Pulire il vetro dell'acquario

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'acquario è un ecosistema molto delicato, e richiede passione e manutenzione. Fra gli inconvenienti più diffusi ci sono la proliferazione di alghe e calcare che si attaccano sui vetri, oscurandone la visuale e creando problemi di salute ai pesci. Nella seguente guida, passo dopo passo, forniremo alcuni consigli su come pulire correttamente il vetro dell'acquario.

27

Occorrente

  • Calamita per acquario
  • Paletta con lame intercambiabili
  • Spugna abrasiva
  • Acido citrico
  • Concime per piante acquatiche
  • Demineralizzatore
37

Quando le alghe sono eccessive è necessario rimuoverle, ma bisogna anche capire a fondo perché ciò avviene. Le alghe spesso si formano per troppa luce e scarsa igiene, e quando sono troppe, si attaccano sui vetri rendendoli melmosi ed oscurandoli. In commercio esistono degli attrezzi specifici, come ad esempio una doppia calamita. Posizionando le due parti l'una contro l'altra sul vetro interno ed esterno, si spostano con facilità, staccando quindi le alghe e liberandole nell'acqua che andrà poi sostituita parzialmente, per eliminarle del tutto.

47


In alternativa è possibile utilizzare una paletta con la lama intercambiabile in plastica o in metallo. Con il suo lungo braccio, ci consente di raggiungere senza troppa fatica il fondo e i punti più lontani all'interno della vasca e agisce scrostando le alghe senza graffiare il vetro. Qualora le alghe siano particolarmente resistenti, basterà montare la lama in metallo che renderà l'acquario limpido, oltre ad essere efficace anche per la pulizia del calcare che si forma soprattutto in alto, dove il livello dell'acqua tende a scendere per la naturale evaporazione. In questo caso, l'operazione richiede un po' di forza in più, e se il calcare è piuttosto ostile a scomparire, allora conviene svuotare la vasca e procedere con un lavaggio a base di acido citrico.

Continua la lettura
57


Un altro ottimo rimedio per pulire il vetro dell'acquario è l'uso di una spugna abrasiva, leggermente imbevuta di concime per piante acquatiche; infatti la clorofilla agisce come un detergente e i residui, cadendo sul fondo, non creano problemi al sistema, anzi aiutano a purificarlo.
Per la pulizia del vetro esterno dell'acquario, è possibile invece utilizzare un detergente, prestando però molta attenzione a non spruzzare il prodotto in acqua, poiché è molto tossico e potrebbe causare la morte dei pesci. Per evitare quindi di intervenire frequentemente per pulire il vetro dell'acquario, il consiglio è di cambiare più spesso il filtro ed eventualmente acquistare un demineralizzatore, in modo da avere la certezza di acqua assolutamente pura.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come eliminare le diatomee da un acquario marino

Se siamo degli amanti del mondo marino sicuramente ci piacerebbe poterlo riprodurre in casa nostra in piccolo, realizzando un bellissimo acquario con moltissimi tipi di pesci differenti. Tuttavia avere un acquario richiede molta cura ed attenzione per...
Pesci

Consigli per evitare la proliferazione delle alghe nell'acquario

Chi ha la passione per i reef e per gli acquari di acqua dolce sa che il pericolo maggiore per la salute dei propri pesci è quello di non riuscire ad evitare la proliferazione delle alghe. Le alghe sono degli organismi privi di fusto, foglie e radici...
Pesci

Come evitare la proliferazione delle alghe nell'acquario

Le alghe sono piante primitive che, attraverso la fotosintesi, uniscono l'acqua e l'anidride carbonica per formare gli zuccheri per la crescita. Le alghe producono ossigeno, un utile sottoprodotto, ma quando la luce solare non è disponibile durante la...
Pesci

Alga reale: i benefici per l'acquario

Le alghe sono organismi che nascono in ambienti acquatici, dove si nutrono di sostanze disciolte in acqua, riproducendosi velocemente ma mantenendo al contempo l'acqua pulita dalle scorie organiche. Le alghe sono delle specie infestanti, perché tendono...
Pesci

Le 5 piante d’acquario dolce più facili

Per la realizzazione di un acquario dolce le piante sono essenziali, sia come elemento decorativo che per le loro funzioni: purificano l’acqua da elementi nocivi e offrono ai pesci spazi nascosti e protetti. Ma come si fa a far crescere una pianta sott’acqua??...
Pesci

5 regole per il cambio dell'acqua in acquario

Avere un acquario in casa è un qualcosa che può regalare molte soddisfazioni. Se siete appassionati di pesci e di acquariofilia, saprete certamente quant'è piacevole osservare i pesci nuotare comodamente seduti sul divano di casa. Saprete anche come...
Pesci

Guida alla manutenzione dell'acquario

Se decidete di avere in casa uno splendido acquario con tantissimi pesci colorati di razze differenti, è importantissimo prendersene cura, e fare in modo che l'acquario possa effettuare sempre un lavoro efficiente e funzionale con un aspetto curato....
Pesci

Come gestire al meglio il vostro acquario

Se in casa avete un acquario di tipo marino o tropicale, ed intendete curarlo seguendo delle specifiche linee guida in modo da non incorrere in problemi sia dal punto di vista strutturale che da quello riguardante la salute di pesci e piante, ecco allora...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.