Pelo del cane: come rinforzarlo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Un pelo rado, sfibrato, debole e spento, condiziona la bellezza della pelliccia di un cane, ma soprattutto è sintomo di problemi si salute dell'amico a quattro zampe.
Ricordiamoci che il pelo è lo specchio della salute degli animali, ed in particolare dei cani; quindi richiede cure sia esterne che interne come un'alimentazione sana e bilanciata.
Non dimentichiamo che anche gli agenti atmosferici influenzano la sua bellezza, come ad esempio il caldo eccessivo.
Se nella premessa, hai riscontrato frasi riconducibili al tuo animale domestico, ecco una guida dedicata al pelo del cane e a come rinforzarlo.

24

È importante ricordare che alcune razze di cani, rispetto ad altre, hanno, di per se, un pelo più sottile e delicato che richiede particolari accorgimenti, ma mettendo in atto qualche piccola e semplice regola, si può evitare che il pelo si diradi copiosamente.
Le soluzioni sono molteplici, e spaziano da una buona toelettatura, fatta di lavaggi e tosature cicliche; a l'ausilio d'integratori dosati nel modo corretto (solo se suggeriti dal veterinario), oppure prodotti specifici da stendere sul dorso del cane, per la salute del pelo.

34

Ma partendo dalla cura dell'alimentazione, uno degli accorgimenti più semplici da mettere in atto è; l'aggiunta di un cucchiaino di olio di semi da aggiungere al pasto ogni due o tre giorni.
In sostituzione all'olio di semi, si può usare un panetto di lievito di birra, da dosare allo stesso modo dell'olio per ottenere un pelo sano e lucido. È importante non eccedere con le dosi se non si vuole nuocere alla salute dell'animale.
Come già accennato, non bisogna sottovalutare l'alimentazione, quindi, chiedete sempre consigli al vostro veterinario di fiducia, affinché vi indichi il miglio mix tra umido e secco; ed eventuali cibi da evitare.
Nel web si possono trovare, anche, ottime soluzioni per preparare pranzetti con le vostre mani. Questo è un modo per accertarsi che il vostro animale non ingerisca schifezze chimiche.

Continua la lettura
44

I rimedi "esterni" sono utili soprattutto alla lucidatura.
Si può decide di frizionare sul pelo una soluzione di olio ed acqua. Tra gli oli che fanno al caso vostro, trovate, il comune aceto di mele o il tea tree oil. Questi oli, oltre a profumare e lucidare il pelo, lo disinfetteranno e creeranno una barriera di difesa contro batteri, parassiti e insetti.
Si può decidere anche di produrre un altra emulsione fatta con l’acqua di infusione di eucalipto, salvia, rosmarino o timo.
In ultimo, ricordatevi sempre di spazzolare quotidianamente il pelo, per eliminare il pelo morto, ed osservate sempre la cute durante l'atto, oltre che i residui sulla spazzola, per essere certi di individuare per tempo eventuali problemi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

5 motivi per portare il coniglio dal veterinario

Forse non tutti lo sanno, ma il coniglio è l'animale domestico più diffuso, dopo il cane e il gatto. E non c'è motivo di farsene meraviglia perché il coniglio è un animale affettuoso ed intelligente, con una grande capacità di integrazione nelle...
Gatti

Come iscrivere il proprio gatto all'anagrafe felina

Essere i padroni di animali da compagnia comporta diverse responsabilità. Adottare un amico a 4 zampe è un serio impegno da non sottovalutare. L'amore e l'affetto per questi compagni non è sufficiente per garantire il loro benessere. Sarà nostro dovere...
Cura dell'Animale

5 motivi per portare il criceto dal veterinario

Se abbiamo appena deciso di allevare un criceto, è importante sapere che si tratta di un animaletto molto cagionevole di salute, per cui è necessario periodicamente curarlo e soprattutto affidarsi ad un veterinario. Nello specifico ci sono almeno 5...
Cura dell'Animale

Come portare una tartaruga dal veterinario

La tartaruga è un animale sempre più comune nelle case delle persone, dato che non è molto costoso, non sporca ed è molto simpatico. Anche essendo molto forte di costituzione, trasportare questo animale per portarlo dal veterinario potrebbe portargli...
Cani

Come migliorare il comportamento del cane durante la visita dal veterinario

Avere un cane in casa non significa soltanto coccolarlo, giocarci e dargli da mangiare. Fin da cucciolo, il cane ha bisogno di cure mediche, in particolar modo delle vaccinazioni, per poter crescere sano. Purtroppo, però, nonostante tutto, nel corso...
Cani

Come riconoscere una frattura nel cane e come si cura

Un cane vivace amante delle corse e delle scorribande può incorrere in piccoli infortuni o fratture. Questo può capitare anche ad animali anziani, con passo tremolante oppure risultare il frutto di circostanze sfortunate. La frattura riguarda l’interruzione...
Volatili

Le malattie più comuni dei pappagallini

Tra gli animali domestici, i pappagallini sono molto gettonati: sono di compagnia ed è abbastanza semplice gestirli. Tuttavia, come tutti gli uccelli, sono animali delicati: anche loro possono presentare delle malattie che, se non curate in tempo, possono...
Cani

Come curare un blocco intestinale nei cani

Ecco una guida, molto pratica ed utile, per tutti coloro, tra i nostri lettori e lettrici, che gli animali, ed in particolare i cani. Grazie a questo articolo, cercheremo di aiutarli a tenere sempre sotto controllo la salute del proprio cane, in maniera...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.