5 consigli per accudire un pappagallo

Tramite: O2O 19/09/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

Come ben saprete, i pappagalli sono animali intelligenti, ma molto istintivi. Esistono tantissimi esemplari di pappagalli, ed ognuno possiede caratteristiche ben diverse, quindi se siete certi di voler acquistare uno di questi volatili, prendetevene uno che sia congruo alle vostre esigenze. In questo articolo, vedremo 5 consigli per accudire, nel modo più appropriato, il nostro amico volatile.

27

Cibo

Per prima cosa, vediamo la dieta del pappagallo cosa prevede, in modo da farlo crescere sano e forte. La frutta è il pasto ideale per questo tipo di animale, infatti uva, banane, mele, tutta frutta fresca lavata al momento. Assicurarsi di non dare alcuni tipi di verdure come cipolle e melanzane, perché sono altamente tossici. Altra variante gustosa per i nostri amici, è la frutta secca come noci e pistacchi, dove si dilettano a romperne il guscio.

37

Gabbia

La gabbia per il pappagallo è fondamentale, infatti, le migliori, sono quelle rettangolari e ovviamente prenderne una abbastanza capiente e confortevole per far si che l'animale si possa muovere liberamente. Premurarsi di inserire acqua ogni giorno e non esagerare con le quantità di cibo. Dopodichè, dopo aver chiuso porte e finestre, in modo che non possa scappare, fate le prove per farlo abituare alla sua nuova casa.

Continua la lettura
47

Pulizia

All'interno della gabbia, premuratevi (come già accennatovi nel paragrafo precedente) di cambiare quotidianamente acqua e cibo, quest'ultima, tende a marcire molto presto. Inoltre, cambiate, quando è il momento, i rivestimenti della gabbia, buttate tutti i residui di cibo e assicuratevi di pulire la gabbia ogni settimana con disinfettante adeguato ai volatili.

57

Salute

Un occhio di riguardo, ovviamente, va alla salute, infatti, questi animali, sono molto delicati. Quando vediamo un pappagallo abbastanza dritto e in salute, non ci dobbiamo preoccupare; quando iniziamo a notare comportamenti diversi, come mordersi le piume, occhi gonfi, becco storto, allora è il caso di fare una visita periodica dal veterinario per accertarci della salute del nostro caro amico pennuto.

67

Socializzazione

Infine, rimaniamo con la cosa più simpatica e divertente, ovvero divertirci e socializzare con lui. La prima cosa da non dover mai fare è, non produrre forti rumori, dato che sono molto sensibili ai rumori stessi; quindi avvicinarsi piano piano e possibilmente, bloccarsi quando si nota che il pappagallo tende ad agitarsi e allora così via ogni volta. La stessa cosa vale nel volerlo accarezzare, quindi, procedere di soppiatto allo stesso modo, con la mano verso il becco e appena vedete l'intenzione di mordervi, fermarsi, per poi riprendere piano piano. Non vi arrabbiate o demotivate, ovviamente, gli animali sono come noi ed anche i pappagalli vogliono prender fiducia delle persone, in effetti è una cosa da non poter regalare a tutti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Pappagallo Amazzone: caratteristiche e cura

Se in un centro di ornitologia acquistiamo un Pappagallo Amazzone, è importante conoscere a fondo le sue caratteristiche, e soprattutto la cura necessaria affinché possa vivere tranquillamente nell'ambiente domestico. A tale proposito nei passi successivi...
Volatili

Come insegnare a parlare ad un pappagallo

I pappagalli certamente sanno comunicare, ma non hanno quella capacità di linguaggio tipico degli esseri umani. Gli animali, e in questo casi i pappagalli, sono in grado di trasmettere informazioni utilizzando canali uditivi, olfattivi, tattili e anche...
Volatili

5 alimenti da non dare al pappagallo

I pappagalli appartengono all'ordine dei Psittaciformi. Tutte le varietà hanno in comune il becco robusto ed adunco. Mediante la sua particolare conformazione possono manipolare qualsiasi oggetto con la massima precisione e delicatezza. Gli occhi del...
Volatili

Come prendersi cura di un pappagallo

Gli animali da compagnia sono molti; tra essi il cane, il gatto ed il coniglio. La maggior parte delle persone sceglie di avere in casa uno di questi animali, ma ci sono anche alcuni che preferiscono avere un acquario colmo di pesci oppure un altro genere...
Volatili

Come curare la congiuntivite al pappagallo

Le nostre case accolgono diversi tipi di animali domestici, che sono entrati, ormai da anni, a far parte della famiglia, considerati a pieno titolo amici e componenti del nucleo. C' è chi sceglie un cane, ritenendolo il più fedele tra gli amici a quattro...
Volatili

Come Riconoscere il sesso del pappagallo cenerino

Le specie di uccelli sono molte, e forse anche voi avete in casa qualche uccellino, e vi sarete certamente chiesti di che sesso sia o come si può riconoscere. Purtroppo in molti, come per il pappagallo cenerino, non è possibile riconoscerlo. Il pappagallo...
Volatili

Come insegnare al pappagallo a parlare

I pappagalli sono stupendi e intelligenti uccelli che hanno un folto piumaggio colorato ed il becco ricurvo. Si muovono in modo molto aggraziato, quasi come a pavoneggiarsi per mostrare le loro bellissime piume variopinte. Alcune specie di pappagalli...
Volatili

Pappagallo Ara: caratteristiche e cura

Il Pappagallo Ara è un volatile regale, dal piumaggio meraviglioso e dal portamento fiero. Nonostante sia un animale più adatto a vivere in cattività, non è raro trovarne alcuni esemplari all'interno delle abitazioni come animale domestico e da compagnia....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.