Tutto sull'alce

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'alce è un mammifero delle zone polari che appartiene alla famiglia dei cervidi. È un ruminante di grandi dimensioni, secondo solo al bisonte e all'orso. È diffuso soprattutto in Alaska, Nord America, Norvegia, Russia e Siberia, ma si trova anche più a Est, in Mongolia e Manciuria. L'alce è stato salvato da un'estinzione quasi certa grazie alla creazione di aree protette dove può liberamente pascolare. Questo animale spesso viene confuso con la renna; in realtà ha caratteristiche ed abitudini differenti. Leggendo questo tutorial si può saper tutto sull'alce.

24

Notizie generali

L'alce è un animale abbastanza grande e dall'aspetto goffo per il suo muso particolarmente lungo e carnoso. La presenza di un lembo di pelle detto "campana", che pende dal collo dell'animale, permette di distinguere il maschio dalla femmina. Il manto è grigiastro durante i mesi invernali, invece assume una colorazione marrone tendente al nero in estate. L'altezza media si aggira intorno ai due metri; il peso varia fra i 400 chili per le femmine e supera i 550 per i maschi. L'alce è munito di grossi zoccoli che vengono utilizzati per raschiare il terreno in cerca di cibo durante l'inverno. Inoltre, essi gli conferiscono stabilità e aderenza su terreni fangosi e dissestati.

34

Alimentazione

durante l'estate essi ingurgitano fino a venti chili di piante e foglie. A causa della conformazione del collo, troppo corto, non possono pascolare per cui si cibano di piante acquatiche, foglie di salice e betulla. Per raggiungere le erbe più basse e per abbeverarsi sono costretti ad inginocchiarsi. In inverno la dieta è più povera; oltre a muschi e licheni che vengono racimolati sotto la coltre di neve essi leccano il sale che viene sparso sulle strade per sciogliere il ghiaccio. Con l'assunzione del sale prendono il sodio, elemento assai carente nella dieta in questo periodo. Questi animali si trovano a proprio agio nell'acqua; infatti, sono degli ottimi nuotatori.

Continua la lettura
44

Accoppiamento

I maschi sono timidi e mansueti, tranne durante la stagione degli accoppiamenti (fra settembre e ottobre). In questo periodo si scontrano a "colpi di palchi" per avere l'attenzione delle femmine e procedere con la procreazione. Le femmine assumono un atteggiamento più aggressivo nel momento in cui devono proteggere la prole. Ogni femmina mette al mondo uno, massimo due cuccioli all'anno. I "piccoli" alla nascita hanno un peso che oscilla fra gli 11 e i 16 chili; essi raggiungono la maturità verso i cinque anni, ma restano con la madre fino al successivo accoppiamento. Gli esemplari di sesso femminile rappresentano un pericolo per l'uomo per cui è opportuno non farsi ingannare dal loro aspetto buffo e pacifico.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come distinguere una tartaruga femmina da una maschio

Questo tutorial semplice, utile ed interessante spiega in che modo è possibile distinguere un esemplare di tartaruga maschio da una femmina. A volte quando si compra una tartaruga si ha la curiosità di sapere se è un maschio oppure una femmina. Per...
Cani

Tutto sul Collie

L'acquisto di un cane è un impegno che può durare per tantissimi anni, quindi è necessario riflettere bene prima di scegliere. I meticci (gli incroci) sono cani affettuosi e intelligenti; però, il vantaggio di un cane di razza, è che non riserva...
Animali da Compagnia

Come riconoscere il sesso di un gerbillo

Se avete pensato e deciso di adottare un gerbillo, la scelta non è malvagia. Tali roditori piccoli, sono infatti delle creature che socializzano tanto con gli esseri umani, e che sono perciò degli animali domestici buoni che stanno con tutta la famiglia....
Altri Mammiferi

Come allevare i topi

i topi sono generalmente considerati dei roditori da cui stare molto lontani. Ma contrariamente a ciò che si sostiene, ci sono alcune persone che preferiscono allevarli proprio come se fossero dei criceti o di porcellini d'India. A tal proposito, i topi...
Animali da Compagnia

Come distinguere il sesso di un furetto

Il furetto è un animale domestico, frutto di una domesticazione risalente ad almeno due millenni fa. In generale i furetti maschi, sono più grandi e più muscolosi rispetto alle femmine; inoltre, presentano la testa più grande, mentre i furetti femmina...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere il sesso di un camaleonte

Il camaleonte è un rettile affascinante, ma sapere come allevarlo non è da tutti. Soprattutto per chi è alle prime armi, prendere in casa un camaleonte potrebbe rivelarsi molto più complicato del previsto: cibo, terrario correttamente ventilato e...
Cani

Tutto sul golden retriever

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri cari lettori e lettrici, che sono dei veri e propri amanti degli animali a capire tutto sul Golden Retriever. Iniziamo subito con il dire che il Golden Retriever è, insieme anche al caro e dolce labrador,...
Pesci

Le caratteristiche della manta

Nel mondo, esistono moltissime tipologie di animali differenti, che variano a secondo di quale paese o habitat si prende in considerazione. Viaggiando intorno al globo, infatti, è possibile incontrarne di bellissime e coloratissime, soprattutto se ci...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.