Come togliere una zecca

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Durante la meravigliosa stagione estiva, il camminare in aperta campagna potrebbe riservare delle sgradevoli conseguenze: infatti, è elevata la possibilità che siano presenti delle zecche all'interno del fieno oppure nell'erba secca.
Generalmente, questi parassiti attaccano gli animali (specie nella zona delle orecchie), ma non è assolutamente raro reperirlo anche nell'essere umano: a causa di una sostanza proveniente da una sorta di pungiglione, le conseguenze per l'uomo potrebbero essere la febbre, una malattia o il malessere sotto diverse forme.
Nel seguente dettagliato e importante articolo che mi accingo ad enunciare nei passaggi successivi, pertanto, vi andrò a spiegare bene come bisogna togliere correttamente una zecca che avete eventualmente contratto in qualche modo.

28

Occorrente

  • Olio di oliva
  • Pinzette
  • Ago sterile (eventuale)
  • Medico curante o pronto soccorso (eventuale)
  • Fuoco
  • Batuffolo di cotone
  • WC
  • Forbicine (opzionale)
  • Lavatrice
38

Nel caso in cui riusciate a riconoscere una zecca che passeggia tranquillamente nel vostro braccio, qualora essa non abbia infilato ancora le sue zampette sotto l'epidermide, vi suggerisco di prenderla immediatamente e provvedere a bruciarla: l'unica maniera certa per riuscirla ad eliminare definitivamente consiste appunto nel ricorrere al fuoco e, quindi, evitate di schiacciarla o eseguire altre operazioni.

48

Se quando state ritornando nella vostra abitazione e vi rendete conto della presenza di una zecca sulla vostra pelle, non dovrete assolutamente perdere la calma: mi raccomando di evitare delle azioni come tagliarla con le forbicine oppure strapparla con le pinzette, perché tali comportamenti determinano il rischio che il pungiglione rimanga comunque sotto l'epidermide e non risolveranno definitivamente il problema.

Continua la lettura
58

Le operazioni che dovrete compiere in questo caso sono prendere un batuffolo di cotone, intingerlo nell'olio di oliva e applicarlo sopra la zecca: dopo qualche secondo, tale parassita sarà indebolito, per cui estraetelo con le pinzette e bruciatelo subito o buttatelo nel WC, in modo da non ritrovarvelo più in casa.
Nel punto dove c'era la zecca, verificate sempre la presenza del pungiglione sotto la cute: in caso positivo, toglietela con un ago sterile o rivolgetevi al vostro medico curante o al pronto soccorso.

68

Una volta terminata correttamente l'operazione di estrazione della zecca, vi consiglio vivamente di disinfettare la piccola ferita e controllare bene di non avere ulteriori parassiti nel vostro corpo: inoltre, dovrete avvisare le persone che hanno camminato in campagna insieme a voi e mettere immediatamente i vestiti indossati per quella occasione all'interno della lavatrice, in modo da detergerli efficacemente.

78

In ogni caso, mi raccomando di monitorare sempre la vostra condizione fisica per i successivi 30/40 giorni, ricordandovi costantemente del fatto di essere stati punti da una fastidiosa zecca, in maniera da farlo presente al vostro medico curante.
I sintomi prevalenti causati dalla presenza di questo parassita nella pelle dell'essere umano sono la cefalea non abituale, l'artrite acuta o un alone anuliforme vicino la puntura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come togliere una zecca dal cane

Può capitare di scoprire che il tuo amico a quattro zampe abbia sulla pelle una zecca. Non allarmarti ma metti subito in pratica dei consigli facili e pratici, liberandolo subito dall'ospite indesiderato. In questa semplice guida sarà illustrato come...
Cani

Come eliminare le zecche dal cane

Almeno una volta durante la loro vita i cani prendono una zecca. Anche se vengono prese delle precauzioni questo insidiosissimo insetto si infila tra i peli dell'amico a quattro zampe. Non è sicuramente una questione di pulizia, ma incide l'ambiente...
Gatti

Cosa fare dopo aver tolto una zecca al gatto

Per chi possiede animali domestici l'arrivo della primavera desta molte preoccupazioni. Aumentano le possibilità, per i nostri cari animaletti, di prendere pulci e zecche. Ciò potrebbe causare ai nostri amati cani e gatti qualche piccolo problema di...
Cani

Come evitare di farsi mordere da una zecca

Con l'arrivo della primavera, torna anche il piacere delle passeggiate nei parchi, dei picnic nei boschi, delle corse sui prati con il nostro amico a quattro zampe. Momenti unici, ma anche ad alto rischio parassiti. La zecca, appartenente alla famiglia...
Cani

Cosa fare dopo aver tolto una zecca al cane

Avere un animale in casa è una gioia infinita! Quante volte l'abbiamo pensato e sentito dire da chi ha un cane o un gatto in famiglia? Gli animali domestici fanno compagnia, fanno tenerezza, fanno ridere. La nota dolente, però, è quando arriva la stagione...
Cani

Come togliere le zecche ai cani

Prendersi cura dei propri animali è molto importante. Infatti i nostri piccoli amici sono spesso soggetti ad attacchi di piccoli animali e parassiti che potrebbero portare loro qualche malattia e grave problema, e tra questi, quelle più temute sono...
Gatti

Come togliere le zecche dai gatti

Per tutti gli amanti degli animali domestici, la possibilità che il proprio fido compagno possa incorrere in qualche problemino di salute è un'ipotesi allarmante da scongiurare in qualsiasi modo. Uno dei nemici più pericolosi per i nostri gatti è...
Cani

Come togliere una zecca al tuo cane

Le zecche sono dei parassiti di molti animali, tra cui il cane e anche l'uomo.Per poter vivere si nutrono di sangue che vanno a succhiare dopo essersi attaccate alla pelle dell'ospite attraverso il rostro, il loro apparato boccale. Possono essere molto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.