Tutto sul coccodrillo cubano

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il coccodrillo cubano è una specie in via di estinzione per via dell'uomo che lo ha cacciato fino a ridurne la popolazione. Possiamo trovarlo solo su territorio cubano e nella palude di Zapata e nell'isola della Gioventù ma un tempo era presente anche ai Caraibi, alle Bahamas e alle isole Cayman. Vive nelle acque dolci interne ma è in grado di tollerare anche acque salmastre nelle vicinanze delle coste. Viene considerato come la specie di coccodrillo più terrestre, è più veloce sulla terraferma che nel mare.

24

Aspetto fisico del coccodrillo cubano

È un tipo di coccodrillo medio piccolo, ha una lunghezza di 2,10-2,30 metri e un peso intorno i 70 e gli 80 kg. Gli esemplari maschi sono più grandi e possono raggiungere anche i 3,5 metri di lunghezza e un peso oltre i 130 kg. Hanno la testa corta e larga con caratteristiche protuberanze ossee tra gli occhi, squame dure e arrotondate, forti e lunghe zampe per avere una buona velocità anche fuori dall'acqua.
Il corpo ha grosse placche ossee arrotondate che prendono una strana colorazione scura con macchie giallastre. Il ventre è di un giallo pallido. La bocca presenta un totale di 66-68 enormi denti grazie alla quale riescono a frantumare i gusci delle tartarughe.
La coda è estremamente lunga e possente e gli dà la capacità di una grossa accelerazione in acqua per poter cacciare.

34

Alimentazione

Per quanto riguarda l'alimentazione il coccodrillo cubano si nutre di soli pesci, tartarughe e piccoli mammiferi. Può anche utilizzare la coda per darsi una spinta e balzare subito fuori dall'acqua per un'altezza di circa 3 metri per catturare la preda. Tra di loro sono aggressivi perché la cooperazione avviene solo durante la caccia e quindi viene individuata lì la figura dominante che viene scelta a seconda del sesso, delle dimensioni e del temperamento.

Continua la lettura
44

Riproduzione

La stagione della riproduzione inizia di solito a maggio e dura per 3 o 4 mesi. In media vengono deposte dalle 30 o 40 uova dalla femmina. La grossa quantità di uova è data dal fatto che la maggior parte dei piccoli non riuscirà a raggiungere l'età adulta, e questo perché c'è una elevata predazione da parte di uccelli, mammiferi o altri rettili. Le uova si schiudono dopo un periodo di circa 60/70 giorni e il sesso dei piccoli dipenderà dalle temperature a cui sono state sottoposte le uova. Nasceranno maschi solo se la temperatura interna dell'uovo sia stata tra i 30 e i 32 gradi, a diverse temperature nasceranno femmine. La loro durata di vita è di circa 13 anni, invece per i coccodrilli che sono stati cresciuti in cattività si può prolungare fino ai 18 anni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Alligatore, coccodrillo e caimano: caratteristiche e differenze

I coccodrilli si dividono in Crocodilidi (a cui appartengono i coccodrilli), Alligatoridi (cui fanno parte alligatori e caimani) e Gavialidi. Ci sono 27 specie diverse: 14 specie di coccodrillo, 7 specie di alligatore, 5 specie di caimano e una sola di...
Altri Mammiferi

I 10 animali più pericolosi del mondo

Delle specie solitamente ritenute tranquille, apparentemente amichevoli, in realtà possono essere letali, qualora fossero provocati dall'uomo. Tra cui 10 animali che non ti aspetteresti mai di trovare in questa guida, più pericolosi del mondo. Come,...
Altri Mammiferi

Gli animali più pericolosi d’Australia

L'Australia è un Paese meraviglioso che, grazie alla sua estensione, offre ai visitatori paesaggi affascinanti nella loro diversità. Oltretutto, la densità di popolazione molto bassa ha lasciato una gran parte del territorio intatta. Ad ogni modo,...
Rettili e Anfibi

I rettili più pericolosi al mondo

Studiare gli animali è un qualcosa di molto bello e di molto divertente. Tra i vari animali, ce ne sono alcuni molto belli ed affascinanti che spesso vengono sottovalutati, ad esempio i rettili. Molti dei rettili che ci sono in natura sono estremamente...
Rettili e Anfibi

Come tenere un pitone in casa

Come si sa: "de gustibus...". E in virtù di questo principio, ciascuno rivolge le proprie attenzioni verso tutto ciò che gli piace di più. Accade la stessa cosa nell'ambito della scelta di un animale da tenere in casa. Ultimamente si assiste ad un...
Rettili e Anfibi

Come distinguere il sesso delle tartarughe

Le tartarughe sono animali appartenenti alla specie dei rettili e come tutti gli animali a sangue freddo, trascorrono le prime ore del giorno ad immagazzinare calore per poter riscaldare il proprio corpo ed attivare il proprio metabolismo. Strano a dirsi,...
Rettili e Anfibi

Tartarughe: classificazione e anatomia

Le tartarughe, questi rettili così diffusi in tutto il nostro pianeta, hanno una storia davvero antica. Si considera che la loro presenza risalga all'incirca a 220 milioni di anni fa, nel periodo del tardo Triassico. Le tartarughe riuscirono a sopravvivere,...
Altri Mammiferi

Come riconoscere un armadillo

Oggi in questa guida cercheremo di capire velocemente come riconoscere un armadillo. Questo animale, molto particolare, in quanto corazzato, appartiene alla famiglia dei mammiferi e per tale si presenta al mondo come vertebrato (classe d'animale cosmopolita...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.