Come scegliere i pesci pulitori per l'acquario

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Ogni acquario che si rispetti deve contenere al suo interno dei pesci pulitori. Nonostante alcuni ne facciano a meno, occorre tenere presente che essi sono una componente fondamentale per la fauna del nostro acquario. I pesci pulitori mantengono pulito il fondale dell'acquario, eliminando le sostanze di rifiuto. Diamo ora inizio a questa guida su come scegliere i pesci pulitori per l'acquario grazie anche a qualche sito esterno che tratta lo stesso argomento.

27

Occorrente

  • Libri di acquariologia
37

Storia del pesce pulitore

Iniziamo con lo sfatare fin da subito il mito dei pesci pulitori come totali "spazzini" dei fondali d'acquario. Questo genere di pesce, chiaramente, non è in grado di ripulire il fondale da tutte le sostanza di rifiuto che li si depositano. I cosiddetti pesci pulitori essenzialmente si nutrono degli avanzi del cibo somministrato agli altri pesci e di tanti altri piccoli organismi presenti nel fondale. Gli escrementi, come le foglie fluttuanti, ed elementi simili, rimangono lì dove si trovano se non rimosse da noi o se non si trova un eccellente equilibrio tra la loro produzione e degradazione da parte dei microrganismi ed eventuali piante. Ecco un sito molto utile che tratta l'argomento in modo approfondito. https://www.google.it/amp/s/casa.atuttonet.it/animali/pesci-pulitori-chi-sono-e-a-cosa-servono.php/amp.

47

Specie di pesce pulitore

Possiamo ora passare alle varie specie. Il più venduto ed ineffetti anche più comune è certamente il Corydoras, di cui potrete trovare in commercio diverse varietà, comprese quelle albine. Il Corydoras è un pesce tipico del Sud America, che raggiunge i 5 cm. È in grado di sopportare anche elevati valori di durezza dell'acqua, ma preferisce temperature che non vadano oltre i 25-26° C. È inoltre un pesce gregario per cui sarà essenziale allevarlo in gruppi. Richiede un'alimentazione copiosa e si consiglia inoltre la tipologia di pacche di cibo in grado di posarsi sul fondale. Altro pesce pulitore, fitofago, cioè che si nutre di alghe, è il Grynochelius. Questa specie di pesce generalmente, viene acquistato per il suo valore estetico, essendo infatti molto bello, e soprattutto particolare, con l'abitudine di attaccarsi con la bocca a ventosa alle pareti vetrose dell'acquario. Va ricordato però che con il tempo aumenta visibilmente le sue dimensioni, fino a raggiungere addirittura i 15-18 cm e quindi diventa del tutto ingestibile in piccoli acquari. In questo sito sono presenti alcune informazioni molto utili alla nostra guida. http://balabam.altervista.org/catfishes/.

Continua la lettura
57

Dimensioni e alimentazione

Esiste anche il Crossochelius siamensis, ottimo mangiatore di alghe, ma con il brutto istinto di attaccare spesso gli altri pesci. Provate quindi a tenerlo con pesci che abbiano il suo stesso temperamento e, in generale, in acquari di grandi dimensioni. Raggiunge i 16 cm in 2-3 anni e ama vivere in gruppi. Può capitare inoltre che talvolta preferisca mangiare il cibo liofilizzato piuttosto che le alghe nel vostro acquario. Altri divoratori di alghe e cibo in eccesso sono gli Ancistrus e l'Hypostomus plecostomus della famiglia dei Loricaridi. Sono piuttosto facili da allevare (anche questi con una caratteristica bocca a ventosa risultano ottimi pulitori di vetri). Le ultime specie citate però diventano generalmente molto grandi, è necessario perciò, prima dell'acquisto, regolarsi con raziocinio in base alle dimensioni effettive dell'acquario posseduto. Infine parliamo degli Otocinclus. Questi sono pesci di indole pacifica ed ottimi mangiatori di alghe, purtroppo sono davvero molto delicati e spesso per questa ragione non vengono allevati, ma sono "di cattura", per questa ragione sconsiglio di acquistarli. I pesci di cui ho parlato si adattano facilmente a tutte le condizioni, ma in generale è preferibile cercate di mantenere il ph intorno a valori neutri e il GH a circa 10, a meno che non vogliate fare un acquario con particolari caratteristiche di durezza e ph. Ultimo essenziale consiglio: prima di procedere all'acquisto dei pesci per il vostro acquario, informatevi sempre sui libri, da conoscenti vari, da chi ne sa di più di voi e su internet, preferibilmente non direttamente dal negoziante che ha interesse nel vendervi il "prodotto" e spesso e volentieri ne sa meno di voi. È importante cercare sempre un giusto equilibrio di rapporto tra pesci e ambiente in modo tale da armonizzare il tutto. Ecco un sito esterno che fa proprio a caso nostro.https://www.ideegreen.it/pesce-pulitore-per-acquario-55680.html.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Le 5 piante d’acquario dolce più facili

Per la realizzazione di un acquario dolce le piante sono essenziali, sia come elemento decorativo che per le loro funzioni: purificano l’acqua da elementi nocivi e offrono ai pesci spazi nascosti e protetti. Ma come si fa a far crescere una pianta sott’acqua??...
Pesci

Alga reale: i benefici per l'acquario

Le alghe sono organismi che nascono in ambienti acquatici, dove si nutrono di sostanze disciolte in acqua, riproducendosi velocemente ma mantenendo al contempo l'acqua pulita dalle scorie organiche. Le alghe sono delle specie infestanti, perché tendono...
Pesci

Come evitare la proliferazione delle alghe nell'acquario

Le alghe sono piante primitive che, attraverso la fotosintesi, uniscono l'acqua e l'anidride carbonica per formare gli zuccheri per la crescita. Le alghe producono ossigeno, un utile sottoprodotto, ma quando la luce solare non è disponibile durante la...
Pesci

Come eliminare le diatomee da un acquario marino

Se siamo degli amanti del mondo marino sicuramente ci piacerebbe poterlo riprodurre in casa nostra in piccolo, realizzando un bellissimo acquario con moltissimi tipi di pesci differenti. Tuttavia avere un acquario richiede molta cura ed attenzione per...
Cura dell'Animale

I principali accessori per acquari

Possedere un animale da compagnia è sicuramente una bellissima esperienza, che tutti voi avrete provato almeno una volta nella vita: che si sia trattato di un criceto, un cane o un pesciolino, questa esperienza vi avrà donato sicuramente molto.Curare...
Pesci

Come allevare il pesce pulitore

Quando si vuole allestire un acquario tropicale, è fondamentale valutare bene quali pesci inserire prima di acquistarli alla cieca. I pesci, infatti, devono andare d'accordo tra di loro, ma soprattutto devono avere tutti le stesse esigenze: solamente...
Pesci

Come allestire un acquario con acqua marina

Se siete fan dei pesci esotici e degli acquari dovreste considerare l'eventualità di installare un acquario di acqua marina. Il piacere che otterrete a vedere i vostri pesci preferiti nuotare nella vasca vale veramente la pena di lanciarsi in questo...
Pesci

Come allevare una velifera in acquario

L'acquario è una sorta di contenitore trasparente, le cui pareti sono composte da lastre di vetro. Esso permette l'allevamento di pesci, anfibi, crostacei e molluschi e anche la coltivazione di piante palustri e acquatiche. Il più delle volte presenta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.