Cos'è la rogna del coniglio e come curarla

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il problema degli acari della pelle, più comunemente conosciuto come rogna, è la malattia più comune della pelle dei conigli. Invisibili agli occhi, gli acari tendono facilmente a diffondersi sul fieno e nella biancheria da letto e, mentre non costituiscono un problema grave in sé, sono in grado di trasportare il virus mixomatosi. Le cause della rogna nei conigli sono ancora in discussione, con alcuni esperti che credono che molti esemplari siano dei portatori naturali di questi acari, con problemi che si verificano solo quando la loro presenza diventa massiccia. Gli acari si nutrono di cheratina, che è presente sul pelo morto, il che significa che i conigli che non sono in grado di accudire sé stessi a fondo a causa di obesità o malattie varie, sono maggiormente a rischio. Ma ora scopriamo più nel dettaglio cos'è la rogna del coniglio e come curarla.

25

La maggior parte degli animali da preda come i conigli cercano di nascondere le loro malattie, spesso fino a quando queste diventano così gravi che le possibilità di trattarle efficacemente sono pochissime. Prestando attenzione alle abitudini e ai comportamenti dell'animale, sarà possibile identificare più facilmente quando qualcosa non va. La rogna nei conigli è una malattia che può manifestarsi in due forme differenti: irascibilità e prurito sono i sintomi più comuni. In entrambi i casi, il veterinario può prescrivere diverse cure per il trattamento degli acari responsabili della rogna. Una possibilità consiste nell'ivermectina iniettabile: il coniglio ne avrà bisogno di un minimo di tre dosi ogni due settimane.

35

Un'altra opzione per il trattamento delle rogna nei conigli è l'utilizzo del farmaco selamectina. Il veterinario prescriverà il giusto dosaggio e le istruzioni circa la frequenza di somministrazione: i conigli, in genere, ricevono questo farmaco tra le scapole una volta ogni mese per un minimo di tre mesi. È raccomandato usare sempre il dosaggio prescritto dal veterinario, in quanto delle dosi in eccesso potrebbero tradursi in una overdose fatale per l'animale.

Continua la lettura
45

Siccome gli acari possono diffondersi molto rapidamente, il veterinario potrebbe raccomandare il trattamento di tutti gli altri conigli nelle vicinanze onde evitare il contagio. Inoltre, gli acari possono staccarsi dalla pelle del coniglio e invadere anche gli spazi abitativi degli essere umani. Quindi, durante il trattamento è bene pulire tutto ciò con cui il coniglio viene abitualmente a contatto per eliminare la diffusione di eventuali acari o uova.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come curare un cane dalla rogna

Adottare e curare un animale da compagnia comporta tante soddisfazioni ma anche impegno. I vostri amici animali non meritano solo coccole e cibo, ma attenzioni nel caso di malattia. Il cane è sicuramente l'animale domestico più comune tra le famiglie....
Cura dell'Animale

Prodotti indispensabili per la cura del coniglio

Il coniglio, come tutti i nostri amici a quattro zampe, ha bisogno di essere pulito e curato. Se per tutti gli animali domestici è necessario un attento riguardo per la loro salute, questo vale ancora di più per i conigli. Infatti, sono animali molti...
Cani

Come eliminare gli acari dell'orecchio del cane

Gli acari sono minuscoli parassiti, trasparenti o semitrasparenti. Prediligono gli ambienti caldi ed il buio, come il canale uditivo dei cani. In particolare, si nutrono di pelle morta e cerume. Inoltre infestano anche le zampe, la coda, la testa il collo....
Cura dell'Animale

5 motivi per portare il coniglio dal veterinario

Forse non tutti lo sanno, ma il coniglio è l'animale domestico più diffuso, dopo il cane e il gatto. E non c'è motivo di farsene meraviglia perché il coniglio è un animale affettuoso ed intelligente, con una grande capacità di integrazione nelle...
Cani

Come riconoscere le malattie della pelle del cane

I cani come gli esseri umani sono predisposti ad alcune malattie ed in particolare a quelle della pelle. E che sono particolarmente pericolose oltre che fastidiose sia per l'animale stesso che per noi che gli stiamo accanto; infatti, ad esempio troviamo...
Animali da Compagnia

Come sapere se il coniglio ha la tigna

All'interno di questa guida, andremo a parlare di malattie infettive. Ci dedicheremo ad una malattia infettiva che molto spesso colpisce i conigli: la tigna. Proveremo a rispondere a quest'interrogativo ricorrente nel settore: come facciamo a sapere se...
Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella cura del coniglio

In Italia, al terzo posto tra gli animali domestici più diffusi, dopo cane e gatto, si trova il coniglio. È proprio così: sono in molti tra i nostri connazionali a scegliere questo buffo animaletto, che appartiene alla famiglia dei leporidi, come animale...
Cura dell'Animale

Come misurare la temperatura di un coniglio

Quella di avere un coniglio come animale domestico è ormai diventata una vera e propria moda. È necessario ricordarsi che un animale domestico rappresemta un essere vivente a tutti gli effetti. E in quanto tale necessita di una buona dose di impegno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.