Come stimolare il vomito al cane

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nella seguente guida potrete conoscere una delle tecniche di pronto soccorso che potrebbe esservi utili al salvare la vita al vostro fedele amico a quattro zampe. Stiamo parlando proprio di quei casi in cui il vostro cane potrebbe ingerire delle sostanze tossiche oppure dei comuni detersivi. Ovviamente queste sono sostanze nocive per la sua salute ed il suo apparato digerente non riuscirà di certo a digerirle. In tal caso quindi vi sveliamo come stimolare il vomito al cane passo per passo. Vi tornerà utile poi sapere che è meglio non indurre il cane al vomito qualora abbia ingerito degli oggetti appuntiti oppure affilati. Fuoriuscendo dalla bocca infatti questi oggetti potrebbero provocare delle ferite interne oppure aggravare quelle già esistenti formate nel momento in cui il cane le ha ingerite.

25

Occorrente

  • Sale grosso
  • Protettore gastrico
  • Acqua ossigenata
  • Siringa
35

Esistono diversi modi per indurre il vomito al cane, ma vi consiglio quello che secondo me è il metodo più sicuro ed efficace e, soprattutto, il più indolore per Fido. Prendete dunque una manciata di sale grosso da cucina e fateglielo ingoiare. È più facile di quanto pensiate, anche perché se provate a sciogliere il sale nell'acqua e a fargliela bere, vi garantisco che non ci riuscirete mai! Il vostro amico a 4 zampe sgranocchierà il sale un po' disgustato, ma vedrete che entro un paio di minuti vomiterà tutto. Dopo il vomito, gli daremo un protettore dello stomaco e andremo dal veterinario a fare un esame adeguato all'animale, in quanto il prodotto tossico o l'oggetto possono aver causato danni prima che riuscissimo a farlo rimettere.

45

Un altro rimedio casalingo per stimolare il vomito al cane è utilizzare l'acqua ossigenata. Con questo ingrediente andrete a dosare la quantità di acqua ossigenata in base ai chilogrammi di peso del cane. La proporzione da seguire è appunto quella di 5 ml di acqua ossigenata ogni 5 chili. Vele a dire se il vostro cane peserà 30 chili dovrete far inghiottire al cane 30 ml di acqua ossigenata. Nel fare ciò potrete aiutarvi con una siringa privata dell'ago inserendola direttamente nella bocca dell'animale. Nel caso in cui l'oggetto ingoiato dal cane sia un oggetto di plastica non nocivo e di piccole dimensione potete stare tranquilli ed attendere il momento in cui il cane lo eliminerà attraverso le feci.

Continua la lettura
55

In queste situazioni è senza dubbio necessario evitare il panico e dunque non scuotere e agitare il cane facendo tra l'altro in modo che non mangi o beva niente al di fuori di quello che voi gli proporrete. Se pensate che il vostro cane abbia ingerito qualcosa di potenzialmente nocivo, di appuntito o corrosivo è sempre bene portarlo da un veterinario senza ricorrere ad alcuna manovra autonoma. A livello di prevenzione è bene dare al cane un'educazione opportuna in modo da ridurre al minimo la possibilità che ingerisca oggetti. Dovete poi ovviamente impegnarvi a tenere al di fuori della loro portata oggetti che, se masticati o ingoiati, possano essere pericolosi per il vostro animale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come affrontare l'avvelenamento del gatto

Potrebbe capitare che il nostro amico gatto, curioso com'è, si metta nei guai giocando con tutto ciò che gli capita a tiro oppure che ingerisca sostanze potenzialmente pericolose. In questi casi spetta a noi accorgerci tempestivamente dell'accaduto...
Gatti

5 consigli per far espellere al mio gatto le palle di pelo

In questa guida sono esposti 5 consigli per far espellere al gatto le palle di pelo.Il problema delle palle di pelo nasce poiché i gatti tendono ad ingerire parte del proprio pelame durante la pulizia corporea. Parte del pelo passa attraverso l'intestino....
Cani

Come curare un blocco intestinale nei cani

Chi ha un cane in casa, sa quanta gioia e felicità può apportare a tutta la famiglia. Oltre ad essere il migliore amico dell'uomo, il cane è anche un fedele compagno che non tradirà mai il suo padrone. Per ricambiare l'affetto, il padrone di un cane...
Gatti

Come capire se il gatto ha ingerito del veleno

Prendersi cura di un animale domestico come un gatto, è una passione che accomuna molte persone, ma allo stesso tempo, un compito impegnativo. A volte può capitare uno spiacevole e grave inconveniente, il nostro amico a quattro zampe può inavvertitamente...
Cani

Come trattare le punture d'insetti nel cane

Non è raro vedere un cane che viene punto da insetti. D'estate, soprattutto, si può dire che le punture degli insetti, principalmente api e calabroni, siano fonte di numerosi problemi. È necessario quindi che tu sappia come intervenire in situazioni...
Gatti

Le piante velenose per i gatti

Se il vostro micio, oltre ad essere un pantofolaio che cerca posticini in cui dormire indisturbato, è un brillante e coraggioso esploratore ed entra in contatto con le piante del terrazzo o, addirittura, è libero di sgattaiolare nel giardino, prestate...
Cani

Avvelenamento cani: cosa fare

Il cane è il migliore amico dell'uomo e ormai per ognuno di noi non è solo un animale di cui prendersi cura, ma rappresenta un vero e proprio membro della famiglia e, come tale, ha bisogno di tutte le attenzioni necessarie affinché sia in salute e...
Animali da Compagnia

Le più comuni patologie del cane

Il cane è un animale generalmente molto forte e resistente, ma anche lui può ammalarsi in modo più o meno grave. Per fortuna molte malattie vengono scongiurate dai vaccini, ma a volte non basta. Alcune patologie purtroppo colpiscono ugualmente i nostri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.