Le piante velenose per i gatti

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Se il vostro micio, oltre ad essere un pantofolaio che cerca posticini in cui dormire indisturbato, è un brillante e coraggioso esploratore ed entra in contatto con le piante del terrazzo o, addirittura, è libero di sgattaiolare nel giardino, prestate attenzione a questa guida. Istintivamente, nessun animale si avvicina a qualcosa di nocivo per la sua salute ma può capitare che un cucciolo o un gatto più intraprendente morda steli, petali o foglie di fiori potenzialmente pericolosi per la sua salute. Ecco in questa guida, quali sono le piante velenose da tenere fuori dalla portata dei gatti.

25

Molti fiori, purtroppo, hanno al loro interno delle sostanze che possono essere irritanti per la mucosa orale, causare disturbi più o meno gravi al cuore, all'intestino e al sistema nervoso. È importante riconoscere i sintomi di una intossicazione e sapere quali piante possono causarli, in modo da riferire tutto al veterinario. Alcuni tra i più comuni fiori da giardino e terrazzo, infatti, se ingeriti dai gatti, possono causare loro vomito, diarrea e disturbi gastrointestinali di diversa entità: è il caso del mughetto, stella di natale, papavero, tulipano, narciso e giglio.

35

Edera e gelsomino, comunissime piante spesso utilizzate come siepi e dall'apparenza innocua, provocano nei nostri felini sintomi di varia natura, quali disturbi della coordinazione, della vista, debolezza, tremore, fino ad arrivare a patologie ben più gravi, quali depressione nervosa e danni al cuore. Un'altra pianta dalla quale stiamo abitualmente alla larga è l'ortica: le sue foglie sono molto irritanti anche per i nostri amici animali e sono motivo della comparsa di vesciche in bocca, ma anche di difficoltà nella respirazione e bradicardia.

Continua la lettura
45

Senza dubbio, è difficile pensare che chi vive in campagna e tiene i gatti liberi all'aperto, possa eliminare del tutto i pericoli cui essi vanno incontro, ma è buona norma, per tutte le persone che hanno dei gatti, riservare loro un'abbondante coltivazione di erba gatta.

55

In alcuni casi, solo qualche parte della pianta può essere nociva per il gatto: corteccia, foglie, semi, bacche, radici, tuberi, beccucci e i gusci verdi, che potrebbero essere altamente velenose. Se il felino mangia una di queste parti e si sente male, è necessario portare il gatto dal veterinario il più presto possibile, qualora possiate, portate la pianta con voi per facilitarne l'identificazione. Ricordate inoltre, che i rododendri e le azalee possono avere gravi effetti sugli animali domestici. Mangiare anche un paio di foglie può causare vomito e diarrea; senza l'immediato intervento del veterinario, l'animale potrebbe cadere in coma e anche morire.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come salvare i vostri cani e gatti in seguito ad un avvelenamento

Vedremo in questo brano come salvare i vostri cani e gatti in seguito ad un avvelenamento. Può capitare purtroppo che ci si ritrova in una spiacevole situazione dove il vostro gatto oppure cane, per diversi motivi, abbia mangiato qualcosa che contenesse...
Rettili e Anfibi

Le piante velenose per le tartarughe

Accudire un animale non è mai semplice: ogni specie necessita di un certo tipo di attenzione ed anche di un certo tipo di alimentazione. Vi sono alimenti che è bene non somministrare ad alcuni animali da compagnia, in quanto potrebbero risultare tossici...
Gatti

Guida alle piante tossiche per il gatto

Qualunque persona abbia un gatto è ha conoscenza del fatto che questi simpatici animali sono molto attratti da alcune tipologie di erbe: quando hanno l'opportunità d'esplorare un giardino o anche semplicemente un ambiente domestico, essi si ritrovano...
Gatti

Come salvare il vostro gatto dall'avvelenamento

Nella guida che seguirà andremo a occuparci di un tema piuttosto particolare, e credo interessante. Parleremo di gatti, cercando di offrirvi qualche informazione su Come salvare il vostro gatto dall'avvelenamento.Esistono molteplici sostanze nocive capaci...
Gatti

10 regole per una casa a prova di gatto

Il gatto è tra gli animali domestici per eccellenza. Con la sua indole sorniona ma vivace, dolce e discreta, ha un carattere ricco di contrasti che lo rendono senza dubbio uno degli animali più affascinanti e belli da tenere con sé, che si viva in...
Gatti

I 10 cibi più pericolosi per i gatti

Tra gli animali d'appartamento più comuni ci sono i gatti,  i quali possiedono un resistentissimo sistema digerente. Essendo ottimi predatori, sono capaci di digerire carne cruda e detriti di ossa. Anche la formazione della dentatura è composta da...
Gatti

Gatti: come riconoscere i sintomi della nausea

Il gatto è un animale domestico indipendente ed amante del proprio territorio, anche in casa; infatti, predilige sempre gli stessi luoghi, è metodico nelle sue operazioni di pulizia quotidiana, ma è anche curioso, tanto che a volte si spinge inconsciamente...
Cani

Avvelenamento cani: cosa fare

Il cane è il migliore amico dell'uomo e ormai per ognuno di noi non è solo un animale di cui prendersi cura, ma rappresenta un vero e proprio membro della famiglia e, come tale, ha bisogno di tutte le attenzioni necessarie affinché sia in salute e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.