5 alimenti da non dare alle anatre

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le anatre sono simpatici animali da tenere in un giardino o da andare ad osservare al parco e sono molto versatili in fatto di cibo. Sono ghiotte soprattutto di granaglie e verdura fresca, ma mangiano anche molto altro, motivo per cui risultano spesso molto utili per finire gli avanzi di cucina. Non tutti gli avanzi sono indicati però, vediamo 5 alimenti che non vanno assolutamente bene per la loro dieta, e cerchiamo anche di capire perché non è bene darglieli.

26

Pane ammuffito

Attenzione al pane ammuffito, spesso abbiamo l'abitudine di portare il pane con noi al parco o di dare il pane avanzato alle nostre anatre. Questa abitudine non è sbagliata purché non si esageri con le quantità, tuttavia è bene controllare che il pane non abbia la muffa. La muffa infatti può provocare nei volatili una malattia a livello polmonare, chiamata aspergillosi, che li porta spesso incontro a morte.

36

Cibi ad alto contenuto di sale o zucchero

Un alto contenuto di sodio negli alimenti può risultare dannoso per la salute di questi animali. Potrebbero infatti sviluppare una tossicosi da ioni sodio, che le potrebbe portare ad avere una forte diarrea e quindi a scompenso osmotico, non sempre mortale, ma comunque pericoloso. Anche cibi altamente zuccherini possono provocare danni all'animale, con un meccanismo simile a quello del sodio, il metabolismo dei volatili non è fatto infatti per gestire una grande quantità di glucosio.

Continua la lettura
46

Cioccolato

Per quanto possa piacere a noi, il cioccolato è tossico per una grande quantità di animali, tra cui le anatre. Esso contiene infatti una sostanza, la teobromina, che può dare problematiche anche molto serie. È bene ricordare che più alta è la percentuale di cacao all'interno della cioccolata e maggiore è il rischio a cui va incontro l'animale.

56

Latte

Che non vi venga mai in mente di dare latte o derivati alle anatre. Questi animali infatti, come tutti sanno, non sono mammiferi e non essendo tali non possiedono gli enzimi per digerire il lattosio. La mancanza di questi enzimi, se gli animali ingeriscono latte o derivati, provoca infatti un richiamo di acqua a livello intestinale che può dare diarree fortissime e disidratazione, portando anche a morte l'animale.

66

Alimenti e bevande che contengono caffeina

Anche per la caffeina i nostri animali non possiedono enzimi che facciano si che possano metabolizzarla e questa causa nel loro organismo reazioni esagerate. Queste reazioni possono portare nell'animale grossi squilibri metabolici, rischiosi a causa della sua natura delicata. Attenzione perché non solo il caffè contiene questa sostanza, la troviamo ad esempio anche nella coca-cola, in alcuni biscotti, nelle caramelle (non indicate anche per il contenuto di zucchero).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

5 alimenti da non dare al pappagallo

La maggior parte delle persone e, soprattutto chi non ha mai posseduto un pappagallo, spesso tende a sottovalutare l'importanza della sua alimentazione. È proprio fornendo una dieta corretta e bilanciata al nostro pappagallo, che possiamo garantirgli...
Volatili

5 alimenti da non dare al canarino

Se abbiamo appena acquistato una coppia di canarini, è importante alimentarli in modo corretto; infatti, ci sono tantissimi cibi naturali che sono di facile reperibilità, ognuno con una specifica funzione, oltre a quelli misti (semi), acquistabili...
Volatili

Le differenti tipologie di anatra

Quando si pensa alle anatre si immagina il comune Germano reale o le varie anatre ibride sugli stagni locali. Tuttavia in natura ci sono molti tipi diversi di anatre. L'anatra appartiene all'ordine degli uccelli quelli degli Anseriformi: la sottofamiglia...
Volatili

I principali uccelli migratori

Gli uccelli migratori sono alcuni speciali volatili che durante il corso dell'anno, nel passaggio tra le stagioni, decidono di spostarsi dai luoghi troppo freddi in cui vivono verso le zone più calde, allo scopo di portare avanti i processi riproduttivi...
Volatili

I principali uccelli da stagno

Tra gli animali presenti nel nostro pianeta troviamo gli uccelli da stagno. Lo stagno è uno specchio d'acqua immobile, non molto profondo e abbastanza piccolo. Esso è posto in luoghi dove vi è la giusta alimentazione per la fauna e un fondale resistente....
Volatili

L'alimentazione dei pappagalli

I Pappagalli sono animali, oltre che belli e variegati, anche molto intelligenti ed è sicuramente molto piacevole godere della loro compagnia. Sono però anche piuttosto delicati, quindi è fondamentale conoscere le loro esigenze, sia per quanto riguarda...
Volatili

Come nutrire le quaglie

Allevare le quaglie è abbastanza semplice, e può essere anche produttivo: da questi animali si possono ricavare grandi quantità di uova e di carne. In una voliera abbastanza grande infatti possono entrare sino a 20 esemplari, di cui 15 femmine, e la...
Volatili

Come Alimentare Paperi E Pulcini

Pur esistendo in commercio una certa varietà di mangime per alimentare pulcini e paperi, l'utilizzo di alimenti naturali comporta alcuni evidenti vantaggi. Innanzitutto, preparando in casa il cibo per i pulcini si ha la possibilità di scegliere alimenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.