Incubazione e schiusa delle uova di tartaruga terrestre

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La tartaruga terrestre è senza dubbio un animale maestoso e bellissimo: essa rappresenta una delle specie di animali più affascinanti che esista al mondo e, fortunatamente, non è in via di estinzione. Infatti, grazie all'allevamento ed alla loro crescita costantemente monitorata, si è riusciti a preservare più esemplari possibili, e la tartaruga terrestre è tra questi. L' incubazione e la schiusa delle uova di tartaruga terrestre sono due processi assolutamente affascinanti da vedere. Chi ama gli animali, vorrà certamente saperne di più. A tal proposito, questa guida racconterà come avviene questo meraviglioso processo.

25

Innanzitutto, dopo la fecondazione, la femmina di tartaruga depone le uova in un numero che varia in base alla specie ed all'età dell'esemplare di tartaruga terrestre. La tartaruga terrestre molto giovane tende a deporre un maggior numero di uova, mentre una tartaruga terrestre di media età depone in genere dalle 4 alle 6 uova, preferibilmente nelle fasce orarie della giornata in cui la temperatura è più fresca. La deposizione delle uova, dunque, avviene solitamente nel primo mattino o nelle prime ore della sera. In base alla temperatura di incubazione, le uova possono impiegare dai 50 ai 100 giorni per schiudersi. È un tempo piuttosto lungo, quasi quanto una gravidanza umana.

35

L'incubazione dev'essere effettuata ad una temperatura costante di circa 30°. Per la schiusa, invece, le uova necessitano di una temperatura elevata, poiché è il calore a provocare la schiusa delle uova di tartaruga terrestre. A seconda delle variazioni, poi, cambia un ulteriore parametro: infatti, una gradazione minore, indicherebbe la possibilità maggiore di veder nascere molti esemplari femmine, mentre una temperatura minore di 30° favorisce la nascita di esemplari maschi. La temperatura la si può monitorare con un semplice termometro. Basterà inserirlo nel terreno alla stessa profondità in cui si trovano le uova. Superato il periodo dell'incubazione, le uova cominciano a schiudersi.

Continua la lettura
45

Nell'arco del tempo, alcune possono risultare danneggiate o coperte di muffa, ma i volontari che si occupano degli animali sanno cosa fare in proposito. Le uova apparentemente danneggiate, infatti, non devono essere eliminata, ma basterà semplicemente isolarle da tutte le altre. Questo solo per avere un occhio di riguardo per esse e monitorarle con più attenzione e cura. Nel caso della muffa, non bisogna poi consentire che si diffonda su altre uova, ciò potrebbe mettere in pericolo anche le uova sane. L'embrione comincia a rompere il guscio attraverso il dente dell'uovo: esso è presente sul suo muso e scompare il giorno successivo alla nascita, quando ormai ha svolto la sua unica funzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come covare un uovo di canarino

La riproduzione è uno dei momenti che tutti gli allevatori attendono con molta impazienza.Essa comincia con la scelta della coppia, la costruzione del nido, la deposizione delle uova, la cova e lo svezzamento dei pulli fino all'involo. Andremo ora a...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga da terra

Se decidiamo di adottare una tartaruga terrestre, è importante informarsi sulle sue abitudini, le necessità, le cure, l'alimentazione e lo spazio di cui necessita. Abilissima ad arrampicarsi, è spesso orientata a tentare la fuga dalle zone protette,...
Rettili e Anfibi

Consigli per accudire una tartaruga

Se si decidete di allevare una tartaruga terrestre, è importante attenersi ad alcune regole ben precise, in modo da farla vivere bene e a lungo, visto che questo esemplare è molto longevo. In riferimento a ciò, ecco una lista in cui ci sono alcuni...
Animali da Compagnia

Come fare accoppiare due tartarughe d'acqua

Molti di noi possiedono delle tartarughe d'acqua, se abbiamo due esemplari di sesso opposto, potrebbe essere interessante capire come creare le condizioni necessarie per fare accoppiare le due tartarughe d'acqua. Le differenze sono anche nella coda, generalmente...
Rettili e Anfibi

Come alimentare le tartarughe terrestri

Le tartarughe terrestri, rettili appartenenti all'ordine delle testuggini, sono divenute una specie particolarmente apprezzata per l'allevamento casalingo. Nonostante esista una ben definita legislazione in merito, sono numerosi gli esemplari che solitamente...
Rettili e Anfibi

Come controllare la crescita delle tartarughe terrestri

Per rendere il giardino più vivace, molti preferiscono allevare degli animali. Se i più diffusi sono sicuramente cani e gatti, c'è comunque una minoranza che preferisce degli animali più originali. È il caso della tartaruga terrestre. Questi animali...
Rettili e Anfibi

Centri di recupero italiani per tartarughe

Il Mediterraneo è particolarmente popolato da un esemplare di tartaruga chiamata Caretta Caretta che ne fa il suo habitat naturale per deporre le uova, ed ogni anno dopo aver percorso migliaia di chilometri ritrova con precisione chirurgica lo stesso...
Rettili e Anfibi

Tartarughe di terra: 5 cose utili da sapere

Le tartarughe di terra, o tartarughe di Hermann (Testudo Hermanni) sono dei rettili della famiglia delle testuggini. Sono animali molto intelligenti e molto longevi che non superano i 25 cm di grandezza in età adulta. Ma cosa si può sapere di questi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.