5 motivi per portare il criceto dal veterinario

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se abbiamo appena deciso di allevare un criceto, è importante sapere che si tratta di un animaletto molto cagionevole di salute, per cui è necessario periodicamente curarlo e soprattutto affidarsi ad un veterinario. Nello specifico ci sono almeno 5 buoni motivi per portare il criceto in uno studio medico specializzato, e a tale proposito ecco una lista in cui sono accuratamente elencati.

27

Se ci appare poco pimpante

Se il criceto ci appare poco pimpante e soprattutto ha un aspetto poco convincente, con annessi dei disturbi vari come ad esempio gli occhi che gli lacrimano, oppure notiamo la presenza di alcuni bozzi, è necessario recarci dal veterinario per poterlo curare tempestivamente, poiché si tratta di sintomi preoccupanti e di natura infettiva.

37

Se si incastra da qualche parte

Se il criceto si incastra da qualche parte come ad esempio nelle sbarre della gabbietta e si rompe una zampetta, non bisogna perdere tempo ma portarlo subito dal veterinario che lo cura e soprattutto gli crea una stecca, in modo da ridurre la frattura e scongiurare il rischio di setticemia e conseguente cancrena.

Continua la lettura
47

Quando è bagnato e sporco di feci

Come accennato in fase introduttiva il criceto è un animaletto molto delicato, basti pensare che i suoi battiti cardiaci raggiungono i 200 al minuto, per cui se notiamo che è sporco di feci e bagnato, allora è il caso di intervenire tempestivamente. In tal caso, si tratta di un’infezione intestinale che può degenerare a causa del suo metabolismo molto veloce, e quindi con il rischio di disidratazione che lo conduce alla morte.

57

Se vi è perdita di pelo

Se vi è la perdita di pelo eccessiva, ciò significa che il nostro criceto non risponde in modo adeguato agli aminoacidi naturali di cui ha bisogno. In questo caso, è necessario portarlo subito dal medico che provvede a somministragliene altri per via orale (in acqua e cibo), in modo da sopperirne alla mancanza, che in taluni casi può diventare cronica. La cura deve essere effettuata periodicamente, per riportare il nostro criceto in uno stato ottimale di salute.

67

Se mangia pochissimo

Quando il nostro criceto comincia a rifiutare il cibo, è indubbiamente un altro sintomo che deve farci pensare immediatamente a portarlo dal veterinario, poiché se mangia pochissimo, la mancata assunzione di cibo rischia di fargli perdere peso corporeo, e con conseguente deperimento fisico che lo conduce alla morte. Il medico specialista in tal caso, provvede subito alla prescrizione di farmaci e vitamine adeguate per favorire l’appetito, e quindi scongiurare il degenerare del fenomeno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come capire se il criceto sta male

Sono molte le persone che si avvalgono della compagnia di un piccolo animale domestico; tra queste, una quota rilevante è composta da chi ha in casa propria un criceto, animale da compagnia per antonomasia, molto simpatico, di cui in particolare la razza...
Cura dell'Animale

Come tagliare le unghie al criceto

Il criceto è uno dei roditori più diffusi all'interno delle case degli italiani, costituendo un simpatico e paffuto animale domestico. A caratterizzarlo sono l'aspetto piuttosto tozzo, una coda corta e un manto decisamente folto, che presenta in molti...
Cura dell'Animale

Alimentazione criceto: cosa evitare

Ecco pronta una bela guida, che è adatta a tutti i nostri lettori, che amano avere in casa e quindi prendersi cura di un animale. Avere un animale in casa, è molto bello, ma allo stesso tempo porta con sè tanta responsabilità ed anche buona volontà....
Cura dell'Animale

Come pulire le orecchie al criceto

Il criceto, grazie al suo aspetto buffo e simpatico, è il più diffuso roditore domestico nelle case degli italiani, seguito a ruota dal coniglio nano. Questo simpatico animaletto non richiede troppa attenzione ed ha una salute ferrea, però bisogna...
Cura dell'Animale

Come proteggere il criceto dal caldo estivo

Con l'arrivo della calura estiva, iniziano i piccoli e grandi problemi, per taluni animali che soffrono in maniera particolare il caldo eccessivo. Per tutte le specie l'eccessiva temperatura può causare problemi, ma soprattutto quelle più piccole e...
Cura dell'Animale

Igiene e alimentazione del criceto

Gli animali domestici hanno bisogno di particolari attenzioni per vivere e crescere felici e in salute. Oggi, per l'esattezza, parleremo dell'igiene e l'alimentazione del criceto. Questo tipo di roditore è molto delicato, e quindi necessita di cure minuziose...
Cura dell'Animale

5 consigli per la cura delle unghie del criceto

Sono molte le persone che, all'interno della propria abitazione, hanno una gabbietta contenente uno o più criceti. Si tratta di animali simpatici, giocosi e piuttosto facili da accudire. Devono comunque essere garantite le condizioni ideali per la sopravvivenza...
Cura dell'Animale

Come proteggere il criceto dal freddo

I criceti sono animali domestici molto dolci ma anche tanto delicati. È quindi necessario fare attenzione nella loro cura, per evitare che prendano freddo. Va anche detto che, fortunatamente per il padrone, il criceto non necessita di cure troppo impegnative....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.