I principali abitanti dello stagno

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il pianeta Terra è la casa dell'umanità e di una serie numerosissima di specie animali e vegetali. Nella biosfera della Terra sono presenti molti ecosistemi in perfetto equilibrio. Al loro interno, animali e piante vivono e interagiscono in un ambito completo di tutto il necessario. Un esempio di ecosistema è lo stagno. In uno stagno vivono molte creature, in particolare anfibi e rettili acquatici. Sono presenti anche diversi insetti, che costituiscono una componente della catena alimentare. Alghe e piante sono anch'esse essenziali per il bilanciamento dello stagno. Lo stagno diventa anche punto di sosta per diversi volatili. Ma scopriamo passo dopo passo quali sono i principali abitanti di uno stagno.

26

La rana

La rana è senza dubbio la creatura più famigliare negli stagni di tutto il mondo. È un anfibio che varia in dimensioni e aspetto. La più comune e nota è la raganella verde, presente anche in molti cortili umidi. Della stessa tipologia di anfibi fa parte la raganella tirrenica, endemica in Italia. Le raganelle sono anfibi carnivori, che si nutrono in particolare di insetti.

36

Il tritone

Il tritone è un altro dei principali abitanti dello stagno. Si tratta di un genere di salamandra che si nutre di piccoli invertebrati e plancton. In Italia è comune il 'tritone italiano', caratteristico nel centro e nel meridione. Somiglia, per aspetto, ad una sorta di lucertola che non supera gli 8 cm di lunghezza.

Continua la lettura
46

Il rospo

Il rospo è un altro anfibio molto noto tra gli abitanti dello stagno. Il suo aspetto è sgradevole ai più, così come il suo "canto". All'apparenza sembrano grosse rane rozze e poco accattivanti. Il rospo comune (o "Bufo Bufo") è il più presente negli stagni d'Italia. Non è raro trovarli saltellare nei cortili in prossimità di aree paludose delle città. Il rospo comune è l'anfibio più grande in Europa, con dimensioni fino a 20 cm di lunghezza.

56

La biscia d'acqua

La biscia d'acqua è nota anche come 'biscia dal collare'. È molto comune in Europa ed è anch'essa uno dei principali abitanti dello stagno. È un serpente acquatico non velenoso, presente in tutta l'Italia ad inclusione delle isole. Si nutre di piccoli anfibi, come le rane, e occasionalmente di mammiferi minuti. La biscia d'acqua non attacca mordendo, anche se talvolta può fingere il gesto. È un rettile non pericoloso per l'uomo.

66

La tartaruga

Infine abbiamo la tartaruga d'acqua, altro abitante comune dello stagno. La tartaruga è un rettile tra i più antichi presenti sul pianeta. Durante i mesi freddi vanno in letargo, scavando una buca nel fondo dello stagno. Sono tra i rettili più apprezzati, anche dai piccoli. Le loro 'cugine' di terra prendono il nome di testuggini.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

I principali uccelli da stagno

Tra gli animali presenti nel nostro pianeta troviamo gli uccelli da stagno. Lo stagno è uno specchio d'acqua immobile, non molto profondo e abbastanza piccolo. Esso è posto in luoghi dove vi è la giusta alimentazione per la fauna e un fondale resistente....
Rettili e Anfibi

Come catturare una rana

Se abbiamo un giardino e con esso un piccolo stagno, è importante sapere che può essere visitato dalle rane che con il loro tipico gracchiare specie nelle ore notturne, potrebbero dare non pochi fastidi, per cui bisogna trovare la soluzione adeguata...
Rettili e Anfibi

Come liberarsi delle rane

Le rane sono anfibi che vivono in prossimità di laghetti e stagni. Le rane sono solitamente animali molto utili: si cibano infatti di larve e insetti, come le zanzare e le mosche, che spesso sono nocivi alle colture e fastidiosi per l'uomo. Purtroppo...
Rettili e Anfibi

Come distinguere una rana da un rospo

Sapete come distinguere una rana da un rospo? Se la risposta fosse negativa, allora siete arrivati nel posto giusto al momento giusto. Nella seguente guida, infatti, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come distinguere questi due animali all'apparenza...
Rettili e Anfibi

I principali rettili delle paludi Italiane

Quando pensiamo ai rettili delle paludi in genere immaginiamo i grandi coccodrilli che infestano gli specchi d'acqua degli Stati Uniti o dell'Australia, oppure gli enormi serpenti della jungla. A questi animali particolari e misteriosi il cinema mondiale...
Rettili e Anfibi

Come si muovono e respirano gli anfibi

Gli anfibi sono affascinanti creature del mondo animale vertebrato, molto legate all'acqua.Si narra che siano stati i primi vertebrati a colonizzare l'ambiente terrestre. Il loro nome è ''amphibia'' (doppia vita)La loro caratteristica è la pelle umidiccia,...
Rettili e Anfibi

Come allevare rane e rospi

Gli anfibi appartengono ad una specie animale molto legata all'acqua ed è in questo luogo che avviene la loro riproduzione: l'etimologia della parola, "anfi" che significa doppio e "bio" vita, testimonia che il ciclo vitale degli anfibi prevede una fase...
Volatili

Le differenti tipologie di anatra

Quando si pensa alle anatre si immagina il comune Germano reale o le varie anatre ibride sugli stagni locali. Tuttavia in natura ci sono molti tipi diversi di anatre. L'anatra appartiene all'ordine degli uccelli quelli degli Anseriformi: la sottofamiglia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.