Tutto sulla farfalla cobra

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La Farfalla cobra è una grande falena appartenente alla famiglia delle Saturniidae, composta da più di 1800 specie. Questa farfalla, nota anche con il nome di Attacus atlas, è molto diffusa nelle foreste tropicali e subtropicali del Sud-Est asiatico, in particolar modo in Cina, India, Indonesia, Filippine e Thailandia. Lo studioso americano Patrick Malone ha sottolineato che la farfalla cobra è l'unica specie di insetto in grado di imitare con successo un rettile predatore come mezzo di difesa.

25

Le caratteristiche

Queste farfalle hanno ali di forma caratteristica, approssimativamente triangolare, e di colore marrone-ruggine. Presentano disegni geometrici di diverso tipo, rossi, bianchi e neri. Una linea rossiccia mediana dalle ali anteriori prosegue in quelle posteriori. I margini si caratterizzano per delle chiazze marroni con il bordo più chiaro. I modelli e le colorazioni variano tra le diverse sottospecie. Il maschio si distingue dalle femmine per le dimensioni più piccole, le ali più grandi e affusolate e le antenne più folte e pennate. Il loro corpo è coperto da un pelo di chitina, più comunemente chiamato seta, ed è abbastanza rigido da irritare la pelle e le mucose dei tessuti di alcuni animali predatori. La ​​loro lunghezza è sproporzionatamente breve rispetto alla struttura alare, ma il mesotorace e il metatorace forniscono le adeguate dimensioni interne necessarie per l'attacco, rispettivamente, dei muscoli di volo e di coordinamento.

35

L'adulto vive solo 5-10 giorni

Poiché questa falena non ha sviluppato né un apparato masticatore per cibarsi né una proboscide per succhiare il nettare, non può nutrirsi e dedica la sua vita interamente alla riproduzione. La sopravvivenza avviene grazie alle riserve di grasso accumulate durante lo stadio larvale. L'accoppiamento può richiedere molto tempo, a volte anche un giorno intero. La femmina, appena uscita dal bozzolo, non se ne allontana mai, ma attende l'arrivo del maschio, attirato dai potenti feromoni da essa rilasciati; i maschi li captano con l'aiuto di chemio-recettori situati sulle loro grandi antenne piumate. In questo modo possono essere attratti anche a diversi chilometri sottovento.

Continua la lettura
45

Questa specie è abbastanza facile da allevare

I bruchi prediligono ambienti caldi e umidi (60-80% di umidità). La temperatura consigliata è di almeno 20-22°. Se è inferiore ai 24° la crescita sarà più lenta. Possono essere tenuti in ampi contenitori ben aerati. Mangiano moltissimo, soprattutto negli ultimi stadi dello sviluppo larvale. Le piante di cui si nutrono non sono reperibili in Italia; pertanto, per la loro alimentazione, ricorrete alle foglie di ailanto, che, però, possono esser trovate solo in estate, e ligustro, una pianta sempreverde che rende possibile anche l'allevamento nei mesi invernali. Quindi, ricordate che, prima di iniziare ad allevare questa specie, dovete essere certi di avere enormi quantità di piante a disposizione.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Man mano che crescono, spostate i bruchi in contenitori via via più grandi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come nasce una farfalla

La farfalla è un insetto che appartiene all'ordine dei Lepidotteri. Il suo corpo è diviso in tre parti: testa, torace e addome. Ha quattro ali, sei zampe e due antenne posizionate proprio sul capo. È inoltre dotata di una piccola proboscide con la...
Altri Mammiferi

I 10 animali più velenosi al mondo

Faremo oggi insieme un viaggio virtuale in quello che è il meraviglioso mondo degli animali, creature fantastiche ed affascinanti che rendono più ricco e più bello il nostro pianeta. Ma per quanto essi possano essere intriganti, sono talmente numerosi...
Animali da Compagnia

Animali da compagnia esotici: come scegliere quello adatto

Purtroppo nel mondo il commercio illegale di animali esotici rende molto bene, forse non quanto armi e droga, ma si parla comunque di quantità esorbitanti di denaro in nero che viene fatto girare grazie allo sradicamento di specie endemiche dalla loro...
Volatili

Come riconoscere un'upupa

L'upupa è un meraviglioso uccello di medie dimensioni, che presenta il becco lungo e sottile, ma ciò che lo caratterizza per poterlo riconoscere è il piumaggio formato da un ciuffo di penne sul capo. Il nome di questo animale rappresenta un'onomatopea...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le farfalle

La farfalla è senza ombra di dubbio uno degli esseri viventi più affascinanti che popolano la Terra. La sempre maggiore urbanizzazione, però, rischia di distruggere il loro habitat naturale e, di conseguenza, di mettere a rischio la stessa sopravvivenza...
Invertebrati e Insetti

Come Allevare Un Bombyx Mori Per Ottenere Il Filo Da Seta

In questi tempi di crisi enorme, la produzione propria delle materie prime è importante per risparmiare molto: avendo le conoscenze giuste, il materiale necessario ed un'ottima pazienza, riuscirete ad ottenere degli incredibili successi. Una cosa che...
Invertebrati e Insetti

I principali insetti con 4 ali

L'ordine degli imenotteri comprende molte specie di insetti e tra questi la maggior parte presenta quattro ali sul dorso. La parola imenottero deriva infatti da Hymen, ossia membrana, quella che forma le ali stesse di questi insetti. I benefici di questa...
Altri Mammiferi

I 10 animali più belli del mondo

Stabilire una realistica lista che comprenda i 10 animali più belli del mondo è virtualmente impossibile semplicemente perché la bellezza è sempre soggettiva. Ma ci si può provare. Ogni anno vengono scoperte circa 10.000 nuovi animali fra nuove specie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.