Come utilizzare l'attivatore batterico in acquario

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'attivatore batterico è un particolare presidio che permette di preservare l'ambiente dell'acquario in maniera tale da riuscire a riprodurre il più possibile le condizioni naturali, e consentire così la sopravvivenza dei pesci all'interno. I batteri si trovano ovunque all'interno dell'acquario, nei filtri, sui vetri, nel fondale, ma anche in sospensione nell'acqua, e la loro funzione è soprattutto quella di depurare l'acqua da ammoniaca e nitriti, per evitare danni ai pesci. A tale proposito, nei passaggi successivi di questa guida ci occuperemo di capire come si può utilizzare l'attivatore batterico in un acquario.

27

Occorrente

  • Pillole di batteri (qualsiasi marca)
  • test a reagenti per nitriti/nitrati (più sensibili)
37

Innanzitutto è bene sapere che è possibile reperire l'attivatore presso i negozi specializzati, che siano soprattutto informati relativamente alla capacità in litri dell'acquario. All'interno del flacone, infatti, si trovano soprattutto due specie batteriche, Nitrosomonas e Nitrobacter, che sono inibiti e necessitano pertanto di acqua e soluti per riuscire a compiere le reazioni chimiche necessarie successivamente. I batteri possono essere inseriti nel filtro o messi direttamente in sospensione nell'acqua, ma bisogna far trascorrere del tempo prima di aggiungere i pesci, per dare modo alle specie di riattivarsi, formare colonie e raggiungere una popolazione significativa e funzionale ai nostri scopi. Quindi l'attivatore batterico andrà utilizzato sia per avviare un nuovo acquario che per contaminarlo nuovamente dopo un cambio cospicuo di acqua.

47

È importante ridurre l'aspirazione del fondale e la pulizia del filtro sia prima che durante l'aggiunta dell'attivatore, in maniera tale da lasciare riprodurre i batteri. I batteri si trovano nel flacone che può essere vuotato nell'acqua e lasciato agire, ma bisogna ricordarsi che occorre misurare i livelli di nitrati periodicamente per un mese. Una volta che sarà raggiunto il punto 0 di concentrazione di nitriti e nitrati, occorrerà eseguire un cambio d'acqua subtotale, attendere almeno una settimana e ricontrollare, così da accertarsi che i batteri siano vitali ed efficienti, a quel punto è possibile aggiungere i pesci, ma in numero proporzionale alla capacità dell'acquario, e gradualmente, in modo tale da evitare una sovrapproduzione di nitriti che non sia bilanciata dai batteri, quindi un vero e proprio scompenso dell'ecosistema.

Continua la lettura
57

L'attivatore batterico, quindi, richiede oltre un mese di tempo per consentire l'ingresso dei pesci, ma è un tempo funzionale alla maturazione dell'acquario. Si tratta di un procedimento che se viene svolto bene in ogni sua parte assicurerà una vita tranquilla agli esemplari presenti al suo interno, e determinerà la creazione di un ecosistema bilanciato nel quale ogni forma di vita presente produce delle sostanze per le altre e utilizza i vari prodotti di scarto o dannosi rendendoli innocui.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • non avere fretta
  • essere scrupolosi con le misurazioni
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come gestire i nitrati in acquario d'acqua dolce

Nei tre passi che andranno a formare le nostre argomentazioni, ci concentreremo sulla gestione dei nitrati. Infatti, come indicato anche nel titolo che accompagna questo articolo, ora andremo a spiegarvi come gestire i nitrati in acquario d'acqua dolce....
Pesci

La biochimica in acquario

Far funzionare un acquario e le sue singole parti non è semplice come si può pensare. Il primo ostacolo è sicuramente far funzionare un piccolo ecosistema, con mille parametri e diverse compatibilità. Una di queste è, forse la più importante, la...
Pesci

10 passi per allestire un acquario d’acqua dolce

Se intendiamo allestire un acquario di acqua dolce, è importante sapere che ci sono delle regole ben precise da seguire, per ottenere un ecosistema tale da favorire la sopravvivenza di pesci e piante. A tale proposito ecco una lista in cui in 10 passi,...
Pesci

Come mettere dei pesci in un nuovo acquario

Allestire un nuovo acquario è, senza dubbio, un'esperienza emozionante. Spesso, però, accade che i pesci che v'introduciamo al suo interno muoiano uno di seguito all'altro. Creare un nuovo ambiente per i nostri pesci, infatti, non è un'operazione così...
Pesci

Le 5 piante d’acquario dolce più facili

Per la realizzazione di un acquario dolce le piante sono essenziali, sia come elemento decorativo che per le loro funzioni: purificano l’acqua da elementi nocivi e offrono ai pesci spazi nascosti e protetti. Ma come si fa a far crescere una pianta sott’acqua??...
Pesci

Come gestire al meglio il vostro acquario

Se in casa avete un acquario di tipo marino o tropicale, ed intendete curarlo seguendo delle specifiche linee guida in modo da non incorrere in problemi sia dal punto di vista strutturale che da quello riguardante la salute di pesci e piante, ecco allora...
Pesci

Come scegliere i pesci pulitori per l'acquario

Ogni acquario che si rispetti deve contenere al suo interno dei pesci pulitori. Nonostante alcuni ne facciano a meno, occorre tenere presente che essi sono una componente fondamentale per la fauna del nostro acquario. I pesci pulitori mantengono pulito...
Pesci

Come cambiare l'acqua nell'acquario: piccola manutenzione

Gli acquari, in modo particolare quelli molto grandi, rappresentano uno straordinario complemento d'arredo, nonché un lavoro non indifferente. Le pompe moderne consentono un agevole cambio dell'acqua. Ma non tutti possono permettersi strumenti così...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.