Principali malattie delle tartarughe acquatiche

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Le tartarughe acquatiche si distinguono per la loro longevità e robustezza. In cattività, non vale lo stesso, infatti l'85% delle malattie è causato da un'alterazione dell'habitat naturale o da una cattiva alimentazione. È importante, per la prevenzione di molte patologie, mantenere l'acqua sempre pulita e ad una temperatura adeguata che può variare dai 27 ai 29 gradi, in modo tale da permettere al sistema immunitario di reagire ad eventuali attacchi da parte di virus, batteri o funghi. Ma ora vediamo quali sono le principali malattie delle tartarughe acquatiche.

24

Una corretta alimentazione è fondamentale per la salute e la crescita della tartaruga. Quando l'elemento fresco e crudo viene a mancare e si sostituisce con cibo essiccato, la testuggine potrebbe essere soggetta a carenze di Vitamina A. Il primo segnale evidente viene dato da una tumefazione anomala degli occhi. In questo caso, è bene consultare immediatamente il veterinario di fiducia, il quale potrà consigliare la cura di antibiotici adeguata. In caso contrario, l'animale rischia un aggravamento con possibilità di infiammazione delle vie respiratorie, lesioni agli organi interni, otite e perfino la morte. Per prevenire tutto ciò, aggiungere un osso di seppia all'acqua, oppure alimentare la tartaruga con del pescato fresco, o sciogliere in acqua degli integratori prescritti dal veterinario una volta a settimana.

34

La pulizia dell'acqua ed un corretto filtraggio e riciclo della stessa, sono elementi fondamentali per riprodurre l'habitat naturale della tartaruga. Quando queste semplici regole non vengono rispettate si va incontro all' "infezione batterica oculare". I sintomi sono: occhi gonfi e solitamente chiusi con possibile perdita di pus. In casi gravi, possono comparire anche ascessi alle orecchie, curabili solo con intervento. Anche in questo caso è necessario consultare lo specialista per la prescrizione di farmaci applicabili direttamente sugli occhi. La soluzione, sarebbe migliorare il metodo di filtraggio o cambiare l'acqua più spesso.

Continua la lettura
44

Tra le malattie della corazza, emerge il rammollimento del carapace. Questo solitamente avviene perché il rettile non ha la possibilità di una zona asciutta sulla quale riposare e cogliere i raggi solari. In stato avanzato, la parte colpita può emettere cattivo odore. È necessario, quindi, provvedere con un sasso o una superficie rialzata. Anche in questo caso va consultato il veterinario per la prescrizione di una crema antibatterica da spalmare localmente. In caso di abrasioni del piastrone (la parte inferiore della testuggine), la causa potrebbe essere un oggetto ornamentale ruvido che ferisce l'animale con continui sfregamenti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

5 modi per proteggere le tartarughe dal caldo

Le tartarughe, essendo rettili, sono creature eteroterme, il che significa che la loro temperatura corporea è la stessa dell'ambiente in cui vivono. Esse non sono, a differenza dei mammiferi, dotate di strutture che permettono di regolare il calore del...
Rettili e Anfibi

5 alimenti da non dare alla tartaruga d'acqua

Chi possiede una tartaruga d'acqua sicuramente saprà abbastanza bene quali sono gli alimenti adatti. Per farle crescere in forma e in ottima salute dobbiamo stare ben attenti a cosa somministriamo alle nostre piccole amiche. In questa guida vediamo quindi...
Cura dell'Animale

Come comportarsi durante il letargo delle tartarughe

Le tartarughe, seguendo l'esempio di altri animali che vivono in ambienti temperati, durante la stagione invernale devono ritirarsi in letargo per non rischiare di avere, successivamente, problemi legati al metabolismo. Con l'arrivo della primavera riprenderanno...
Rettili e Anfibi

Come distinguere il sesso delle tartarughe

Le tartarughe sono animali appartenenti alla specie dei rettili e come tutti gli animali a sangue freddo, trascorrono le prime ore del giorno ad immagazzinare calore per poter riscaldare il proprio corpo ed attivare il proprio metabolismo. Strano a dirsi,...
Rettili e Anfibi

Come nutrire una piccola tartaruga

Certamente non potete aspettarvi che le piccol diventate poi adulte vi portino il giornale o facciano la fusa, ma sono animali che riconoscono chi si prende cura di loro e le nutre, le acquatiche poi sono dei veri "motoscafo" quando lo individuano anche...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
Rettili e Anfibi

Tartarughe: classificazione e anatomia

Le tartarughe, questi rettili così diffusi in tutto il nostro pianeta, hanno una storia davvero antica. Si considera che la loro presenza risalga all'incirca a 220 milioni di anni fa, nel periodo del tardo Triassico. Le tartarughe riuscirono a sopravvivere,...
Rettili e Anfibi

Tutto sulle tartarughe d'acqua

Allevare un animale non è un'operazione facile o banale. Questo perché quando si decide di allevare un animale bisogna conoscere le sue abitudini, lo stile di vita e l'habitat adatto. Questi sono tutti fattori fondamentali per permettere all'animale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.