se il gatto invece, ha un carattere meno fastidioso e molto più sensibile e dolce, allora educarlo sarà molto più semplice e fattibile. Ricordiamoci sempre, che per ottenere un'educazione perfetta e per far capire al gatto che abbiamo apprezzato il suo atteggiamento positivo al rimprovero, dobbiamo sempre premiarlo con un po' di cibo, con un biscottino o con un giocattolino.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se il gatto non capisce il nostro diniego verbale, possiamo provare ad emettere un rumore molto forte in modo tale che l'animale associ quel rumore ad una cosa che al padrone non piace che faccia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come educare il gattino alla lettiera

Se avete adottato un micio di pochi mesi o avete intenzione di farlo vi sarà utile sapere come educare il gattino all'uso della lettiera. Per evitare che il nostro amico a quattro zampe faccia i bisognini in giro per casa è fondamentale insegnargli...
Gatti

Come evitare che il gatto salga sul letto

I gatti sono animali davvero stupendi. Giocosi, attaccati alla casa e ai padroni questi animali da compagnia sono in grado di riempire la nostra vita di allegria ed affetto. Spesso però i gatti sono molto indipendenti e, se non si è in grado di imporre...
Gatti

Come insegnare a un gatto a non graffiare

I gatti sono animali molto intelligenti e sono molto più indipendenti dei cani. Ma il gatto è un felino, di conseguenza il suo istinto è quello di usare le unghie per vari motivi: per la caccia, per marcare il suo territorio da altri predatori e per...
Animali da Compagnia

Come insegnare al proprio animale ad usare la lettiera

Quando si adotta un animale domestico, le prime nozioni basilari che lo riguardano, sono quelle di insegnargli il luogo adatto per i suoi bisogni. Preciso che questa guida non è dedicata a coloro che possiedono cani di grossa taglia e, in generale, ad...
Gatti

Come impedire al gatto di graffiare il divano

Il gatto è uno degli amici più fidati anche per il suo particolare e misterioso carattere. Questi felini sono animali estremamente intelligenti e acuti, ma molte volte il loro istinto prende il sopravvento. Non è infatti sempre facile insegnarli le...
Cani

5 regole d’oro per educare un cucciolo

L'arrivo di un cucciolo nel nucleo familiare è un momento di grande gioia: un nuovo membro della famiglia, capace di amare incondizionatamente, è destinato a cambiare tutti gli equilibri della casa e dei suoi abitanti. Adottare un cagnolino, un gattino...
Cani

Ansia da separazione del cane: come gestirla

Anche i cani, come gli esseri umani, sono composti da carattere e stati d'animo. Per cui, proprio come accade all'uomo, anche il nostro migliore amico, può subire delle situazioni decisamente stressanti. Queste vengono causate da molteplici fattori,...
Cura dell'Animale

Come prendersi cura dell'American Stefford Shield

In questo articolo vogliamo dare una mano ai nostri lettori e lettrici, che sono dei veri e propri amanti degli animali, a capire come poter prendersi cura dell'american stefford shield.Iniziamo subito con il dire che l' American Stefford Shield, anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.