Le più comuni patologie del coniglio

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I conigli sono come gli esseri umani soggetti a varie patologie talvolta gravi e serie, che tuttavia si possono prevenire e curare. Alcune sono dettate da specifici fattori esterni, ed altri associabili invece a vere e proprie malattie. A tale proposito, ecco una lista con le più comuni patologie del coniglio.

26

Difetti ai denti

Una prima patologia tipica che interessa il coniglio è legata ai denti; infatti, questi ultimi crescono continuamente per tutto l'arco della sua vita e se presentano dei difetti, tendono costantemente a formare punte taglienti che danneggiano guance e lingua. Questo problema, provoca dolore ed impossibilità nel mangiare.

36

Infezione batterica

Lo stretto contatto del coniglio con uno infetto, può trasferire facilmente il batterio Pasteurella multocida. L'infezione può infatti influenzare gli occhi (arrossamento) e il naso (starnuti e secrezione), dando così origine alla patologia chiamata malattia "Tartufo". La Pasteurella può infettare anche altre zone del corpo, tra cui le orecchie (con conseguente inclinazione della testa), ascessi (visti come grumi sul corpo) e causare infezioni uterine nelle femmine.

Continua la lettura
46

Peli nello stomaco

I peli nello stomaco sono un'altra patologia tipica del coniglio, proprio come accade ai gatti; infatti, possono essere normalmente trovati nello stomaco di un coniglio, quando si lecca per le sue abituali ed istintive pulizie giornaliere. Tuttavia al contrario dei gatti, i conigli non possono vomitarli, per cui i peli devono per forza essere espulsi nelle feci e quindi passare attraverso l'intestino. In questo caso è consigliabile periodicamente aggiungere olio al cibo, in modo da renderlo più fluido, e quindi eliminare a priori l'inconveniente che spesso comporta un intervento chirurgico.

56

Tumori uterini

I tumori uterini sono molto diffusi nella femmine di coniglio, e nello specifico si tratta di una forma di cancro denominata adenocarcinoma uterino, per cui conviene rimediare in anteprima con la sterilizzazione. Alcuni dei segni clinici più comuni includono macchie di sangue, comportamento aggressivo e cisti ghiandolari e mammarie.

66

Mixomatosi

La Mixomatosi è un virus che viene trasmesso da zanzare, pulci o da uno stretto contatto con un coniglio già infetto. Questa patologia danneggia gli organi interni del coniglio come il fegato e l'intestino, e può anche causare emorragia o sanguinamento. La malattia può progredire molto rapidamente ed è spesso fatale, per cui periodiche visite veterinarie sono altamente consigliate a scopo preventivo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come prendersi cura di un coniglio anziano

Molte persone decidono di adottare un animale come proprio compagno, da tenere in casa e crescere. Diventano quindi parte integrante della famiglia e continuano a vivere con noi per molti anni, soprattutto se li curiamo come si deve. Gli animali da compagnia...
Animali da Compagnia

Come fare se il pelo del coniglio è stato trascurato

Sono moltissimi gli animali che possiamo adottare e far vivere con noi per farci molta compagnia, ma prima di prendere questa decisione dovremo essere sicuri di poter curare i nostri amici pelosi sempre alla perfezione e di dedicargli un po' del nostro...
Animali da Compagnia

Come allevare un coniglio nano

Esistono molteplici razze di conigli, i quali ormai sono divenuti animali da compagnia molto apprezzati, in quanto possono vivere anche in appartamento e non richiedono cure costanti come avviene per i cani o i gatti. Tra le razze più ambite vi è quella...
Cura dell'Animale

5 motivi per portare il coniglio dal veterinario

Forse non tutti lo sanno, ma il coniglio è l'animale domestico più diffuso, dopo il cane e il gatto. E non c'è motivo di farsene meraviglia perché il coniglio è un animale affettuoso ed intelligente, con una grande capacità di integrazione nelle...
Animali da Compagnia

Come sapere se il coniglio ha la tigna

All'interno di questa guida, andremo a parlare di malattie infettive. Ci dedicheremo ad una malattia infettiva che molto spesso colpisce i conigli: la tigna. Proveremo a rispondere a quest'interrogativo ricorrente nel settore: come facciamo a sapere se...
Cura dell'Animale

Come capire se il coniglio sta male

Negli ultimi anni, oltre ai cani e ai gatti, anche i conigli (in particolare quelli nani) si sono ritagliati uno spazio importante all'interno delle abitazioni di molti italiani. Sono i bambini ad innamorarsi di tali animali, grazie soprattutto alla morbidezza...
Cura dell'Animale

Come scegliere il cibo per i conigli

Negli ultimi anni, sta prendendo sempre più piede la concezione dei conigli come dei veri e propri animali da compagnia, invece che animali da fattoria. Dolci, coccoloni e molto divertenti, i conigli sono animali davvero fantastici, ricchi di sorprese...
Animali da Compagnia

Come riconoscere il sesso di un coniglio

I conigli, grazie alla socievolezza e alla docilità che li contraddistinguono, sono ottimi animali da compagnia presenti da anni in numerose abitazioni. Qualora si decidesse di allevare uno di questi simpatici mammiferi, è particolarmente importante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.