La famiglia dei crostacei: caratteristiche e suddivisione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Chi ama il mare conosce bene quali meraviglie celano le acque del nostro pianeta. Dai pesci più grandi alla barriera corallina, i colori e gli immensi fascini lasciano a bocca aperta per lo stupore chiunque si avventuri in mare. Tra gli abitanti delle acque vi sono i crostacei, indiscusse prelibatezze in cucina ma eleganti ed affascinanti creature viventi. La famiglia dei crostacei ha delle proprie caratteristiche e una propria suddivisione, vediamo quali in questa guida.

26

Le caratteristiche comuni

La famiglia dei crostacei appartiene al genere degli Artropodi e include esseri viventi invertebrati che posseggono delle estroflessioni o appendici esterne ben articolate e di varia lunghezza che ne permettono il movimento. Esternamente sono dotati di un carapace che è l'involucro esterno che protegge gli organi interni e le parti più molli. Di fatto, soprattutto nei crostacei molto grandi, il carapace diventa un vero e proprio scudo di testa e corpo.

36

Le differenze esterne e i Decapodi

Soffermandoci solo all'esterno possiamo effettuare una vera e propria suddivisione di questa famiglia, Di fatto esiste una specie avente dieci zampe che è chiamata Decapodi. Una specie importante di Decapodi è quella che delle prime due "zampe" anteriori ne fa arma di difesa poiché queste risultano più grandi e prendili e sono chiamate "chele".

Continua la lettura
46

Le caratteristiche respiratorie e i Brachiuri

Per quanto riguarda invece la capacità respiratoria, c'è da dire che della stessa famiglia sono diverse le caratteristiche respiratorie. Se alcune specie vivono in fondo ai mari, altre hanno caratteristiche anfibie e possono rimanere fuori dall'acqua per un tempo limitato. Questa specie anfibia è quella dei Brachiuri.

56

I Decapodi commestibili

Tra i Decapodi di tipo commestibile possiamo stilare una lista. "Macruri", "Brachiuri" e "Stomatopodi" sono le principali tre specie. I Macruri sono caratterizzati da un dorso lungo e affusolato con zampe sottostanti e coda finale più larga tendente al ventaglio, come le aragoste e i gamberi. I Brachiuri sono i decapodi muniti di chele, dal corpo rotondeggiante ripiegato inferiormente, come i granchi. Gli Stomatopodi invece sono le canocchie, dall'aspetto molto diverso e provviste di chele.

66

La conservazione limitata

La presenza di molti aminoacidi liberi induce l'eccessiva produzione di azoto responsabile, tra l'altro, del cattivo odore del pesce ancora vivo o crudo. In realtà la sua conservazione è limitata, e l'irrancidimento è velocizzato da alcuni processi interni tipici di pesce e crostacei. L'azione enzimatica propria e l'azione batterica anaerobica sono due responsabili. La presenza di aminoacidi e azoto libero associata all'effetto enzimatico di degradazione dei muscoli sugli animali morti determina l'irrancidimento dal caratteristico odore di ammoniaca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come Riconoscere I Notostraci

I Notostraci sono dei particolari tipi di crostacei dall'aspetto insolito, che vivono in acque stagnanti e lontani dalla luce, come per esempio in laghetti di grotte, laghetti alcalini, pozzi o risaie. Sono diffusi in ogni parte del mondo ad esclusione...
Invertebrati e Insetti

La famiglia degli aracnidi: caratteristiche e suddivisione

Gli aracnidi sono una specie animale appartenente alla famiglia degli artropodi, che comprende esemplari tipo ragni, zecche, scorpioni e acari. Sulla terra ne esistono più di 60 mila, ed il nome è di origine greca che significa ragno, poiché questo...
Volatili

Airone: le differenti specie

L'airone è un uccello della famiglia degli ardeidi dell'ordine dei Pelecaniformes. Il nome di questi uccelli, secondo la leggenda narrata da Ovidio, viene dalla cittadina di Ardea, dalla quale un airone spiccò il volo dopo che Enea la distrusse completamente....
Invertebrati e Insetti

La famiglia degli Echinodermi: caratteristiche e suddivisione

Gli echinodermi sono delle specie animali di medie dimensioni che superano le 5500 unità, e vivono esclusivamente negli ambienti marini. Un esempio sono la stella marina ed il riccio. In riferimento a ciò, ecco una lista con le principali caratteristiche...
Pesci

Come e dove catturare granchi di scoglio

Tra i cibi sofisticati e prelibati c’è il comune granchio di scoglio, che si distingue da quello di sabbia considerato di qualità più bassa. Si tratta di crostacei presenti nelle scogliere marine, utilizzati anche come esca per i predatori, analogamente...
Invertebrati e Insetti

Come si suddividono gli invertebrati

Gli invertebrati sono una categoria di animali che si accomuna in base ad una caratteristica specifica, ovvero il fatto di essere privi di colonna vertebrale e scheletro interno. Spesso, infatti, si utilizza il termine "invertebrati" senza avere ben chiaro...
Pesci

Come allevare una velifera in acquario

L'acquario è una sorta di contenitore trasparente, le cui pareti sono composte da lastre di vetro. Esso permette l'allevamento di pesci, anfibi, crostacei e molluschi e anche la coltivazione di piante palustri e acquatiche. Il più delle volte presenta...
Volatili

I principali uccelli da stagno

Tra gli animali presenti nel nostro pianeta troviamo gli uccelli da stagno. Lo stagno è uno specchio d'acqua immobile, non molto profondo e abbastanza piccolo. Esso è posto in luoghi dove vi è la giusta alimentazione per la fauna e un fondale resistente....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.