Erba gatta: come si coltiva in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La cosiddetta "erba gatta" è una pianta di cui i nostri amici felini vanno davvero ghiotti. Essa è infatti in grado di sprigionare nell'aria i feromoni, una sostanza che ha proprietà rilassanti per il gatto. È inoltre nutriente e consente all'animale di gestire ed eliminare nel modo migliore eventuali presenze di peli contenuti nel proprio organismo. Tuttavia è necessaria una raccomandazione importante: consultate sempre il veterinario prima di far assumere al vostro animale questa particolare erba. Sarà lui in grado di fornirvi indicazioni su modi, quantità e tempi di somministrazione. Fatta questa doverosa premessa, vogliamo ora illustrarvi come si coltiva l'erba gatta in casa.

26

Occorrente

  • Semi di erba gatta, vaso, terriccio, acqua.
36

Prendere un vaso di medie dimensioni

Per prima cosa procuratevi un vaso di medie dimensioni ed acquistate una buona quantità di semi di erba gatta. Tali semi possono essere facilmente comprati presso un qualsiasi negozio di animali oppure presso i tradizionali vivai. Prendete il vaso e sistemate della ghiaia sul fondo, avendo cura di riempire completamente tutta la base del del vaso. In alternativa alla ghiaia, potreste anche usare dei sassi di minuscole dimensioni: il risultato sarà egualmente ottimo.

46

Riempire la base del vaso con la ghiaia

A questo punto iniziate a riempire il vaso con del terriccio, fino a raggiungere l'orlo del vaso stesso. Se necessario, irrigatelo leggermente con dell'acqua. Adesso effettuate con un oggetto appuntito dei piccoli buchetti sul terriccio che abbiano la profondità di circa 1 cm. Non superate mai la profondità indicata. Sistemate all'interno di queste piccole buche i semi acquistati in precedenza. Ricordate inoltre di praticare i forellini ad una distanza adeguata l'uno dall'altro, in modo da far crescere l'erba gatta nel modo migliore.

Continua la lettura
56

Sistemare il vaso in ambiente soleggiato

Dopo aver deposto i semi, ricoprite le buche con altra terra e irrigate di nuovo in modo molto blando. Già dopo circa 5-6 giorni inizieranno ad affiorare dal terreno le prime piantine di erba gatta. Il più sarà dunque stato fatto. Ora una serie di importanti raccomandazioni: ricordatevi di non lasciare i vasi con l'erba gatta in una posizione che consenta all'animale di farne una scorpacciata. L'erba gatta va centellinata e il gatto non deve farne indigestione. Sistemate poi i vasi con l'erba gatta in ambiente soleggiato, innaffiandoli una volta al giorno ma con pochissima acqua. Ecco coltivata nel modo migliore questa caratteristica erba, con tutti gli accorgimenti necessari per farla nascere e crescere nel modo più appropriato.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordatevi di non lasciare i vasi con l'erba gatta in una posizione che consenta all'animale di farne una scorpacciata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

I cibi più adatti a una mamma gatta

Una mamma è sempre una mamma, anche se gatta. Quando la nostra micetta dà alla luce i piccoli, attraversa la fase delicata di tutti i mammiferi. In quella circostanza, per nutrire i suoi cuccioli necessita di un'alimentazione particolare. Sarà un valido...
Gatti

10 consigli per prepararsi al parto della nostra gatta

I gatti sono animali indipendenti, il loro istinto di predatori li spinge a provvedere ad ogni aspetto della loro vita: dalla ricerca del cibo a quella del luogo adatto per passare la notte, non c'è cosa a cui i nostri amici felini non riescano a provvedere...
Gatti

Come comportarsi quando la vostra gatta deve partorire

Tutti gli animali come gli esseri umani si accoppiano ma, è doveroso fare una premessa. Ci sono taluni animali che sono più delicati di altri e fra questi ci sono i gatti. Dovete sapere che la gatta durante il periodo della gravidanza (che va dai 58...
Gatti

Come gestire una gatta in calore

Decidere di adottare una gattina è uno dei gesti più altruisti che possiate fare. Non solo vi regalerà amore e affetto incondizionato, ma dovrete darle davvero poche cure. I gatti sono animali molto indipendenti; basta acqua sempre fresca e una ciotola...
Gatti

Come seminare l'erba gatta

Molti di noi hanno la fortuna di accogliere nella propria casa un dolcissimo quanto vivace animale domestico come il gatto. Quando in casa prepariamo la lettiera per il nostro amico a quattro zampe, mettendolo a suo agio per fare i bisognini in un posto...
Gatti

Come alimentare la gatta durante la gestazione

La gravidanza è un periodo delicato e meravigliosamente faticoso anche per gli animali domestici. Un aiuto valido per la futura mamma è quello di darle il giusto apporto nutrizionale di cui l'animale ha bisogno. Nello specifico, nutrie correttamente...
Gatti

Cosa fare se una gatta abbandona i propri piccoli

A volte, può accadere che un gatta abbandoni i propri piccoli appena nati. I motivi dell'abbandono dei cuccioli da parte di mamma gatta possono essere molteplici, ad esempio la propria gatta è nuovamente incinta, non è in buona salute oppure semplicemente...
Cura dell'Animale

Come coltivare l’Erba gatta in casa

L'erba gatta è anche conosciuta con il nome scientifico di Nepeta Cataria oppure come erba menta in quanto il suo profumo ricorda vagamente quello della menta. Essa è senza dubbio un'erba abbastanza amata dai felini che si allevano in casa. La cosa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.