Le principali malattie delle pecore

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Le pecore sono animali bellissimi, ma al tempo stesso possono rivelarsi degli animali particolarmente delicati, soprattutto per quanto riguarda il rischio di contrarre delle speciali malattie, talvolta anche molto gravi e debilitanti. Le pecore, infatti, possono essere affette da una grande varietà di malattie, infettive e non infettive, delle quali tenere conto, soprattutto nel caso di un allevamento di questi bellissimi animali. Alcune di queste malattie, poi, sono contagiose anche per gli esseri umani: in genere le malattie delle pecore che rischiano di essere pericolose anche per le persone sono chiamate "zoonosi". Alcune malattie delle pecore da allevamento, inoltre, possono contagiare, in pochissimo tempo, l'intero gregge, impedendo l'importazione e l'esportazione del bestiame all'estero. Vediamo insieme quali sono le principali malattie delle pecore delle quali preoccuparsi, in modo da prevenirle facilmente.

24

Tra le malattie tipiche delle pecore di cui preoccuparsi vi è, in primo luogo, la brucellosi. La brucellosi è una malattia infettiva causata dal batterio del tipo Brucella. Esso colpisce ovini, caprini, bovini, suini, cani ed altri animali. Nei ruminanti infetti, la Brucellosi provoca l'aborto durante la seconda metà della gestazione. Le pecore sono meno suscettibili dei bovini a questa malattia, che non è considerata causa comune di aborto negli ovini. La brucellosi ovina colpisce soprattutto i montoni, causando lesioni ai loro organi riproduttivi.

34

Un'altra delle malattie che possono colpire duramente le pecore, poi, è la Campilobatteriosi (anche chiamata "Vibriosi"). Questa malattia rappresenta una causa comune di aborto nelle pecore. L'aborto durante l'ultimo mese di gravidanza, agnelli nati morti oppure la nascita di soggetti deboli sono segni comuni dell'infezione da Vibriosi. Le pecore vengono infettate attraverso l'ingestione orale, ed il periodo di incubazione dal momento dell'infezione all'aborto è di sole due settimane. La vaccinazione contro questa malattia può risultare efficace, assieme all'aggiunta di antibiotici all'alimentazione delle pecore malate, anche se si sono verificati numerosi casi nel gregge. La diffusione della malattia può essere prevenuta isolando le pecore malate, con un corretto smaltimento dei feti abortiti, e disinfettando regolarmente e con cura tutta l'area colpita, per assicurare alle pecore ancora sane un ambiente pulito ed a prova di infezione.

Continua la lettura
44

Infine, la Salmonella è la quarta causa di aborto nelle pecore. La maggior parte delle pecore malate di Salmonella presenta sintomi come la diarrea, ed alcune rischiano di morire di setticemia. Purtroppo anche gli agnelli sani possono contrarre la malattia e morire.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come costruire un recinto per le pecore

Se abbiamo una casa in campagna e degli animali come le pecore, queste ultime devono essere lasciate libere di pascolare, però cercando anche di proteggerle da eventuali attacchi da parte di altri predatori. Per risolvere questo inconveniente è necessario...
Cani

Tutto sul Border Collie

Gli animali, e soprattutto i cani sono da sempre considerati come i migliori amici dell'uomo. Ci fanno compagnia in ogni momento della nostra vita e senza di essi molto probabilmente la nostra vita sarebbe vuota. Per potercene prendere cura nel migliore...
Cura dell'Animale

Come tosare una pecora

La tosatura delle pecore è una pratica millenaria, dai tempi in cui l'uomo ha esercitato l'allevamento di alcuni animali che si sono rivelati adatti a tale scopo. Gli ovini sono una categoria a tutt'oggi oggetto di allevamento, per le caratteristiche...
Cani

Le razze di cani più intelligenti

Da sempre il cane è per antonomasia "il migliore amico dell'uomo" e molto spesso si tende di dire che questo tenerissimo animale sia addirittura più intelligente di certe persone. Di fatto il cane è un animale intelligente, anche se nulla a confronto...
Cani

Tutto sullo Shetland Collie

Quando si decide di prendere un cane è importante scegliere la razza che più fa per noi. Le razze sono tantissimi ed una di esse, scelta su cui molti si orientano, è lo Shetland Collie. Questo cane è diffidente con gli estranei ma molto dolce con...
Cura dell'Animale

Come sostenere gli animali abbandonati

In questa guida andrete a vedere come sostenere gli animali abbandonati. Ultimamente, infatti, è sempre più frequente questo argomento. Li animali non si devono abbandonare o in loro si instaurerà un comportamento insolito. Si tratta di trauma post-abbandono....
Altri Mammiferi

Tutto sul puma

Il puma, chiamata anche coguaro o leone di montagna, è un mammifero fortemente territoriale e solitario. Pochi animali sono inclini ad errori di identificazione come il puma, che in effetti viene avvistato da pochissimi fortunati. Ha una lunghezza che...
Rettili e Anfibi

Rettili: 10 curiosità che forse non sapevi

I rettili sono tra gli animali più belli e misteriosi che esistano. Il loro fascino si protrae da molti secoli ed ha sempre interessato studiosi, ricercatori e appassionati comuni. Questi animali hanno anche molte caratteristiche sconosciute ai più....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.