5 regole d'oro per la cura di una tartaruga

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se abbiamo appena acquistato una tartaruga ed intendiamo allevarla, magari per tentare anche in futuro la riproduzione, è importante curarla e rispettare delle regole che seppur semplici, si rivelano importanti ai fini della sua sopravvivenza. A tale proposito, ecco un lista con 5 regole d'oro per la cura di una tartaruga.

26

Creare una sorta di gabbia

Un grave pericolo per le tartarughe di piccole e medie dimensioni sono i predatori come cani, gatti, ratti (soprattutto), piccioni e volpi, in pratica tutti quegli animali che per cibarsi o per giocare, possono insidiarla seriamente. La regola fondamentale è dunque di non lasciarla senza una recinzione, creando in pratica una sorta di gabbia in modo che i suddetti predatori, non possano nè infilarsi lateralmente che dall'alto. Molto importante sono le maglie fitte, poiché ci sono alcuni animali come ad esempio i ratti, che riescono a penetrare anche in presenza di un foro di piccole dimensioni.

36

Recintare il nido

Se la tartaruga abbiamo deciso di farla accoppiare, è opportuno recintare il nido, per evitare che volatili predatori come ad esempio falchetti, cornacchie e piccioni, possano intrufolarsi e svuotare con il becco le uova, vanificando il nostro sacrifico e quello delle tartarughe stesse. Lo scopo di questa regola d’oro è di evitare anchee che cani e gatti, possano invece scambiare le uova per delle palline, e rubarle solo per semplice divertimento.

Continua la lettura
46

Tenerla lontana dalle coltivazioni

Un serio pericolo per la nostra tartaruga può venire proprio dal giardino in cui abbiamo deciso di allevarla, per cui volendo prendercene cura in modo adeguato, bisogna tenerla lontano dalle coltivazioni, poiché per distrazione potrebbe capitare di schiacciarla o fargli del male in occasione di potature, utilizzo di falciatrici elettriche e soprattutto diffusori di antiparassitari che contenendo veleni, potrebbero causarne la morte prematura.

56

Fornirgli acqua per rinfrescarsi

Le tartarughe bevono praticamente poco o nulla, e l’acqua di cui necessitano giornalmente la prendono nell'erba bagnata dalla rugiada, ma nei periodi molto caldi, per evitare il surriscaldamento eccessivo del guscio, è importante fornirgli acqua per rinfrescarsi, inserendola in una scodella abbastanza larga e molto bassa, in cui si possono fare un bagnetto.

66

Nutrirla prima del letargo

La tartaruga essendo un animale che va in letargo, va nutrita fino a poche settimane prima di tale periodo, per evitare che possa al risveglio ammalarsi per denutrizione e mancanza di vitamine; infatti è sicuramente una regola dargli molto cibo, in modo da farla andare in letargo sazia, e con un sistema immunitario forte e sicuro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

Come allevare una tartaruga di terra in giardino

Allevare le tartarughe di terra è davvero facile con le giuste informazioni e mantenimento corretto. Il giardino è il luogo più adatto per loro, più a contatto con quello che è il loro habitat naturale. Basta avere pochi semplici accorgimenti e riuscirete...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga da terra

Se decidiamo di adottare una tartaruga terrestre, è importante informarsi sulle sue abitudini, le necessità, le cure, l'alimentazione e lo spazio di cui necessita. Abilissima ad arrampicarsi, è spesso orientata a tentare la fuga dalle zone protette,...
Animali da Compagnia

Tartaruga: quando non può andare in letargo

Le tartarughe sono animali meravigliosi e talvolta diventano anche longevi animali da compagnia. Ogni tartaruga trascorre gran parte dell'inverno nel proprio guscio, consumando le riserve di grasso corporeo accumulate nella parte restante dell'anno. Tuttavia,...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga di terra

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto...
Rettili e Anfibi

Come accudire una tartaruga d'acqua dolce

La tartaruga d'acqua dolce è un animale simpatico e tenero da tenere. Spesso però, vedendo le tartarughe in un negozio d'animali, si è tentati d'acquistarne una, spesso senza conoscere le caratteristiche e le esigenze di questo particolare e delicato...
Cura dell'Animale

Come comportarsi durante il letargo delle tartarughe

Le tartarughe, seguendo l'esempio di altri animali che vivono in ambienti temperati, durante la stagione invernale devono ritirarsi in letargo per non rischiare di avere, successivamente, problemi legati al metabolismo. Con l'arrivo della primavera riprenderanno...
Rettili e Anfibi

Come affrontare il letargo della tartaruga

Durante l'autunno e l'inverno, quando le temperature scendono a causa della più bassa irradiazione solare, molti animali vanno in letargo. In particolare i rettili hanno un calo del'attività metabolica e il rallentamento di tutte le funzioni. Anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.