Metodi per riconoscere un uovo fecondato

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se abbiamo un allevamento di animali ovipari come ad esempio galline o canarini, ed intendiamo sapere se un uovo è stato fecondato e quindi in grado di consentirci la riproduzione, ci sono alcuni metodi specifici per scoprirlo. A tale proposito ecco una lista, sui metodi per riconoscere un uovo fecondato.

26

La speratura

Questo metodo serve per vedere attraverso una luce, se l'uovo è fecondato oppure no. La speratura va eseguita in un ambiente con una certa penombra, utilizzando una luce bianca abbastanza intensa come un neon, oppure una lampada a Led sempre a luce bianca. Il rilievo va fatto comunque dopo almeno una settimana dalla presunta fecondazione, e in trasparenza se l’esito è positivo, per vedere l'embrione corredato da diversi capillari ed avvolto in una sorta di sacchetto.

36

Il peso

Un uovo se è stato fecondato risulta molto più pesante, per cui basta pesarlo prima e dopo, e constatare l'effettivo aumento, per capire che l'sito è andato a buon fine. Inoltre, è da tener presente che se utilizziamo un'incubatrice, il calore tenderà a far evaporare l'acqua in esso contenuto e ad alleggerirlo.

Continua la lettura
46

Le macchioline scure

Se nel corso della prova con la luce bianca non riusciamo ad individuare nessun capillare, possiamo riconoscere se l'uovo è stato fecondato, vedendo almeno la presenza di alcune macchioline scure. Infatti, se ciò accade, significa solo che c'è un ritardo nello sviluppo dell'embrione, per cui nei giorni successivi, si potranno notare sostanziali aumenti di macchie o i suddetti capillari rossicci, e di conseguenza un aumento di peso.

56

La cova

Se nello specifico si tratta di un uovo di gallina, un metodo molto semplice è di osservare la cova; infatti, se l'animale dopo che ha fatto l'uovo, tende a covarlo, ciò significa che è fecondato, ma tuttavia, possono trascorrere anche una ventina di giorni per sapere poi se effettivamente nasca il pulcino. Questo metodo è ideale per evitare di toccare l'uovo con le mani, specie se non abbiamo un'incubatrice, il che significa che dopo sarà difficile che la gallina ritorni di nuovo a fecondarlo.

66

Il fascio di luce

Se l'uovo fecondato appartiene ad un canarino, e non potendo controllare l'interno a causa del guscio molto più spesso rispetto all'uovo di gallina, allora basta utilizzare una luce laser. Posizionandola in direzione del guscio, se l'attraverserà, significa che non è stato fecondato, viceversa se la luce rimane sulla superficie interessata, allora si può dire con assoluta certezza che all'interno vi è l'embrione regolarmente fecondato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come covare un uovo di canarino

La riproduzione è uno dei momenti che tutti gli allevatori attendono con molta impazienza.Essa comincia con la scelta della coppia, la costruzione del nido, la deposizione delle uova, la cova e lo svezzamento dei pulli fino all'involo. Andremo ora a...
Rettili e Anfibi

Come mettere in incubazione le uova di tartaruga

Le femmine di tartaruga dopo quattro o cinque settimane dall'accoppiamento, depositano le uova. La mamma prepara una buca in cui le nasconderà e provvederà a ricoprirle: questa pratica viene fatta con una tale oculatezza e precisione, che è difficile...
Volatili

Come far schiudere le uova

Alcuni animali sono ovipari e perciò espellono uova anziché dare alla luce dei cuccioli. Gli uccelli, ad esempio, non hanno la gestazione dei mammiferi, che invece partoriscono i piccoli. Camminando per i boschi, in campagna o semplicemente all'aria...
Volatili

Come allevare un fagiano

Il fagiano appartiene alla famiglia delle Phasianidae. Molto diffuso sul territorio nazionale è in realtà originario dell'Asia. Esistono tante specie, ciascuna con caratteristiche diverse. In generale, però, il fagiano si presenta con un corpo slanciato,...
Volatili

Le migliori razze di galline ovaiole

Le galline ovaiole portano questo nome grazie allo loro capacità di deporre un gran numero di uova rispetto ad altre razze di galline. Di fatti in media sono in grado di produrre 300 uova nell'arco di un anno, ovviamente in periodi di fertilità. Di...
Volatili

Come preparare un nido per galline

Le galline sono definite “animali da cortile”, perché non hanno bisogno di un particolare habitat per sopravvivere. Ma possono essere allevate, appunto, anche in uno spazio antistante alla propria abitazione. Molti allevano le galline per molteplici...
Rettili e Anfibi

Incubazione e schiusa delle uova di tartaruga terrestre

La tartaruga terrestre è senza dubbio un animale maestoso e bellissimo: essa rappresenta una delle specie di animali più affascinanti che esista al mondo e, fortunatamente, non è in via di estinzione. Infatti, grazie all'allevamento ed alla loro crescita...
Cura dell'Animale

Come preparare un pollaio

Al giorno d'oggi, la voglia di tornare a vivere a contatto con la natura e godere di ciò che questa offre è diventata forte. A chi si dedica al giardinaggio e alla coltivazione di ortaggi vari si affianca chi, amando gli animali, desidera dedicarsi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.