La cura del toporagno: 5 errori da evitare

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il toporagno è una specie di topolino con la "proboscide". È davvero molto piccolo, pare addirittura sia il più piccolo mammifero esistente. Può essere lungo, infatti, da 2 a massimo 15 cm e pesare dai 2 ai 100 grammi. Si tratta di un animaletto selvatico, che vive per lo più sottoterra e predilige la campagna come suo habitat. La sua principale attività è quella di mangiare. Ha infatti un metabolismo davvero molto accelerato, che lo costringe a nutrirsi in continuazione con i suoi piccoli dentini aguzzi. Se però vi dovesse capitare di dovervi prendere cura di un piccolo toporagno, magari ferito o in difficoltà, sarà bene tenere a mente i 5 principali errori da evitare.

26

Evitate il contatto con altri animali

Innanzitutto, tenete ben presente che il toporagno, sebbene piccolo e carino, è un animaletto davvero irascibile e molto legato al suo territorio. È un tipo solitario, non ama la compagnia di altri suoi simili, figuriamoci quella di altri animali. Quindi, occhio a tenerlo ben lontano da altri animali domestici, perché i suoi dentini aguzzi possono rivelarsi molto pericolosi: il suo morso, infatti, può fare davvero molto male.

36

Non consideratelo un animale domestico

Il toporagno non è assolutamente un animale domestico, quindi evitate di trattarlo come se lo fosse. Non si tratta di un tenero porcellino d'india o di un criceto. Il toporagno è un animale selvatico, ha bisogno di spazio, di scavare a volontà e soprattutto di mangiare in continuazione. Quindi, a meno che non vogliate dedicare tutto il vostro tempo libero ad accudire un toporagno, entrate nella mentalità che le vostre cure dovranno essere temporanee, magari giusto il tempo per rimetterlo in sesto e poi lasciarlo libero di tornare nel suo habitat naturale.

Continua la lettura
46

Evitate la luce del sole

Se state prendendovi cura di un toporagno, e ci auguriamo si tratti per poco tempo, assicuratevi di non tenerlo alla luce del sole. Pare, infatti, che il calore e i raggi solari gli siano altamente nocivi, addirittura anche fatali. Ed è per questo, infatti, che il toporagno vive di norma sottoterra, passando il suo tempo tra pisolini e scorpacciate.

56

Non trattatelo da vegetariano

Il toporagno è assolutamente carnivoro, quindi occhio a non trattarlo come un vegetariano. Il piccolo topino in questione, infatti, è sempre costantemente affamato. Dovrete preoccuparvi di dargli da mangiare molto spesso, e una quantità sufficiente di nutrimento giornaliero pari a circa l'80/90 per cento della sua intera massa corporea. Cosa mangia il toporagno? Insetti, piccoli animaletti come altri topolini o rane, e se proprio non ne disponete, potrete ricorrere alla carne macinata.

66

Evitate i distributori dell'acqua

Dopo una bella mangiata, il toporagno avrà bisogno di bere molta acqua. Attenzione però, perché il toporagno è un animaletto davvero molto piccolo, quindi potrebbe avere non poche difficoltà a bere dai normali distributori di acqua ideati per topi e criceti. Se non volete che il vostro toporagno muoia disidratato, assicuratevi che abbia sempre a disposizione un piattino basso di acqua fresca e pulita. Cambiate spesso l'acqua se necessario.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

I 5 mammiferi più velenosi

Nel mondo animale, sia predatori che prede utilizzano dei veleni per fronteggiare il nemico. Questo accade sopratutto tra le specie ovipare e tra gli insetti. È molto raro che un mammifero possa adoperare un veleno, ma questo non è impossibile. Esistono...
Animali da Compagnia

Il furetto come animale da compagnia

Come amanti degli animali, vogliamo proporre a tutti i nostri lettori, una pratica guida, che vuole essere d'aiuto per tutti coloro i quali vorrebbero avere in casa propria un animale ed in particolare modo il famoso furetto. Occorre subito sapere che...
Animali da Compagnia

I principali roditori domestici

I roditori sono animali che sempre con maggiore frequenza è possibile incontrare nelle case di molte famiglie. Per il loro carattere docile e mansueto, questi graziosi esemplari sono diventati gli animali preferiti dei bambini, i quali si intrattengono...
Altri Mammiferi

Come Riconoscere Il Grillo Talpa

Il grillo talpa è un insetto appartenente alla famiglia dei Gryllotalpidae. Viene considerato come un animaletto dannoso per i terreni coltivati a prati e per gli orti: questo accade perché l'insetto scava delle gallerie sotterranee che danneggiano...
Animali da Compagnia

Come scegliere il cucciolo che fa per voi

Avete voglia di trovare un nuovo compagno con cui condividere la vostra vita e i vostri momenti più belli, ma non sapete come scegliere il cucciolo che fa per voi? Qui sotto potrete trovare una guida con dei consigli utili per aiutarvi a decidere quale...
Animali da Compagnia

Furetto: scegliere la gabbia giusta

Esistono moltissimi animali diverse specie di animali che, nel corso degli anni, siamo riusciti ad addomesticare rendendoli fedeli compagni: cani, gatti, tartarughe, pappagalli e perfino cavalli, ma un animale spicca in particolare per la sua simpatia...
Animali da Compagnia

Come fare una gabbia per il criceto

Se possiedi un criceto e vuoi allestire la sua gabbia in maniera tale da garantire una qualità di vita ottimale al tuo animaletto di affezione, in questa guida troverai una serie di utili indicazioni per realizzargli un habitat consono. In questo tutorial...
Animali da Compagnia

L'alimentazione del porcellino d'india

Il porcellino d'India è uno tra i più graziosi animaletti da compagnia, amato dai bambini, viene chiamato anche cavia. Appartiene alla famiglia dei roditori, la medesima dei topi, ma per certi versi è più simile ad un porcellino, da cui ha "ereditato"...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.