L'otite del gatto: sintomi e cure

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I nostri amici a quattro zampe ci assomigliano molto per molti aspetti, anche dal punto di vista salutare. Malattie per noi molto comuni e magari blande, possono colpire anche gli animali domestici, ma con conseguenze più gravi delle nostre, un esempio è l'otite. Che cos'è l'otite? E come si cura? Ed è proprio di questo che vi parlerò in questa guida, nello specifico vi parlerò di come si sviluppa L'otite del gatto: sintomi e cure.

26

Occorrente

  • Un buon veterinario.
36

Il gatto è un meraviglioso animale domestico, abbastanza tranquillo e riservato. Ma, come tutti gli animali, anche il gatto è soggetto ad alcune malattie come l'otite. Che cos'è l'otite? L'otite è un infiammazione dell'orecchio, che può colpirlo in più parti. Generalmente, nel gatto, l'otite colpisce la parte più esterna dell'orecchio, ma se non curata adeguatamente e tempestivamente, può arrecare gravi danni fino alla rottura del timpano. Le cause del l'otite sono molto comuni ed hanno molto a che fare col tipo di vita del gatto: si tratta di una patologia scaturita da batteri quali gli acari, ad esempio.
Un gatto che tende a passare del tempo fuori casa, nei giardini o in campagna, ha più possibilità di sviluppare l'otite. Ma anche un gatto di casa, la cui pulizia delle orecchie è carente, può soffrire di otite. Essa può divenire anche cronica e durare mesi, addirittura anni nei casi peggiori.

46

Seppur il gatto sia un animale molto discreto, esso vi farà capire quando l'orecchio gli starà dando problemi.
Certamente bisogna fare caso al suo comportamento: se notate che il vostro gatto si gratta spesso l'orecchio, cammina in maniera instabile e sbilenca, perde liquido dall'orecchio, emana cattivo odore, tende a scuotere la testa oppure non è propenso a farsi accarezzare in prossimità dell'orecchio, allora siete di fronte ad un caso di otite. Nei casi più gravi potreste anche riscontrare inappetenza e vomito.
Che cosa dovreste fare in questo caso?

Continua la lettura
56

Per prima cosa dovrete cercare di calmare il vostro gatto e portarlo subito dal veterinario. Le otite sono causate dai batteri quali gli acari già citati precedentemente, ma possono anche essere il sintomo più blando di malattie peggiori, quali in tumore ad esempio. Il vostro veterinario, in base alla diagnosi caso per caso, vi saprà indicare la terapia più adatta. Nel peggiori dei casi, il veterinario dovrà sedare il gatto e ripulire il condotto uditivo da eventuali impurità che si sono accumulate. Qualora ci dovessero essere polipi o tumori, bisognerà intervenire chirurgicamente.
Nei casi più comuni e scatiriti da batteri o parassiti, le cure del l'otite sono a base di antibiotici.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultate tempestivamente un veterinario per evitare che la situazione peggiori.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come scoprire un'allergia alimentare del cane

Le allergie alimentari sono un fastidio in continua ascesa tra la popolazione mondiale. Non tutti gli esseri umani, per quanto onnivori, sono tolleranti ad ogni nutriente. Individuare un'intolleranza alimentare richiede tempo ed osservazione. Spesso è...
Gatti

Gatti: guida ai parassiti e agli insetti pericolosi

I gatti sono dei bellissimi ed adorabili animali di compagnia. Al giorno d'oggi sono molte le famiglie che decidono di adottare un gatto, e le motivazione che le portano a questa importante scelta sono tantissime. Per prima cosa, il gatto rappresenta...
Gatti

Come pulire le orecchie al gatto

Adottare un animale, come sappiamo, porta nella casa sempre molta allegria e compagnia. Naturalmente prima di decidere di adottarne uno, è necessario essere assolutamente sicuri di potergli sempre garantire una corretta alimentazione, tutte quante le...
Cani

5 consigli per gestire la vecchiaia del cane

La speranza di vita media di un cane è di 8 anni. Questa aspettativa è pero fortemente influenzata da fattori quali la razza, la taglia e lo stile di vita condotto dall'animale nel corso della sua esistenza. Oggi, grazie ai progressi della Scienza e...
Cani

Come curare un Barboncino

Quando si possiede un'animale domestico bisogna tener conto di innumerevoli aspetti, ai quali bisogna dare le giuste attenzioni. Questo è fondamentale per mantenere il benessere del proprio cucciolo accolto in casa. In questa guida però ci focalizzeremo...
Rettili e Anfibi

Principali malattie delle tartarughe acquatiche

Le tartarughe acquatiche si distinguono per la loro longevità e robustezza. In cattività, non vale lo stesso, infatti l'85% delle malattie è causato da un'alterazione dell'habitat naturale o da una cattiva alimentazione. È importante, per la prevenzione...
Cani

Come proteggere il proprio cane da problemi alle orecchie

Se stai leggendo questa guida, stai sicuramente cercando un metodo per capire come proteggere il proprio cane da problemi alle orecchie. Probabilmente perché in passato hai già avuto cani che hanno avuto problemi alle orecchie e non vuoi ritrovarti...
Cani

Come accudire un Bassotto

Tra gli animali di casa maggiormente amati, lo scettro di primo della classe, andrà assegnato di diritto al cane, si sa. Tale compagno fedele, ha fin da sempre occupato un particolare posto nel cuore dell'uomo, diventando col passare del tempo, un insostituibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.