5 modi per insegnare a un gatto a non mordere e graffiare

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il gatto è, dopo il cane, l'animale da compagnia preferito dalla maggior parte delle persone. Sebbene il gatto sia una creatura dall'indole indipendente non disdegna coccole e giochi. Ma a volte il "gioco" diventa molesto e le sue unghie possono graffiare. Con i suoi denti appuntiti mordere risulta spesso in qualche ferita fastidiosa. Fortunatamente possiamo insegnare al micio dei modi per non mordere e graffiare. Nella lista che segue ne vedremo 5 di indubbia efficacia.

26

Utilizzare dei giocattoli

I giocattoli per animali domestici sono presenti oramai in tutti i supermercati. Sono adatti per forme, colori, dimensioni e consistenza al loro divertimento. Un gatto sa essere molto giocherellone e utilizza unghie e denti per catturare le "prede". Spesso il gatto ha bisogno di sfogare questi istinti da predatore. I pupazzetti per gatti sono un ottimo strumento per evitare che si sfoghi sulla nostra pelle.

36

Fare attenzione al suo comportamento

Il gatto, come detto, è una creatura indipendente. Ciononostante gradisce le attenzioni. Ma dobbiamo capire quale sia il momento giusto per dargliele. Un gatto potrebbe graffiare e mordere se disturbato nell'attimo sbagliato. Una carezza in un punto fastidioso per lui, un'invasione della sua "privacy" al momento meno opportuno... I motivi possono variare. Impariamo a dargli attenzioni e coccole solo quando è lui a cercarle.

Continua la lettura
46

Ristabilire l'ordine in caso di graffi e morsi

Questo è un intervento necessario da parte del padrone verso il gatto. Possiamo infatti insegnare al felino che il "predominio" è nostro, senza intaccare la sua fiducia. Se il gatto inizia a graffiare e mordere stabiliamo il contatto visivo con lui. Poi lanciamo un deciso "NO!", senza urlare. Ignoriamo dunque il gatto per una manciata di minuti. Evitiamo totalmente gli schiaffi.

56

Insegnare al gatto qualche associazione

La capacità di associazione di certi animali è ben nota sin dai tempi di Ivan Pavlov. Simili tecniche comportamentali permettono a umani e animali di associare una sensazione ad uno stimolo. Nel caso del gatto dobbiamo associare una sensazione negativa al mordere e graffiare. Potremmo, per esempio, spruzzargli un po' d'acqua sul muso. Cosa non piacevole per un micio! Il gatto assocerà tale sensazione negativa al morso e al graffio. Tenderà dunque a non ripetere il gesto.

66

Non usare le dita per giocare con lui

Quando vogliamo far divertire il nostro gatto, la prima cosa che usiamo sono le dita. Per il gatto le nostre dita in movimento saranno delle piccole prede da catturare. Questo li porta a "darci la caccia", e dunque a mordere e graffiare le nostre mani. Dobbiamo evitare questo comportamento. Preferiamo, piuttosto, degli oggetti. Come al passo 1, optiamo per dei giocattoli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come insegnare al tuo cucciolo a smettere di mordere

I cuccioli trascorrono gran parte del loro tempo a giocare masticando oggetti, facendo diventare i loro denti sempre più aguzzi. Pertanto, quando giocano con gli esseri umani, spesso tendono a mordere le mani e i vestiti. Questo tipo di comportamento...
Animali da Compagnia

Come insegnare ad un furetto a non mordere

Tra i moltissimi animali da compagnia poco convenzionali che abitano le nostre case, fa la sua comparsa il furetto, un mustelide carnivoro molto simile alla puzzola. Vista l'indole a volte aggressiva di questo piccolo animale, la domanda che spesso sorge...
Cani

Come insegnare al Labrador a non mordere

Un buon padrone deve sempre essere in grado di educare nel modo corretto il proprio cane. Il buon comportamento di questo animale dipende infatti da ciò che il padrone è in grado di insegnargli, soprattutto durante i primi anni di vita. Tra le razze...
Cani

Come insegnare al cane a non mordere

I cani per istinto ma soprattutto se si sentono in pericolo, tendono a mordere, ma tuttavia è importante sapere che c'è la possibilità per noi padroni di insegnarli a non farlo. Tutto ciò richiede però un addestramento specifico che va fatto quando...
Cura dell'Animale

Cosa fare se il furetto continua a mordere

Il furetto (Mustela putorios furo) è un animale domestico, da secoli è abituato a vivere con l'uomo, che appartiene alla specie dei mustelidi. È quindi un carnivoro che raggiunge le dimensioni - coda compresa - di circa 60 cm. Dotato di un carattere...
Gatti

Come insegnare al gatto a non usare le unghie

Il gatto, subito dopo il cane, è l'animale domestico che riscuote maggiori preferenze negli esseri umani; questo felino, a differenza del cane, è molto più tranquillo e mansueto ed interagisce abbastanza poco con la vita dei suoi padroni. L'unico problema...
Gatti

5 modi per non farsi mordere dal gatto

Il gatto è uno dei migliori amici dell'uomo. Domestico ma anche selvatico ha un carattere solitamente indipendente, affettuoso e amante delle coccole alle quali solitamente reagisce con le fusa. È un animale territoriale: il territorio del gatto ha...
Cani

5 regole d’oro per educare un cucciolo

L'arrivo di un cucciolo nel nucleo familiare è un momento di grande gioia: un nuovo membro della famiglia, capace di amare incondizionatamente, è destinato a cambiare tutti gli equilibri della casa e dei suoi abitanti. Adottare un cagnolino, un gattino...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.