5 dritte per educare un cucciolo a stare da solo

Tramite: O2O 29/09/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se abbiamo deciso di adottare un cucciolo di cane, ma temiamo che possa sentirsi solo quando non siamo in casa o comunque non abbiamo molto tempo da dedicargli, è importante sapere che ci sono alcuni metodi molto funzionali per evitare ciò. In riferimento a questo particolare, ecco dunque una lista con 5 dritte per educare un cucciolo a stare da solo.

27

Abituare il cucciolo a non seguirci

La prima dritta che ci sentiamo di consigliare, consiste nel far abituare il cucciolo a non seguirci quando usciamo verso l'uscio della casa, ne tantomeno all'interno di essa. In tal modo non abbaierà, e soprattutto non ci mette in condizioni di avere dei rimorsi, per doverlo necessariamente lasciarlo da solo, perché magari stiamo andando al lavoro.

37

Tenere il cucciolo in camera da letto

La camera da letto è il luogo ideale per tenere il cucciolo in buona compagnia, e non fargli avvertire la mancanza della madre, specie dopo un drastico distacco. In tal modo il piccolo animale si sentirà protetto, e capirà che l'ambiente in cui trascorre gran parte della giornata insieme al padrone, è il luogo ideale per vivere in modo sereno, e soprattutto non si sentirà solo e abbandonato, condizione che potrebbe portare con sé anche da adulto.

Continua la lettura
47

Aspettare alcuni minuti prima di coccolare il cucciolo

Quando ritorniamo a casa, per far abituare il cucciolo a stare da solo, bisogna adottare un piccolo ma funzionale trucco; infatti, conviene aspettare alcuni minuti (magari 5 o 6) prima di coccolarlo. Agendo in questo modo, il cagnolino quando ci vedrà ogni giorno non abbaierà, e nel contempo si renderà conto che la nostra indifferenza non è un atteggiamento ostile.

57

Lasciare al cucciolo un oggetto per giocare

Di fondamentale importanza per un cucciolo di cane, è di giocare con qualsiasi cosa. Lasciargli quindi qualche oggetto per divertirsi, lo aiuta a sentirsi meno solo quando non siamo in casa, poiché la sua passione e l'affezione per il giocattolo preferito lo rende sereno, e consapevole che in quel momento la distrazione è in grado di sostituire il suo padrone.

67

Evitare di parlare al cucciolo quando usciamo

Come descritto nel secondo passo di questa lista, in merito ad un nostro atteggiamento di finta indifferenza nei confronti del cucciolo quando ritorniamo a casa, lo stesso discorso vale se usciamo per andare a fare la spesa o al lavoro; infatti, non parlargli lo fa abituare a comprendere che non si tratta di un abbandono, bensì di un'azione quotidiana temporanea e che quindi il suo abbaiare non serve. In caso contrario, se lo accarezziamo non facciamo altro che abituarlo a questa condizione, che diventa per lui poi un'abitudine, in quanto scopre il nostro punto debole.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come educare un cucciolo a fare i bisogni fuori casa

È sicuramente molto piacevole, divertente ed entusiasmate avere un cucciolo in casa. Questo però potrebbe comportare molte noie, fastidi e problemi non sempre di facile ed immediata soluzione. Senza dubbio, uno dei più grandi problemi da risolvere,...
Cani

5 regole d’oro per educare un cucciolo

L'arrivo di un cucciolo nel nucleo familiare è un momento di grande gioia: un nuovo membro della famiglia, capace di amare incondizionatamente, è destinato a cambiare tutti gli equilibri della casa e dei suoi abitanti. Adottare un cagnolino, un gattino...
Cani

Come educare il cane a stare in pubblico

Le persone che possiedono un cane sanno che è difficile addestrarlo; qualche volta l'amore e la pazienza non bastano. Alcuni cani sono docili e riescono a capire subito gli ordini del padrone, altri sono più irrequieti e necessitano di qualche attenzione...
Cani

Come educare ed alimentare un rhodesian ridgeback

Si può tranquillamente affermare che il Rhodesian Ridgeback è una delle razze canine più nobili ed eclettica che si possa trovare in Italia. La sua provenienza è Sud africana ed è stato impiegato soprattutto nella caccia al leone. Il nome della razza...
Cani

Come abituare un cucciolo a dormire tutta la notte

Avete da poco adottato un cane e già siete disperati? Il cucciolo piange e passate le notti in bianco? Non vuole saperne di dormire? Se la risposta è sì, mantenete la calma. Ha solo bisogno di abituarsi. Accertatevi, prima di tutto, che il cane abbia...
Cani

5 modi per addestrare un cucciolo

Un cucciolo va sempre addestrato con tantissimo amore ed un quintale di pazienza, allo stesso modo come si farebbe con un bimbo piccolo che deve ancora imparare le regole. In questa guida dedicata agli amanti degli animali vi indico 5 modi diversi per...
Cani

Come educare un Cocker Spaniel

Il Cocker Spaniel è uno dei più diffusi cani da caccia. Il suo carattere tendenzialmente allegro e gioioso lo rende il tipo di cane ideale per chi ha uno stile di vita attivo e dinamico o per chi ama trascorrere ogni giorno almeno un’ora in compagnia...
Cani

I comandi base da insegnare al cucciolo

Già dopo i primi tre mesi di vita è possibile iniziare ad addestrare un cucciolo per fargli recepire i comandi necessari alla sua educazione. Vi consigliamo di svolgere questi esercizi dapprima in casa (dove l'animale si sentirà più sicuro), per poi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.