I 5 animali che si mimetizzano meglio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La natura, specie quella del mondo animale non finisce mai di stupire; infatti, in rifermento a quest'ultimo, è importante sapere che ci sono delle specie che riescono a mimetizzarsi talmente alla perfezione, che difficilmente è possibile individuarli, e ciò accade sul terreno, su alberi, piante e persino nel mare. A tale proposito ecco una lista di 5 animali che si mimetizzano meglio.

26

La cavalletta foglia

La cavalletta foglia, è un esemplare tipico della Nuova Guinea e si presenta con delle zampe molto sottili tendenzialmente marroni, che somigliano tantissimo a dei rametti, e le ali hanno la forma di due grandi foglie. Queste ultime gli servono per mimetizzarsi e quindi difendersi da altri predatori simili, a nel contempo anche per cercare a loro volta di catturare delle prede per il pasto quotidiano.

36

Il geco dalla coda a foglia

Il geco dalla coda a forma di foglia, è un esemplare che vive soltanto in Madagascar. Questo piccolo rettile si muove di notte nella foresta tropicale e si nutre di insetti. Il geco può facilmente mimetizzarsi tanto da diventare simile alla corteccia di un albero, e nel contempo rendere ancora più reale la sua nuova posizione, tanto da far pendere la coda proprio come un foglia caduca. Si tratta di un esemplare bellissimo da vedere, anche se purtroppo fa parte del lunghissimo elenco delle specie in via d’estinzione.

Continua la lettura
46

La rana grigio albero

La rana grigio albero, ama vivere nelle foreste del Nord America, ed in particolare nella parte sud del Canada. Il colore del suo manto muta in base a quello dell’albero su cui si trova in quel momento, assumendo soprattutto tonalità tra il grigio e il verde, proprio in riferimento alla maggior parte delle piante che nelle suddette zone hanno in prevalenza questi colori.

56

Il cavalluccio marino

Nell’Oceano Pacifico e in quello Indiano, esiste una specie di cavalluccio marino davvero unico e spettacolare; infatti, si tratta del cosiddetto pigmeo, uno tra i più piccoli della specie, che non supera i 2 cm di lunghezza. La particolarità della mimetizzazione consiste nel fatto che vivendo ad oltre 12 metri di profondità e in barriere coralline, riesce a nascondersi tra le gorgonie, e ad assumerne praticamente le sembianze, rendendosi invisibile alla vista dei grandi predatoti che vivono in queste acque.

66

Il pesce pietra

Il pesce pietra ama mimetizzarsi non tanto per difesa personale, ma per attaccare le sue prede; infatti, questo esemplare peraltro molto diffuso negli oceani Indiano e Pacifico, ma anche nel Mar Rosso, si presenta con un corpo decisamente tozzo, e con testa e bocca molto grandi. Inoltre il corpo è pieno di escrescenze, che gli consentono di mimetizzarsi ed assumere la forma di pietre alghe e coralli. Infine da notare che si tratta di un pesce che è molto velenoso specie per l’essere umano; infatti, iniettare veleno è la sua principale arma di difesa, contrariamente alla mimetizzazione che come già accennato, gli serve invece solo per attaccare le prede.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

Tutto sul giaguaro

In questo articolo vogliamo offrire un auto a tutti i nostri lettori che amano gli animali, anche quelli più esotici e particolari, a curarli e prendersi cura di loro, anche nel proprio piccoli. Cercheremo di approfondire tutto ciò che c'è da sapere...
Rettili e Anfibi

Come allevare un bitis gabonica

Più comunemente chiamata la Vipera del Gabon, questo tipo di serpente è molto diffuso in natura nelle zone della Tanzania, Uganda, Zambia e Mozambico. Fra le diverse vipere è forse la più grande in assoluto, ma possiede un carattere molto mansueto...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere un insetto stecco

Il regno animale è pieno di meravigliose creature che affascinano tutti noi. In questa particolare giuda, scopriremo come riconoscere un insetto stecco. Se non ne abbiamo mai visto uno, impareremo a individuarlo facilmente. Se poi ci piacerà davvero...
Volatili

Come distinguere un gufo da una civetta

I gufi e le civette, rappresentanti dell'ordine degli Strigiformi, sono essenzialmente uccelli crepuscolari e notturni; durante le ore di buio devono quindi cacciare le loro prede, difendere il territorio da eventuali intrusi, corteggiare il partner e...
Altri Mammiferi

Guida sugli animali della savana

La savana si può definire come una zona di transizione, nella quale la vegetazione è scarsa e soprattutto molto bassa. Precisamente è collocata tra il deserto e la steppa, nel caso del'Africa, oppure in prossimità di una foresta pluviale, se invece...
Cura dell'Animale

5 animali da vedere in Namibia

La Namibia è uno fra i paesi africani più affascinanti: per anni parte del Sudafrica, è stato dichiarato indipendente da circa 25 e continua a mozzare il fiato a migliaia di turisti. Oltre a una vasta flora, il territorio si caratterizza soprattutto...
Altri Mammiferi

Gli animali più pericolosi d’Australia

L'Australia è un Paese meraviglioso che, grazie alla sua estensione, offre ai visitatori paesaggi affascinanti nella loro diversità. Oltretutto, la densità di popolazione molto bassa ha lasciato una gran parte del territorio intatta. Ad ogni modo,...
Altri Mammiferi

Caratteristiche e curiosità del ghepardo

Ci sono molte caratteristiche specifiche che ci consentono di individuare atteggiamenti ed abitudini degli animali come ad esempio quelli del ghepardo; infatti, è l’unico felino in grado di salire sulle cime degli alberi senza nessun problema. Alcune...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.