Come tenere un procione come animale domestico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il procione, pur essendo un mammifero, non è assolutamente da considerare come un cane o un gatto. Innanzitutto c'è da sapere che si tratta di un animale appartenente a una specie protetta, per cui è vietata sia la cattura che la detenzione anche perché hanno denti ed artigli molto affilati che potrebbero procurare delle serie ferite agli essere umani. Tuttavia, alcuni animali potrebbero aver bisogno di una riabilitazione in seguito a delle lesioni permanenti che impediscono loro di sopravvivere autonomamente in natura. Strutture di riabilitazione della fauna selvatica o educatori possono richiedere permessi speciali che consentono loro di fornire l'assistenza necessaria a questi animali per il resto della loro vita. Ecco come tenere un procione come animale domestico.

26

Occorrente

  • Procione
36

La prima cosa da fare è senz'altro trovare un veterinario competente che sia disposto a trattare con un procione. Anche se è legale tenerne uno a casa, questi non sono comunque ben accetti presso molti veterinari, a causa dell'indole aggressiva dell'animale. Occorre fare le vaccinazioni di base contro la rabbia e il cimurro, ma tenete conto che, anche se il vostro animale domestico è vaccinato, vi sarà confiscato se arrecherà del male a qualcuno.

46

Un tempo questo animale viveva solo in America e soltanto nel Novecento venne introdotto in Europa, in particolare in Germania e nei paesi dell'est. Essendo onnivoro, il procione mangia frutta in quantità, ma anche uccelli, pesci, granchi, molluschi e si ciba anche di cavallette, è quindi un "golosone". Se avrete intenzione di avere questo simpatico amico in casa, ricordate che ha la strana abitudine di lavare il cibo nell'acqua prima di mangiarlo o di sfregarlo nell'erba. Sicuramente gestire un animale così non è cosa facile: come tutte le specie ha dei periodi di letargo che generalmente riguardano diversi mesi; in particolare da aprile a maggio.

Continua la lettura
56

Solo un ruscello, un bell'albero, e tanto cibo fa la felicità di questa creatura meravigliosa. Ma tenerlo in casa è comunque molto problematico, perché è un animale abituato a vivere all'aperto, ad andare in letargo, ad andare a caccia, e quindi farlo vivere in un ambiente diverso dal suo habitat naturale, vuol dire snaturarlo della sua identità di animale. Quindi lasciate libero questo splendido esemplare della foresta, che merita di vivere la sua vita nel modo più felice e naturale possibile, perché è una creatura selvaggia e come tale va rispettata e amata, per quello che è veramente e non per come noi vorremmo che fosse.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sicuramente gestire un animale così non è cosa facile: come tutte le specie ha dei periodi di letargo che generalmente riguardano diversi mesi; in particolare da aprile a maggio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

Le più comuni patologie equine

Le patologie equine sono quelle malattie che colpiscono i cavalli tramite un vettore, come una zanzara e, successivamente, possono essere trasmesse non solo da cavallo a cavallo ma, in rari casi, anche dal cavallo all'uomo. I cavalli possono essere vaccinati...
Gatti

Maine Coon: caratteristiche e cura

Il Maine Coon è un gatto piuttosto robusto proveniente dallo stato nordamericano del Maine, ed il suo nome significa procione. Si tratta di una razza molto antica, che con il passar del tempo si è diffusa anche in Italia. In riferimento a ciò, nei...
Gatti

Le razze di gatti a pelo lungo

Esistono una grandissima quantità di razze di gatti, che possono essere alcune a pelo lungo, altre a pelo corto, per passare alle razze che non presentano peli sulla pelle. Le razze più diffuse in tutto il globo, sono quelle a pelo corto, che si possono...
Gatti

Gatti: tutto sul Maine Coon

I gatti sono sicuramente tra gli animali domestici più amati di sempre. Essi infatti non solo sono estremamente affascinanti ma riescono a dare anche molto affetto al proprio padrone. Come tutti gli animali ce ne sono al mondo tantissime razze diverse,...
Cura dell'Animale

Specie animali che vanno in letargo

Il mondo degli animali è ricco di sorprese. Tra nuove specie e novità riguardo gli animali più stravaganti, è sempre una gioia scoprire qualcosa in più sul fantastico mondo degli animali. Anche loro hanno un'anima dopotutto. Come ben sapete, durante...
Rettili e Anfibi

Come preparare il tartarugaio per il letargo

Al giorno d'oggi, sono innumerevoli le passioni degli esseri umani e tra queste, è possibile trovare anche quelle per gli animali. In particolar modo, si sta sviluppando sempre di più la passione nei confronti dei rettili come le tartarughe. Come si...
Cura dell'Animale

Come comportarsi durante il letargo delle tartarughe

Le tartarughe, seguendo l'esempio di altri animali che vivono in ambienti temperati, durante la stagione invernale devono ritirarsi in letargo per non rischiare di avere, successivamente, problemi legati al metabolismo. Con l'arrivo della primavera riprenderanno...
Rettili e Anfibi

Come affrontare il letargo della tartaruga

All'interno di questa guida andremo a occuparci di animali e, nel particolare, della tartaruga. Nello specifico, come avrete compreso dal titolo della guida, ci occuperemo di come affrontare il letargo della tartaruga. Nel periodo autunnale, con il calare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.