Come svezzare un pappagallo cenerino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il pappagallo cenerino è un uccello molto intelligente, nonché un ottimo compagno di vita. Esso generalmente presenta un colore grigio polveroso, una coda di colore rosso vivo e gli occhi arancioni. È conosciuto come l'"Einstein" dei pappagalli per la sua incredibile capacità di poter mimare il linguaggio umano. I cenerini si dividono in due sotto-specie riconosciute: il cenerino africano (Psittacus erithacus erithacus) e il Timneh (Psittacus erithacus Timneh). Entrambe le specie sono originarie dell'Africa: i primi sono originari della costa sud-orientale (Costa d'Avorio, Kenya e Tanzania), mentre il Timneh si trova in una regione più piccola lungo la costa occidentale della Guinea. Come tutti gli uccelli necessita di cure ed attenzioni. Continuando nella lettura di questo interessante tutorial scopriremo come svezzare un pappagallo cenerino.

26

Come evitare che i microbi contaminino il cibo del volatile

Quando il pappagallo è piccolo, va tenuto in una gabbia non eccessivamente piccola ma, in una che abbia almeno due posatoi. Nella gabbia inoltre devono essere presenti dei giocattoli che il volatile avrà l'opportunità d'ispezionare e beccare tranquillamente. Essendo un uccello molto intelligente, il cenerino si annoia facilmente; è bene quindi che non stia mai da solo e che almeno un membro della famiglia gli tenga compagnia e parli con lui. Anche l'igiene è molto importante, la gabbia deve essere pulita almeno una volta al giorno in modo che i microbi presenti negli escrementi non contaminino il cibo.

36

Cole svezzare il cenerino

L'alimentazione del pappagallo è molto importante per la sua longevità. Una buona dieta può infatti farlo vivere più di 50 anni. Per svezzarlo, basterà cominciare con il somministrargli piccole porzioni di cibo che potrà beccare tranquillamente da solo senza essere imboccato. All'inizio, è meglio farlo mangiare dalla mano, poi man mano si passerà a mettere il cibo nella sua gabbia, facendogli notare dove viene posizionato il cibo, in modo che che lui possa rendersi indipendente e, continuare a mangiare da solo.

Continua la lettura
46

Come abituare il cenerino a mangiare da solo

Dopo aver provato per una settimana a farlo mangiare, un po' dalla mano e un po' da solo, è possibile mettere direttamente i semi, l'insalata o la frutta nella sua gabbia. Questo pappagallo, essendo molto intelligente, apprenderà velocemente; e poi l'istinto naturale lo aiuterà a non sbagliare. Una volta che inizierà a mangiare da solo, si potrà allora lasciarlo tranquillamente fuori dalla sua gabbia, in modo che possa cominciare ad interagire con l' ambiente circostante, tornando dentro solo per nutrirsi e fare i suoi bisogni.

56

Guarda il video

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come insegnare a parlare ad un pappagallo

I pappagalli non nascono con già la conoscenza del comunicare con l'essere umano inteso come linguaggio. Se abbiamo l'intenzione di prendere un pappagallo con la convinzione che poi un giorno possa parlare con noi, stiamo sbagliando, per far sì che...
Volatili

Le specie di pappagalli parlanti

I pappagalli appartengono all'ordine Psittaciformi. Si differenziano in circa 353 specie distribuite in America centrale e meridionale, Asia, Africa, Australia e Oceania. I pappagalli sono un gruppo molto vario, con dimensioni che vanno dai 10 cm al metro...
Volatili

Come allevare i pappagalli

I pappagalli sono degli animali socievoli e molto intelligenti e se trattati bene riescono a vivere anche 60-80 anni. Dovete però sapere prima di prenderne uno in casa, magari per il vostro bambino, che allevarli non è molto semplice. In questa guida...
Volatili

Come addomesticare un pappagallo

Tra gli animali domestici più popolari, generalmente ricordiamo i cani ed i gatti. Ma anche gli uccelli occupano un posto rilevante tra quelli più amati dalle famiglie che decidono di prendersene cura. I pappagalli, in maggior misura rappresentano dei...
Volatili

5 consigli per scegliere una gabbia per pappagalli

Scegliere un animale da compagnia non è sempre facile, e ognuno di voi avrà sicuramente scelto in base a dei criteri di vario genere. Tra i tanti animali domestici e da compagnia che potreste scegliere, c'è il pappagallo.Il pappagallo è un animale...
Volatili

Come allestire una gabbia per pappagalli

Quando decidiamo di adottare un animale, dobbiamo prima di tutto essere in grado di garantirgli tutte le cure necessarie, dovremo dargli sempre da mangiare e dedicargli un po' del nostro tempo. È molto importante che ogni animale abbia uno spazio dedicato...
Volatili

Come viaggiare con il pappagallo in macchina

Se possedete animali saprete sicuramente che ogni anni durante le vacanze si presenta un piccolo problema: portare i propri animali ed esporli ad uno stress non indifferente o affidarli a strutture in cui si possono occupare di loro o a paersone di fiducia....
Volatili

5 consigli per accudire un pappagallo

Come ben saprete, i pappagalli sono animali intelligenti, ma molto istintivi. Esistono tantissimi esemplari di pappagalli, ed ognuno possiede caratteristiche ben diverse, quindi se siete certi di voler acquistare uno di questi volatili, prendetevene uno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.