5 modi per proteggere le tartarughe dal caldo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le tartarughe, essendo rettili, sono creature eteroterme, il che significa che la loro temperatura corporea è la stessa dell'ambiente in cui vivono. Esse non sono, a differenza dei mammiferi, dotate di strutture che permettono di regolare il calore del proprio corpo. Per questo è necessario assicurarsi che la temperatura del loro habitat non vada mai oltre una certa soglia, divenendo troppo bassa o troppo alta, inducendo così l'animale ad entrare in uno stato latente per ridurre al minimo il dispendio di energie. Questo meccanismo di difesa naturale viene detto "letargo" quando è causato dal freddo, mentre "estivazione" quando è dovuto all'eccessivo caldo. Per proteggere le tartarughe da temperature troppo alte vi sono tuttavia diversi modi, di seguito ne vedremo 5 fra i più importanti.

27

Offrire ombra e terra da scavare

Prima di tutto, bisogna tenere presente che le temperature iniziano ad essere troppo calde per le tartarughe quando superano i 35°C. Per ovviare a questo problema, le tartarughe cercano un riparo ombreggiato in cui adagiarsi immote, senza mangiare, fino a quando la loro temperatura corporea non è nuovamente scesa. A volte, però, preferiscono scavare delle piccole buche nella sabbia in cui seppellirsi in parte o totalmente. Per questo è essenziale offrire alle tartarughe un riparo ombreggiato che può essere costituito da un piccolo cespuglio e, se possibile, una zona del giardino in cui possano liberamente scavare.

37

Aggiungere foglie secche o paglia

Quando le tartarughe vivono in natura, non hanno difficoltà a trovare da sole il luogo migliore in cui regolare la propria temperatura interna. Se però l'ambiente che hanno a disposizione è circoscritto e meno fruibile, possono avere bisogno di un aiuto in più da parte del proprietario. Per favorire l'interramento delle tartarughe di terra, per esempio, è possibile sollevare parte del terreno con una pala per rendere all'animale più facile il processo di scavatura o, ancora, provvedere a ricoprire la tartaruga già interrata con un ulteriore strato di foglie secche o paglia.

Continua la lettura
47

Lasciare due ciotole d'acqua a disposizione

Per le tartarughe di terra è importante avere sempre a disposizione due piccoli contenitori con dell'acqua pulita. A questo proposito sono adatti dei semplici sottovasi, uno da posizionare al sole e l'altro all'ombra. Il primo tornerà utile per permettere all'animale di fare bagni tiepidi, mentre il secondo per bere, rinfrescarsi e stimolare la minzione. Dove fosse possibile installarla, sarebbe indicata una piccola fontanella in cui la tartaruga possa bagnarsi con acqua corrente quando ne avverte il bisogno, utile anche per le specie acquatiche.

57

Offrire cibo fresco e acquoso

Nel periodo estivo, ovviamente, è consigliata la somministrazione (non esagerata) di frutta, in particolare dei tipi di frutta che contengono molta acqua (come l'anguria, il melone e la fragola). Si consiglia tuttavia di lasciare a disposizione delle tartarughe diverse piante erbacee che crescano nel loro habitat, essendo l'animale in grado di autoregolarsi nella nutrizione scegliendo ciò di cui ha più bisogno a seconda del periodo. Fra le piante consigliate troviamo: la cicoria, il radicchio, la valeriana, la scarola, il cavolo, il trifoglio, il tarassaco, la malva e l'acetosella.

67

Controllare l'esposizione

Il sole non deve diventare, in ogni caso, un problema su cui porre eccessiva apprensione. Le tartarughe hanno infatti bisogno di esporsi quotidianamente ad esso, riparandosi all'ombra solamente nelle ore più torride. Se l'habitat delle tartarughe è esposto a nord, non è adatto a tale scopo. Se invece è esposto a sud, occorre costruire un piccolo riparo o un rifugio di mattoni in cui l'ombra sia sempre facilmente raggiungibile. Il rifugio è importante anche nel caso in cui le tartarughe possano trovare riparo in modi alternativi, poiché offre un riparo solido e sicuro anche dalle intemperie più forti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Il letargo nelle tartarughe mediterranee

Se siete degli appassionati di tartarughe o se possedete delle tartarughe mediterranee e vorreste capire un po' di più dei meccanismi che regolano il loro stile di vita, questa guida fa al caso vostro. Le tartarughe mediterranee sono tra le specie di...
Rettili e Anfibi

Come costruire una casetta per tartarughe

La maggior parte delle persone ama la compagnia degli animali domestici. Tra questi, cani e gatti sono i più diffusi in assoluto. Ma c'è anche chi ama circondarsi di animali un po' più 'esotici'. È il caso quindi delle tartarughe. Quest'ultimo possono...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura delle tartarughe di acqua dolce

Le tartarughe sono degli animali abbastanza belli e riescono in un certo senso anche ad essere affascinanti. Se si amano questi animali si possono comprare delle piccole tartarughe di acqua dolce. Se si decide di acquistare le tartarughe bisogna garantire...
Rettili e Anfibi

Come distinguere il sesso delle tartarughe

Le tartarughe sono animali appartenenti alla specie dei rettili e come tutti gli animali a sangue freddo, trascorrono le prime ore del giorno ad immagazzinare calore per poter riscaldare il proprio corpo ed attivare il proprio metabolismo. Strano a dirsi,...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Rettili e Anfibi

Tartarughe: classificazione e anatomia

Quando parliamo di tartarughe, nel linguaggio comune intendiamo le specie acquatiche, sia marine che di acqua dolce. Quando invece si parla delle tartarughe terrestri si usa il termine testuggini. Dal punto di vista tassonomico però non è così e con...
Rettili e Anfibi

Come Costruire un terrario per le tartarughe di terra

Hai trovato delle tartarughe in giardino e non sai dove metterle? Sono nate delle nuove tartarughe? Se rientri in questi casi e non vuoi lasciarle libere per il giardino sei sul sito giusto! Questa Guida spiega come costruire un ottimo terrario per le...
Rettili e Anfibi

Come costruire un acquaterrario per tartarughe

Uno dei motivi principali che spingono una persona ad adottare una tartaruga è senza dubbio il poco impegno che richiede la cura giornaliera delle tartarughe d'acqua dolce. Infatti in estate è sufficiente dare loro da mangiare una volta al giorno e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.