Patologie oculari nei cani: cosa fare

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Molte persone possiedono a casa propria un amico a quattro zampe e, potrebbe capitare che gli occhi del cane necessitino di cura, quindi bisogna fare molta attenzione ed essere in grado di capire se il proprio animale sta bene ancor prima di chiamare un veterinario. Quindi, cerchiamo di capire come riconoscere le principali patologie oculari dei cani e cosa fare per aiutarlo.

25

Solitamente gli occhi di un cane sano dovrebbero essere luminosi, lucenti e puliti da secrezioni inconsuete ed infiammazioni. Dunque, prestate molta attenzione a questi sintomi, poiché potrebbero essere un chiaro segnale che l'animale non sta bene: il rossore e/o irritazione negli occhi o nell'interno della palpebra, piccoli corpi presenti sulla superficie o negli angoli degli occhi, la superficie dell’occhio non lucida, il cane lacrima troppo e il pelo intorno agli occhi umido a causa delle lacrime.

35

Le patologie oculari che possono colpire il cane, sono:
- La Congiuntivite, la quale causa è un'infiammazione o un'allergia, i sintomi sono una scarsa lacrimazione e irritazione eccessiva.- La cheratite, sarebbe un'infiammazione della cornea, i sintomi sono un ingrossamento dei vasi sanguigni.- L’ulcerazione della cornea, viene causata da un corpo estraneo presente nell'occhio che ha graffiato la superficie di esso. Può portare il cane allo strabismo. - L’epifora, causa una lacrimazione eccessiva e incontrollata da parte del cane.- La cataratta, annebbia la lente dell'occhio e può addirittura rendere cieco il cane.- Il glaucoma, causa l'aumento della pressione interna dell'occhio.

Continua la lettura
45

Dopo aver riscontrato una delle patologie scritte nel passo precedente, la cosa migliore da fare sarebbe portare il cane dal veterinario, in modo tale che esso possa visitarlo, diagnosticare la patologia oculare nel cane e prescrivere la cura. Ma a casa ci si può comunque mobilitare per aiutare il cane:
- Salvaguardare il cane in modo tale che non sfreghi l'occhio in modo tale da scongiurare danneggiamenti più gravi. Nel caso vi venga fornito un collare elisabettiano, assicuratevi che il cane lo porti sempre.
- Tenete sempre sotto controllo con concentrazione l'occhio del cane. I segni visibili che stanno ad indicare un peggioramento delle condizioni dell’animale causano un arrossamento maggiormente visibile, un incremento o modificazione della secrezione oculare, dolore o cecità. La perdita della vista monoculare potrebbe non essere visibile ed individuabile, perché tuttavia l’animale si potrebbe comportare comunque normalmente quando ad essere coinvolto è solo un occhio.
Fonte.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Controllate molto spesso gli occhi del vostro cane

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come prendersi cura di un cane con la lesmaniosi

Con il periodo estivo e le imminenti vacanze al mare, anche dei nostri quadrupedi, si ripresenta puntuale il terrore della Leishmaniosi. La Leishmaniosi è una grave malattia infettiva che può colpire i cani e marginalmente l’uomo. Purtroppo è presente...
Cura dell'Animale

Come capire se il criceto sta male

Sono molte le persone che si avvalgono della compagnia di un piccolo animale domestico; tra queste, una quota rilevante è composta da chi ha in casa propria un criceto, animale da compagnia per antonomasia, molto simpatico, di cui in particolare la razza...
Cani

Come curare un alano

L'alano, detto anche danese o mastino tedesco (Deutsche Dogge), è uno dei cani molossoidi più grandi dal punto di vista fisico. Le sue dimensioni, infatti, superano gli ottanta centimetri di altezza nel maschio, ed i settantadue nella femmina. Nonostante...
Cani

Come fare se il cane ha il naso infiammato

Il cane è un animale domestico affidabile e di compagnia, la gioia per ogni famiglia. Come tutti gli amici pelosi però, questo può soffrire di differenti problematiche legate alla salute. Una di queste patologie è la rinite, che consiste in un'infiammazione...
Animali da Compagnia

Le più comuni patologie del furetto

Il furetto è un piccolo animale grazioso e simpatico che rappresenta una originale ed allegra alternativa per chi desidera prendersi cura di un piccolo animale domestico ma non vuole adottare un gatto, un cane o un pesce rosso. Il furetto, però, è...
Altri Mammiferi

Come pulire gli occhi ad un cavallo

Gli occhi sono parti molto sensibili, per l'uomo, il cane, come per il cavallo. Pulire queste zone richiede estrema attenzione e delicatezza. Non vanno trascurate le palpebre né l'angolo oculare. Solitamente, questa operazione si associa alla pulizia...
Cura dell'Animale

Come riconoscere se il tuo coniglio nano sta bene

Il coniglio nano è ormai diventato a tutti gli effetti un animale domestico, ma pochi sanno che questo piccolo leporide è molto più delicato di un cane o un gatto. Se deciderete di adottarne uno, sarà bene considerare che necessiterà di molte cure...
Animali da Compagnia

Le più comuni patologie del gatto

I felini sono dei meravigliosi animali dotati di grande agilità, eleganza, furbizia, ecc. Un gatto giovane e sano è molto curioso, sempre in movimento soprattutto di notte, con un buon appettito e ritmi regolari in generale. Tuttavia anche gli animali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.