Come rimuovere i bruchi tessitori dalle piante

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Chi possiede un giardino di modeste dimensioni o anche un orto sa che vi è sempre presente una lotta contro i parassiti e gli insetti. Molti di questi tendono ad ammalare o addirittura far morire le piante o gli alberi su cui si appoggiano particolarmente (da ricordare il quasi sterminio delle palme a causa del punteruolo rosso). Questi animali tendono a cibarsi, quindi a distruggere ed ammalare la pianta: ognuno ha una sua pianta habitat e ve ne sono di svariate specie. Nella guida vedremo come rimuovere i bruchi tessitore: si tratta di una tipologia di farfalla che predilige gli alberi ad alto fusto come le querce ed i ciliegi, quindi vediamo nella seguente guida come fare.

26

Occorrente

  • guanti, insetticida naturale o chimico
36

I bruchi tessitori sono larve di farfalle notturne che si cibano di foglie e che tessono sui rami una sorta di "tenda" dove trovano riparo centinaia di esemplari. Anche i tempi di riproduzione sono molto veloci per cui la loro propagazione è molto rapida e le piante si ritrovano in poco tempo letteralmente infestate da questi animali. Quando il tempo lo permette, i bruchi escono dal loro riparo tutti in fila ed iniziano a cibarsi delle foglie. Dopo circa 6-8 settimane scendono sul terreno e costruiscono dei piccoli bozzoli del tipico color giallo chiaro dai quali, dopo una decina di giorni, usciranno le farfalle adulte.

46

Gli alberi che questi bruchi prediligono sono quelli ad alto fusto quali il melo, il ciliegio, la quercia, la betulla, l'acero e il pioppo ma fortunatamente è abbastanza facile individuarli ed eliminarli prima che danneggino la pianta. In primavera, quando spuntano le prime foglie, inizia ad esaminare più da vicino i tuoi alberi in quanto è proprio in questo periodo che i bruchi tessitori iniziano a costruire i loro nidi. Controlla bene soprattutto le biforcazioni dei rami, il luogo migliore dove impiantare le "tende" ma anche il tronco principale in quanto alcuni tipi di larva costruiscono i loro ripari anche sulle parti piatte dell'albero.

Continua la lettura
56

A seconda delle condizioni per eliminare le tende si possono utilizzare le mani, man ben ricoperte da guanti per evitare irritazioni, oppure da bastoni con dei chiodi posti sulla cima. Eliminare i bozzolo per evitare la riproduzione: l'ideale sarebbe di bruciarli non appena si trovano. Per infestazioni più estese è consigliabile fare uso di insetticida specifici: evitare prodotti chimici che sterminano totalmente ogni insetto, poiché elimina anche quelli buoni come api e coccinelle.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Controllare che non vi siano altri insetti parassiti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come riconoscere la Cavolaia maggiore

La cosa più bella dell'estate, è che si ha la possibilità di effettuare delle meravigliose gite in mezzo alla natura. In particolare, ciò si verifica se la meta che avete scelto è un agriturismo o un più spartano campeggio. A tal proposito, nei...
Invertebrati e Insetti

Tutto sulla farfalla cobra

La Farfalla cobra è una grande falena appartenente alla famiglia delle Saturniidae, composta da più di 1800 specie. Questa farfalla, nota anche con il nome di Attacus atlas, è molto diffusa nelle foreste tropicali e subtropicali del Sud-Est asiatico,...
Cura dell'Animale

Come fare un antiparassitario naturale

Per chi ha la passione del giardinaggio o comunque si ritrova a coltivare piante, sia in giardino che in campagna, bisogna far fronte al problema dei parassiti che intaccano la vegetazione. Questi tendono ad indebolire o ad ammalare il fusto, portandolo...
Altri Mammiferi

Come trovare un riccio

Il riccio è un animale facilmente riconoscibile per il suo aspetto particolare. Si può trovare in campagna e nelle zone di montagna. Si tratta di un animale con delle zampe cortissime, un musetto curioso e il corpicino a forma di kiwi, ricoperto da...
Volatili

Come sfamare un uccellino

Con l'arrivo delle stagioni calde, primavera e soprattutto estate, è possibile trovarsi di fronte a piccoli esemplari di volatili, probabilmente caduti dal loro nido, che necessitano di aiuto. Riuscendo a mettere da parte l'indifferenza, possiamo imparare...
Invertebrati e Insetti

I 5 insetti più pericolosi in Europa

Il mondo della natura, popolato da molteplici specie animali, è stupendo e affascinante ma alcuni suoi abitanti possono essere molto pericolosi per l' uomo. Tra le specie animali che possono rivelarsi dannose per gli esseri umani ci sono alcuni insetti,...
Pesci

Come allevare e riprodurre il betta splendens

Il Betta Splendens, altrimenti detto combattente del Siam (l'attuale Tailandia), è il pesce più ricercato tra quelli tropicali per le sue caratteristiche estetiche e riproduttive, che ne fanno una vera e propria meraviglia naturale per molteplicità...
Animali da Compagnia

Tutto sulla riproduzione dei conigli ariete

Il coniglio ariete ma detto anche nano, e chiamato con il suo nome specifico "Oryctolagus cuniculus", è un'animale ad utilizzo domestico. Esso è caratterizzato da orecchie pendenti inabilitate al movimento che gli permettono all'animale di regolare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.