5 alimenti da non dare alle galline

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le galline sono degli animali abbastanza delicati a causa della conformazione del loro stomaco, che non permette a questi animali di digerire alcuni alimenti. In questa guida vi segnalo 5 alimenti da non dare alle galline per non correre il rischio di farle ammalare in modo molto serio. Seguendo queste semplici indicazioni, le vostre galline saranno sempre sane e piene di vita!

26

Patate

Le patate sono un alimento altamente tossico per le galline e i polli poiché contengono la solanina, un potente alcaloide molto pericoloso. Anche le bucce di patata contengono questa sostanza molto pericolosa, quindi sono da scartare anch'esse. L'unico modo in cui è possibile somministrare alle galline la polpa della patata, è previa cottura. Tuttavia, è consigliabile ugualmente non dare patate neanche cotte alle galline più di una volta al mese.

36

Agrumi

Tutti gli agrumi, arance, limoni, pompelmi ecc. A causa dell'alto tasso di acidità sono dannosi per le galline e tutti i volatili in generale, procurando molti problemi al sistema digestivo, e per questo motivo dovete assolutamente evitare di somministrarle alle vostre galline. Lo stesso discorso vale per le bucce degli agrumi, che nonostante la loro mancanza di acidità contengono una sostanza molto amara, presente anche nella parte bianca dei frutti, che risulta essere velenosa.

Continua la lettura
46

Zucchero

Lo zucchero, così come tutti i prodotti che lo contengono, biscotti, merendine ecc., fa male al sistema digestivo delle galline e bisogna assolutamente evitare di offrirlo alle galline, per non rischiare che si ammalino in modo anche molto serio. Purtroppo ultimamente molti allevatori poco seri hanno preso l'abitudine di nutrire le loro galline con i prodotti di scarto delle aziende dolciarie, per risparmiare sui costi del mangime, ma il risultato di questo comportamento deprecabile è che molte galline si ammalano in modo permanente.

56

Cipolla

La cipolla contiene delle sostanze volatili che possono danneggiare lo stomaco delle galline. È quindi vietato mescolare pezzi di questo alimento al mangime dei vostri volatili. Il divieto è valido sia per la cipolla cruda che per la cipolla cotta. Questa indicazione è valida anche per le bucce, sia crude che sbollentate, in quanto le sostanze dannose non si neutralizzano neanche dopo la cottura.

66

Fagioli crudi

I fagioli crudi sono velenosi perché contengono delle sostanze pericolose: le lecitine e i glucogeni cianogenici. Questi composti sono molto nocivi per tutti i polli e possono provocare serie malattie alle galline. Tuttavia la cottura prolungata eliminata dai fagioli queste sostanze pericolose.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Alimenti da non dare al cavallo

L'equitazione è un'attività che sta prendendo sempre più piede nel nostro paese. Moltissimi giovani e anche giovanissimi si stanno appassionando a questo sport affascinante, che può regalare grandissime soddisfazioni sia a livello agonistico che amatoriale....
Cura dell'Animale

5 alimenti da non dare all'iguana

L'iguana è un bellissimo, maestoso ed affascinante animale selvaggio. È possibile incontrare un'iguana in un bosco selvatico, oppure in una giungla lontana, ma alcune persone amano così tanto questo splendido animale da desiderare di tenerne uno in...
Cura dell'Animale

Come alimentare le galline ovaiole

Gli scaffali dei supermercati offrono uova di diverse qualità, provenienti da animali allevati a terra, all'aperto o comunque in maniera intensiva. Quindi, per essere certi di consumare un prodotto eccellente o ci si rivolge al contadino di fiducia o...
Cura dell'Animale

Come proteggere le galline dagli animali selvatici

Le galline possono essere molto vulnerabili ai predatori come volpi, coyote e altri carnivori in cerca di un pasto facile. Proteggere le galline richiede un po' di accortezza e un po' di manutenzione periodica e monitoraggio per garantire che essi siano...
Cura dell'Animale

Come evitare che le galline mangino le proprie uova

Negli animali che vivono in condizioni di libertà, i casi di ovofagia (la tendenza a mangiare le proprie uova) sono piuttosto rari o del tutto inesistenti. Non si può dire lo stesso per quanto riguarda, invece, gli allevamenti in cattività. In queste...
Cura dell'Animale

5 regole d'oro per la cura delle galline

Se abbiamo a disposizione un bel giardino, dotato della giusta ampiezza o se magari abitiamo in campagna, l'allevamento e la cura delle galline possono rappresentare un'idea intrigante, sia se siamo interessati alla produzione di uova, sia se lo facciamo...
Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella cura delle galline

Se abbiamo un piccolo pollaio ed intendiamo allevare con cura le galline, ci sono alcuni importanti accorgimenti da prendere per evitare di commettere errori che si ripercuotono sulla loro salute, e non ci consentono più di ottenere le tanto attese uova...
Cura dell'Animale

Come proteggere le galline dai parassiti

I parassiti, che tendono ad infestare le galline esternamente, sono un problema molto più frequente di quanto si possa immaginare e che tende ad aumentare nella bella stagione a causa delle temperature superiori. Questa breve ed attenta guida contiene...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.