Gatti e svezzamento: 5 regole d'oro per una corretta alimentazione

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le prime settimane di vita di un gattino sono importantissime, perché in tale periodo esso sviluppa ossa, muscoli, pelo e denti. In questa fase delicatissima l'alimentazione riveste una fondamentale importanza e l'alimento preferito dai gatti è senza dubbio il latte materno. In genere i gattini cominciano a mordicchiare cibo solido dopo un mese di vita. Ma cosa e quanto deve mangiare un gatto dopo l'allattamento? Nella seguente guida ci occuperemo appunto di tale argomento: ecco quindi 5 regole d'oro per una corretta alimentazione dei gattini nella fase di svezzamento.

26

Completezza del pasto

Una regola fondamentale per garantire una corretta alimentazione ai gattini nella fase di svezzamento è quella di somministrare loro un pasto completo. I gatti hanno infatti bisogno di proteine per il corretto sviluppo di organi e tessuti nonché di minerali quali calcio, fosforo, magnesio, ferro, perché essi permettono la costruzione di ossa e denti forti. Importante è anche la taurina che favorisce la corretta funzionalità di cuore e vista.

36

Dimensioni piccole dei bocconi

È risaputo che i gattini, nella fase di svezzamento, hanno la bocca decisamente più piccola dei gatti adulti: per tale motivo è indispensabile dare loro croccantini di piccole dimensioni. Tali alimenti piccoli garantiscono la corretta masticazione e favoriscono il rilascio di tutti gli elementi nutritivi essenziali.

Continua la lettura
46

Quantità delle porzioni contenute

Lo stomaco dei gattini è molto piccolo: si ritiene addirittura che a 4 settimane sia grande quanto una noce. Per tale motivo è necessario dare loro piccole quantità di cibo. I gatti hanno però un grande appetito, per cui si consiglia di dargli da mangiare con frequenza. Si può cominciare con 4 pasti al giorno, per poi aumentare la quantità con il passare del tempo.

56

Varietà dell'alimentazione

Altra regola d'oro per una corretta alimentazione è quella di variare. Abituare il gattino a mangiare sempre la stessa tipologia di cibo può far sì che diventi un gatto adulto schizzinoso. È importante quindi abituare fin da subito il gattino a sapori differenti e, talvolta, a diverse tipologie di cibo.

66

Digeribilità dei cibi

Un'ultima regola da rispettare nell'alimentare un gattino è quella di optare per cibi molto digeribili. Le prime pappe per il cucciolo infatti devono essere molto digeribili in modo da abituare l'apparato digerente a sostanze solide. Perfetti sono gli omogeneizzati o la carne frullata cotta. È possibile anche optare per dei croccantini specifici per i gattini. Con il passare dei giorni l'acqua aggiunta ai cibi dovrà diminuire in modo da aumentare la consistenza solida.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come occuparsi di un gatto appena nato

Diverse sono le situazioni che possono portare all'esigenza di occuparsi di un gatto appena nato. La scomparsa o la morte prematura della madre ad esempio, così come il trovare cuccioli rimasti orfani è purtroppo un'eventualità abbastanza frequente....
Gatti

Come alimentare gattini appena nati

Le prime settimane di vita del gattino sono, sicuramente, il suo periodo più delicato e a cui è necessario prestare grande attenzione. Fondamentale è l'alimentazione del gattino appena nato, soprattutto se non ha la possibilità di avere accanto la...
Gatti

10 cose da sapere sulle lettiere per gatti

Uno dei vantaggi nel possedere un gatto anzichè un cane sta nell'uso della lettiera da parte dei mici. Il padrone di un gatto non ha bisogno di portarlo fuori regolarmente per fargli fare i suoi bisogni. E non deve neanche passare mesi e mesi ad addestrarlo...
Gatti

Come accudire un gattino di pochi giorni che ha perso la mamma

Purtroppo ogni tanto capita di trovare un piccolo gattino rimasto solo. Questo può essere causato da più di un motivo: qualcuno lo ha abbandonato, la mamma lo ha perso oppure lo ha abbandonato perché debole. Come comportarsi allora in questi casi?...
Gatti

5 consigli per rendere l'alimentazione del gatto più sana

Tutti amiamo gli animali, molti adorano i cani perché sono considerati i migliori amici dell'uomo, ma anche i gatti sono amati da molte persone; chi non ha mai sognato di avere un animaletto tutto per se che gli tiene compagnia e gli faccia le fusa....
Gatti

Come far convivere due gatti di sesso opposto

Per chi ama gli animali, crescere un gattino può essere molto gratificante, coccolarlo e curarlo come fosse un bambino. I gatti sono puliti, indipendenti e si adattano facilmente in un piccolo ambiente, non amano però subire troppi cambiamenti di territorio...
Animali da Compagnia

Come svezzare un furetto

I furetti sono degli animaletti domestici che possono tranquillamente convivere con cani e gatti. Sono animali molto affettuosi, giocherelloni e che hanno un estremo bisogno di compagnia e di spazio per correre. Proprio per questo motivo, chi sceglie...
Cura dell'Animale

I cibi più adatti a una mamma gatta

Una mamma è sempre una mamma, anche se gatta. Quando la nostra micetta dà alla luce i piccoli, attraversa la fase delicata di tutti i mammiferi. In quella circostanza, per nutrire i suoi cuccioli necessita di un'alimentazione particolare. Sarà un valido...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.