Le migliori razze di galline ovaiole

tramite: O2O

Introduzione

Le galline ovaiole portano questo nome grazie allo loro capacità di deporre un gran numero di uova rispetto ad altre razze di galline. Di fatti in media sono in grado di produrre 300 uova nell'arco di un anno, ovviamente in periodi di fertilità. Di solito il picco di produzione si dimostra durante un anno, dopo di che la produzione comincia a calare man mano. In media una gallina di questa razza riesce a vivere dai 5 a massimo 11 anni. Quindi avrete uova in quantità industriali per molto tempo! Ovviamente, il tutto dipende anche dalla razza, in quanto esistono diverse tipologie di razza di galline ovaiole, ma vediamo quali sono le migliori.

15

Le ovaiole italiane

Questa gallina è anche conosciuta con il nome di padovana. Produce all'incirca 300 uova nell'arco d un anno, si contraddistinguono per la presenta di un ciuffo posto sulla fronte dell'animale, inoltre sono galline molto piccole, infatti riescono a raggiungere un peso massimo di due chili. Le uova che esse depongono presentano un guscio molto poroso e bianco. E ne producono in media dalle 280 massimo 320 all'anno.

25

La livornese

Un'altra categoria di gallina ovaiola è senza ombra di dubbio la Livornese. Esse si presenta in ulteriori sottocategorie a seconda del colore del loro piumaggio. Infatti vi è la Livorno Nera, la Livorno Fulva, la Livorno Bianca, la Livorno sia collo oro che collo argento, ma queste sono senza ombra di dubbio quelle più conosciute. Anche queste in media producono sulle 300 uova all'anno, quindi potrete contare anche in questo caso sull'abbondanza di uova!

Continua la lettura
35

La cocincina

Molto apprezzata per quanto riguarda le galline ovaiole sono anche la razza cocincina. In questo caso si tratta di galline dalla taglia molto grande, infatti basti pensare che possono arrivare a pesare fino ad un massimo di quattro ma anche cinque chili ognuna. Inoltre, comportano una produzione di uova massimo di 250 all'anno. Si tratta di galline molto tranquille e docili, che si prestano molto bene all'allevamento per la produzione di uova.

45

La Valdarno

Questa gallina prende il nome dal luogo in cui viene allevata ossia la valle dell'Arno, ossia in Toscana. Non risulta essere una razza pesante infatti può raggiungere un peso massimo che varia dai due chili massimo due chili e mezzo, presenta una cresta poco sviluppata e in entrambi i sessi il colore è nero con dei viraggi del piumaggio nel colore verde. Anche essa facente parte della galline ovaiole comporta una buon quantitativo di uova all'anno.

55

La siciliana

Questa razza è molto rustica per cui non necessita di particolari accorgimenti nella fase di allevamento. Molto resistente ai bruschi cambiamenti climatici e inoltre è resistente alle malattie. Può avere una colorazione del piumaggio sia nero che bianco. Il peso di questa gallina non supera il chilo ed otto e inoltre produce delle uova che presentano un guscio con una colorazione bianca o molto chiara in ogni caso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come allevare galline ovaiole all’aperto

Per chi possiede un terreno di campagna esistono tante possibilità per svolgere un'attività produttiva rispettosa della natura e producente in maniera soddisfacente, un esempio ...
Cura dell'Animale

Le principali tipologie di allevamento

L'allevamento è una delle attività più antiche espletate dall'uomo, oltre all'agricoltura. Sin dai tempi più remoti tutte le civiltà si sono adoperate ...
Volatili

Come costruire un riparo per le galline ovaiole

Normalmente per le questioni di allevamento e di produzione di alimentari biologici le persone si rivolgono od ad un agricoltore esperto o semplicemente leggono qualche ...
Cura dell'Animale

Come alimentare le galline ovaiole

Gli scaffali dei supermercati offrono uova di diverse qualità, provenienti da animali allevati a terra, all'aperto o comunque in maniera intensiva. Quindi, per essere ...
Cura dell'Animale

5 regole d'oro per la cura delle galline

Se abbiamo a disposizione un bel giardino, dotato della giusta ampiezza o se magari abitiamo in campagna, l'allevamento e la cura delle galline possono ...
Cura dell'Animale

Come preparare un pollaio

Al giorno d'oggi, la voglia di tornare a vivere a contatto con la natura e godere di ciò che questa offre è diventata forte ...
Volatili

Come preparare un nido per galline

Le galline sono spesso definite “animali da cortile”, perché non hanno bisogno di un particolare habitat per sopravvivere, ma possono essere allevate, appunto, anche in ...
Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella cura delle galline

Se abbiamo un piccolo pollaio ed intendiamo allevare con cura le galline, ci sono alcuni importanti accorgimenti da prendere per evitare di commettere errori che ...
Cura dell'Animale

Come evitare che le galline mangino le proprie uova

Negli animali che vivono in condizioni di libertà, i casi di ovofagia (la tendenza a mangiare le proprie uova) sono piuttosto rari o del tutto ...
Altri Mammiferi

Le più famose razze di conigli da allevare

Allevare il bestiame è sicuramente per chi piace un qualcosa di molto bello e gratificante. Innumerevoli infatti sono le razze di animali che si possono ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.