Le specie ittiche del Mediterraneo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il Mar Mediterraneo si contraddistingue come uno dei mari più pescosi del mondo. Sono infatti numerose le specie ittiche che lo abitano. Proprio ai fini di preservare la vita delle varie specie ittiche presenti in questo mare, risultano molto rigide le politiche di pesca che, nel Mediterraneo, seguono regole stabilite ben precise, con multe salatissime per i trasgressori. In questa guida vogliamo elencarvi quali sono le più famose specie ittiche del Mediterraneo.

26

Astice

L'astice, data anche la sua elevata costosità in cucina, è senza dubbio considerato il re del Mediterraneo. Ne esistono di varie tipologie e sono tra gli abitanti più comuni delle zone mediterranee. L'astice è un crostaceo di dimensioni grandi o medie, con un corpo allungato e le caratteristiche antenne a definirne i movimenti. Questa specie ittica può arrivare a pesare anche 6 kg e si contraddistingue per la rapidità improvvisa dei movimenti che esercita sul fondale marino o in prossimità della scogliera. Meno pregiata dell'aragosta, presenta tuttavia con questa delle evidenti similitudini da un punto di vista morfologico.

36

Calamaro

Il calamaro è il caratteristico mollusco del Mediterraneo. Con il suo corpo allungato e la bocca dalla quale si dipartono alcune lunghe braccia, il calamaro ha di solito colore rosso scuro oppure rosato. Questo crostaceo ha una lunghezza massima di 40 cm e gli esemplari maschi vivono più a lungo delle femmine.

Continua la lettura
46

Cefalo

Il cefalo è uno dei più comuni pesci che abitano il Mediterraneo. La sua caratteristica principale consiste nel fatto che il corpo è interamente ricoperto di squame. Il cefalo ha una bocca molto piccola e alcuni denti non troppo sviluppati. La sua colorazione varia dal grigio al bianco sporco. Il cefalo staziona prevalentemente nelle zone portuali del Mediterraneo ed è un pesce che ama cibarsi un po' di tutto.

56

Cernia

Prelibata se cucinata al forno, la cernia è un pesce dalle grandi dimensioni, con una bocca molto ampia. La sua principale caratteristica consiste nella presenza, sul dorso, di alcuni aculei molto robusti che assomigliano quasi ad una sorta di "criniera". Come detto, la cernia è una specie che può raggiungere anche dimensioni importanti (1,5 metri) e un peso assai considerevole. È un animale molto longevo: ci sono esemplari che possono vivere anche fino a 50 anni.

66

Orata

Il corpo ovale dell'orata è la caratteristica principale di questo conosciutissimo pesce. La testa ha una forma triangolare con pinne corte e corpo robusto. L'orata ha solitamente una colorazione sul grigio, con una simpatica doratura che può essere presente lungo tutto il corpo. Una striscia di color oro è inoltre presente all'altezza degli occhi. Ed è proprio questa striscia colorata che dà il nome al pesce.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Le principali minacce per i pesci marini

L'ecosistema marino negli ultimi decenni soffre di vari problemi, si sa. Purtroppo alla base ci sono fattori negativi che vedono come responsabile l'uomo. La situazione, allo stato attuale, mostra un'evoluzione che non promette miglioramenti, anzi. Le...
Pesci

Guida ai principali pesci del Mediterraneo

I fondali marini vengono popolati da diverse specie di pesci. Pur differenti in dimensioni, colore e caratteristiche, convivono insieme in un perfetto equilibrio naturale. Questo mondo sconfinato affascina grandi e piccini. Non bisogna andare troppo lontano...
Pesci

I principali pesci del mar Adriatico

I mari che bagnano l'Italia sono molto pescosi, e tra questi troviamo l'Adriatico che alla pari del Mediterraneo centrale e meridionale, vanta anch'esso una vasta varietà di pesci che sono molto prolifici, tra i più pescati e cucinati. In riferimento...
Pesci

Come allevare una coppia di scalari

Con le loro pinne ventrali filamentose e l'alternanza di bande nere sul corpo argenteo, gli scalari sono una delle specie ittiche d'acqua dolcevita più diffuse negli acquari di tutto il mondo. In questa guida vedremo, nello specifico come allevare una...
Pesci

Come Riconoscere Il Barbus Plebejus

Il Barbus Plebejus o Barbo italico, è un pesce d'acqua dolce appartenente all'ordine Cyprioniformes. Diffuso nell'Italia settentrionale, è possibile trovarlo in quasi tutti i fiumi e torrenti, raramente nei laghi: predilige infatti le acque correnti...
Pesci

Come scegliere i pesci per un acquario marino

Quando allestiamo un acquario marino, possiamo scegliere tra quello tropicale e mediterraneo. Entrambi offrono la possibilità di allevare ed ammirare alcuni tra i più belli e colorati pesci del mondo. Tenendo conto dei costi di importazione di quelli...
Pesci

I 5 pesci più strani in assoluto

Il mare è forse l'ecosistema che racchiude in sé le specie animali più strane in assoluto. Forse le grandi profondità sono i luoghi che nascondono il maggiore numero di specie dagli aspetti inusuali e apparentemente paurosi. In realtà, le loro forme...
Pesci

I principali tipi di pesce azzurro

Chi di noi non ha mai mangiato un delizioso piatto in cui l'elemento predominante era il pesce azzurro? I pesci azzurri sono quei tipi di pesci che sono chiamati così perché hanno una colorazione particolare, tendente al blu e al verde e spesso anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.